Ranieri Ferdinando d'Asburgo-Lorena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ranieri Ferdinando d'Asburgo-Lorena
L'Arciduca Ranieri Ferdinando d'Asburgo-Lorena in una litografia d'epoca

L'Arciduca Ranieri Ferdinando d'Asburgo-Lorena in una litografia d'epoca


Primo Ministro dell'Impero Austriaco
Durata mandato 4 febbraio 1861 –
26 giugno 1865
Capo di Stato Francesco Giuseppe I d'Austria
Presidente Anton von Schmerling
Predecessore Johann Bernhard von Rechberg und Rothenlöwen
Successore Alexander von Mensdorff-Pouilly
Gruppo parlamentare arciduchi

Dati generali
Partito politico Conservatore
Professione militare

Ranieri Ferdinando d' Asburgo-Lorena (Milano, 11 gennaio 1827Vienna, 27 gennaio 1913) è stato un generale austriaco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ranieri Ferdinando Maria Giovanni Evangelista Francesco Ignazio d'Asburgo-Lorena, era figlio dell'arciduca Ranieri Giuseppe d'Asburgo-Lorena e nipote dell'imperatore Francesco II d'Asburgo-Lorena. Sua madre era invece Maria Elisabetta di Savoia-Carignano, figlia di Carlo Emanuele di Savoia-Carignano e sorella di Carlo Alberto di Savoia. Ranieri era dunque cugino di primo grado di Vittorio Emanuele II di Savoia, di cui diventerà anche il cognato. Ranieri nacque a Milano nel 1822 dal momento che suo padre all'epoca della sua nascita era viceré di Lombardia all'interno del Regno Lombardo-Veneto e qui trascorse tutta la sua infanzia, rimanendo a corte a Palazzo Reale sino al 1848 quando i tumulti della Prima guerra d'indipendenza costrinsero la sua famiglia a fare ritorno in Tirolo.

Ancora giovane intraprese la carriera militare e si distinse in diplomatica divenendo dal 1861 al 1865 primo ministro austriaco e consigliere dell'Imperatore dal 1857.

L'arciduca Ranieri Ferdinando con la moglie Maria Carolina d'Asburgo-Teschen negli anni della maturità

Nel 1852 sposò Maria Carolina (1825-1915), figlia dell'arciduca Carlo d'Asburgo-Teschen, vincitore della battaglia di Aspern nel 1809. Il matrimonio fu felice e probabilmente la loro fu la coppia più nota della famiglia d'Asburgo per quell'epoca, anche se la loro unione non produsse eredi. Quello stesso anno divenne anche titolare di un reggimento di fanteria n. 59°, il "Salisburgo". Nel 1854 l'arciduca Raineri acquisì una proprietà nella Wiedner Hauptstrasse 63 di Vienna, dove fece completare un maestoso parco, sfruttando la già presente struttura di un palazzo risalente al 1711-1712 ed appartenuto ad un ricco mercante, Leopold von Engelskirchner[1]. In onore del nuovo proprietario, il palazzo mutò il nome in Palais Erzherzog Rainer (Palazzo "Arciduca Ranieri") dove visse con la moglie sino alla sua morte.

L'arciduca Raineri morì il 27 gennaio 1913 a Vienna, all'età di 86 anni, venendo sepolto poco dopo nel luogo tradizionale di sepoltura della famiglia imperiale asburgica, la cripta dei Cappuccini a Vienna, nella Toskanagruft. Sua moglie morirà due anni più tardi all'età di 90 anni. Fu sempre molto legato al nipote della moglie, l'arciduca Carlo Stefano d'Asburgo-Teschen, che lasciò erede dei suoi beni.

Raineri fu un grande conoscitore delle arti e delle scienze nonché loro patrono, divenendo curatore dell'accademia delle scienze e protettore del museo austriaco di arte e industria. Nel 1873 fu presidente dell'esposizione universale di Vienna. Interessatosi alla papirologia, nel 1884 acquistò la collezione trovata a El Fayum (consistente in circa 100.000 pezzi) che donò nel 1899 alla biblioteca centrale austriaca. La città di Salisburgo gli ha dedicato la Rainerstraße.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze austriache[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (austriaco) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (austriaco)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale di Santo Stefano d'Ungheria - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale di Santo Stefano d'Ungheria
Croce al merito militare di III classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce al merito militare di III classe
Medaglia d'oro al merito militare (Signum Laudis) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al merito militare (Signum Laudis)
Medaglia di guerra - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di guerra
Medaglia d'onore per 50 anni di servizio militare per ufficiali - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'onore per 50 anni di servizio militare per ufficiali
Medaglia per il 50º anno di regno per militari (Signum Memoriae) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per il 50º anno di regno per militari (Signum Memoriae)
Croce in bronzo dorato per il 60º anno di regno di Francesco Giuseppe - nastrino per uniforme ordinaria Croce in bronzo dorato per il 60º anno di regno di Francesco Giuseppe

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata
Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia)
— 5 dicembre 1908

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Meyers Großes Konversations-Lexikon, sechste Auflage, 1904-1911
  • Erzherzog Rainer. In Constantin von Wurzbach: Biographisches Lexikon des Kaiserthums Oesterreich, Band 7; 1861. [1]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN59868263 · LCCN: (ENn85101731 · GND: (DE117700886
  1. ^ La casa si presentava già all'epoca di Ranieri molto moderna per l'epoca dal momento che già dal 1832 era stata dotata di illuminazione a gas, divenendo la prima abitazione illuminata a gas di Vienna