Raimondo Fassa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Raimondo Fassa

Sindaco di Varese
Durata mandato gennaio 1993 –
dicembre 1997
Predecessore Umberto Calandrella commissario prefettizio
Successore Aldo Fumagalli

Eurodeputato
Legislature IV
Gruppo
parlamentare
Partito Europeo dei Liberali, Democratici e Riformatori
Circoscrizione Italia Nord occidentale
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Lega Nord (1993-1998)
UdC (2006-2008)
Titolo di studio laurea in filosofia e giurisprudenza
Professione accademico, avvocato

Raimondo Fassa (Busto Arsizio, 18 luglio 1959) è un politico, avvocato e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in filosofia nel 1981 e in giurisprudenza nel 1987 presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, esercita la professione di avvocato a Gallarate e di docente presso l'A.S.E.R.I. (Alta Scuola di Economia e Relazioni Internazionali) della stessa Università Cattolica di Milano.

Impegnatosi politicamente nelle file della Lega Nord, dal 1993 al 1997 è stato sindaco di Varese, dapprima a capo di una giunta in coalizione con i Repubblicani e con l'appoggio esterno del PDS e successivamente col sostegno della cosiddetta giunta degli uomini di buona volontà (composta da diversi esponenti apartitici).

Eletto deputato europeo nelle liste leghiste alle elezioni del 1994, è stato vicepresidente della commissione parlamentare per lo sviluppo e la cooperazione, nonché membro della delegazione per le relazioni con la Svizzera, l'Islanda e la Norvegia e dell'assemblea paritetica della convenzione fra gli Stati dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico e l'Unione europea. Dal punto di vista politico, ha aderito al gruppo del Partito Europeo dei Liberali, Democratici e Riformatori.

Dopo aver abbandonato la Lega Nord nel 1998, nel 2002 (dopo che era stata finanche ventilata una sua ricandidatura con il centrosinistra) si ripresenta alle elezioni amministrative di Varese a capo della lista civica Progetto città con Fassa per Varese, raccogliendo il 13,91% di consensi. Nel 2006 aderisce all'UDC ed entra a far parte della giunta comunale di Gallarate con l'incarico di assessore alla cultura per il triennio 2006-2008. Successivamente, lasciato il movimento centrista, si ritira dalla politica attiva.

È autore di articoli relative a problematiche artistico-letterarie e a tematiche di filosofia del diritto e della politica, rispettivamente pubblicati su Il Domenicale e varie riviste specializzate (quale ad esempio Fenomenologia e Società), nonché dei libri Le prospettive liberal del Paese in Europa (1997) e Dalla Lega di Stato alla Lega di Città (1999). Ha collaborato con la rivista culturale online Dissensi e Discordanze ideata e diretta da Mauro della Porta Raffo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]