Ramón José Castellano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ramón José Castellano
arcivescovo della Chiesa cattolica
Template-Metropolitan Archbishop.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato15 febbraio 1903 a Villa Dolores
Ordinato presbitero18 settembre 1926
Nominato vescovo24 novembre 1945 da papa Pio XII
Consacrato vescovo28 aprile 1946 dall'arcivescovo Fermín Emilio Lafitte
Elevato arcivescovo26 marzo 1958 da papa Pio XII
Deceduto27 gennaio 1979 (75 anni) a Córdoba
 

Ramón José Castellano (Villa Dolores, 15 febbraio 1903Córdoba, 27 gennaio 1979) è stato un arcivescovo cattolico argentino, già titolare della sede di Córdoba, che consacrò prete Jorge Mario Bergoglio divenuto poi papa Francesco[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque nella comunità di Villa Dolores nella provincia di Córdoba in Argentina. Il 18 settembre 1926 venne ordinato sacerdote, all'età di ventitré anni, ed assegnato a Tucumán, in diocesi di Córdoba, divenuta poi arcidiocesi. All'età di quarantadue anni venne nominato vescovo ausiliare di Córdoba, titolare di Flaviade, e consacrato il 28 aprile 1945 dall'allora arcivescovo di Córdoba, Fermín Emilio Lafitte.[2]

Il 26 marzo 1958 divenne arcivescovo di Córdoba, ruolo che mantenne fino al 19 gennaio 1965. Venne allora nominato arcivescovo titolare di Giomnio, ma si dimise il 20 dicembre 1970.[2]

Castellano mantenne il titolo di arcivescovo emerito di Córdoba fino alla sua morte.[2] Le sue spoglie sono state tumulate nella cattedrale dell'arcidiocesi.[3]

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Natalie Evans, Pope Francis I: Everything you need to know about new pontiff Cardinal Jorge Bergoglio, Mirror News, 13 marzo 2013.
  2. ^ a b c (EN) David Cheney, Ramón José Castellano, su Catholic-Hierarchy.org. Modifica su Wikidata
  3. ^ Obispos y Arzobispos, in Arquidiócesis de Córdoba. URL consultato il 13 marzo 2013.(ES)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN89494880 · ISNI (EN0000 0000 6259 4271 · LCCN (ENno2012080650