Raimondo Selli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Raimondo Selli (Bologna, 30 settembre 1916Bologna, 4 ottobre 1983) è stato un geologo e oceanografo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in scienze naturali all'Università di Bologna, ha insegnato geologia per un biennio all'Università di Palermo, poi dal novembre 1957 presso il ricordato ateneo di Bologna, dove sarebbe rimasto sino al collocamento a riposo. Linceo, ha ricevuto una laurea honoris causa in scienze naturali dall'Università di Bordeaux[1].

Il suo nome è legato, in particolare, alle attività dell'Istituto di Geologia e Paleontologia dell'Università bolognese (dal 1988 intitolato a Selli), che ha diretto, succedendo a Michele Gortani, dal 1955 al 1969. In tal senso ha inaugurato la nuova sede (1963), su progetto di Giovanni Michelucci, per migliorare la ricerca e la didattica e consentire riunioni e convegni geologici di primo piano, incanalando la direzione scientifica nel solco della modernità, con particolare riferimento all'applicazione dei più moderni canoni stratigrafici per le ricerche petrolifere, anche con l'ausilio del «Giornale di Geologia»[2]. Grazie al sostegno del Consiglio Nazionale delle Ricerche ha introdotto, dal 1968, primo in Italia, un centro di ricerche sulla geologia marina[3], con il quale ha peraltro compiuto, nel 1970, una crociera oceanografica per lo studio del Mar Tirreno, i cui esiti sono confluiti in diverse pubblicazioni scientifiche[4].

Durante la sua attività di ricerca, ha illustrato l'evoluzione tettonica in special modo delle Alpi orientali e dell'Appennino meridionale. Si è occupato anche di idrocarburi e rischi sismici in rapporto alla previsione di realizzazione di centrali nucleari e del Ponte sullo Stretto di Messina[5], entrando nel dibattito sulla cosiddetta crisi di salinità del Messiniano[6]. Ha inoltre levato o curato la realizzazione di diverse carte geologiche, fra le quali quella dei bacini del Metauro e del Sannio, e studiato la frana del Vajont.

Dal 1967 al 1980 è stato rappresentante italiano all'ONU in materia di oceanografia, mentre nel biennio 1962-'63 è stato presidente della Società Geologica Italiana, che ne commemora il nome attraverso il conferimento, a geologi italiani, come premio alla carriera, della "Targa Selli"[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr. la scheda biografica (online) dell'Archivio Storico dell'Ateneo di Bologna.
  2. ^ Cfr. la presentazione dell'Istituto (online) sul sito dell'Università di Bologna
  3. ^ Cfr. la presentazione dell'Istituto di Scienze Marine (online) sul sito del CNR.
  4. ^ R. Selli, Ricerche geologiche preliminari nel Mar Tirreno. Crociera CST 68 del Laboratorio di Geologia Marina del CNR Bologna, Università di Bologna, Bologna 1970; Idem - A. Fabbri, Tyrrhenian: a Pliocene deep sea, in «Rendiconti dell'Accademia Nazionale dei Lincei, Classe di scienze fisiche, matematiche e naturali», s. VIII, L. (1971), fasc. 5, pp. 581-592. Su questi aspetti vedi anche D.J. Stanely - F.C. Wezel, Geological evolution of the Mediterranean basin. Raimondo Selli commemorative volume, Springer-Verlag, New York 1985.
  5. ^ R. Selli, Geologia e sismotettonica dello stretto di Messina, Accademia Nazionale dei Lincei, Roma 1979.
  6. ^ Idem, An outline of the italian messinian, in Events in the Mediterranean, Drooger, Amsterdam-London 1973, pp. 150-171
  7. ^ Cfr. il Regolamento della "Targa Selli" (online) sul sito della Società Geologica Italiana

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN221664928 · SBN: IT\ICCU\SBLV\064159 · LCCN: (ENn85000565 · GND: (DE117474614