Rappresentante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il rappresentante è genericamente un soggetto fisico o giuridico incaricato unilateralmente da un altro soggetto fisico o giuridico al quale potrà sostituirsi nel compimento di attività varie per conto e con effetti diretti nella sfera giuridica di quest'ultimo. Qualsiasi attività negoziale o atto giuridico può essere compiuto a mezzo di un rappresentante, ad eccezione dei cosiddetti atti personalissimi come ad esempio il testamento o, in generale, i negozi giuridici del diritto di famiglia.

Esempi di rappresentante[modifica | modifica wikitesto]

Esempi sono il rappresentante legale o avvocato, i rappresentanti politici come un parlamentare o il rappresentante sindacale, anche detto sindacalista, che generalmente si adopera per tutelare i diritti dei lavoratori iscritti al suo sindacato.

Altro esempio è il rappresentante di commercio, che può essere incaricato attraverso una particolare forma di contratto detto mandato di agenzia con "diritto di rappresentanza". Infatti un'azienda può conferire mandato ad un agente di commercio per concludere contratti in suo nome, in sostanza concedendo e affidandogli un potere di rappresentanza ovvero una procura.

L'attività di rappresentante commerciale, spesso viene confusa con l'attività di agente di commercio o di procacciatore d'affari che sono molto simili in qualità di intermediari, possono ricercare intermediazioni per conto dell'impresa preponente con la possibilità di stipulare contratti che però potranno essere conclusi solo "salvo accettazione" della casa mandante.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Lavoro Portale Lavoro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lavoro