Raniero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Raniero è un nome proprio di persona italiano maschile[1][2][3][4].

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Varianti in altre lingue[modifica | modifica wikitesto]

Origine e diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Deriva dal nome germanico Raganhar o Raginhar, attestato già a partire dal VI secolo[1]. Si tratta di un composto delle radici ragin ("consiglio", "progetto", e anche "decisione divina") e hari ("esercito", "popolo in armi")[1][2][3][4]; il significato complessivo potrebbe essere interpretato come "esercito divino", "esercito consigliato dagli dei"[1][2], o anche "consigliero del popolo"[5]. Entrambi gli elementi che formano il nome sono ben attestati nell'onomastica germanica: il primo si riscontra anche in Rinaldo, Rembrandt, Raimondo e Rainardo, il secondo in Erberto, Aroldo, Ermanno, Gualtiero, Lotario e vari altri.

In Italia è giunto relativamente tardi: le prime attestazioni, risalente al X secolo, e la forma in cui compare, Rainerius, permettono di desumere che vi sia arrivato tramite la Francia[1]. La diffusione del nome, dovuta inizialmente anche al culto dei santi così chiamati[2][4], è stata ulteriormente promossa, negli ultimi decenni del Novecento, dalle vicende riguardanti la famiglia regnante di Monaco, nella quale è d'uso tradizionale[4]; secondo dati pubblicati negli anni settanta, il nome era diffuso dal Nord fino all'Abruzzo, accentrato in luoghi diversi a seconda delle varianti: Raniero in Lazio e Abruzzo, Ranieri in Toscana[2] (di cui è tipico[1]), le forme in Rain- in Veneto[2].

Anche in Inghilterra giunse dalla Francia, portato dai normanni, ma divenne raro verso la fine del Medioevo e ad oggi è generalmente considerato arcaico[3].

Onomastico[modifica | modifica wikitesto]

L'onomastico si può festeggiare in memoria di più santi, alle date seguenti:

Persone[modifica | modifica wikitesto]

Variante Ranieri[modifica | modifica wikitesto]

Variante Rainer[modifica | modifica wikitesto]

Variante Ragnar[modifica | modifica wikitesto]

Altre varianti[modifica | modifica wikitesto]

Il nome nelle arti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m Tagliavini, p. 449.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n De Felice, p. 87.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t (EN) Rayner, su Behind the Name. URL consultato il 28 gennaio 2022.
  4. ^ a b c d e f g La Stella T., p. 307.
  5. ^ a b c d e Albaigès i Olivart, p. 212.
  6. ^ a b c d Santi di nome Raniero, su Santi, beati e testimoni. URL consultato il 28 gennaio 2022.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Antroponimi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antroponimi