Raimondino Lupi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Raimondino Lupi
Coa fam ITA lupi.jpg
Stemma dei Lupi
1310 circa – 30 novembre 1379
Religionecattolica
Dati militari
Paese servitoImpero
Carraresi
Firenze
Forza armataMercenari
Specialitàcavalleria
voci di militari presenti su Wikipedia

Raimondino Lupi (1310 circa – 30 novembre 1379) è stato un condottiero italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio di Rolandino Lupi e di una certa Matilde.

Si schierò con gli imperiali di Carlo IV che lo creò cavaliere e gli restituì terre e castelli del parmense sottrattigli dai Visconti. Nel 1338 combatté contro gli scaligeri a fianco dei Carraresi nel vicentino. Nel 1350 si mise al servizio dei fiorentini combattendo nell'aretino. Ricevette la nomina di vicario imperiale a Lucca e a Pisa. Soggiornò per alcuni anni a Mantova e quindi i Carraresi gli concessero la cittadinanza padovana nel 1376.

Il marchese Raimondino fece costruire, presumibilmente verso il 1377, a Padova, dove si era stabilito, l'Oratorio di San Giorgio, destinato a mausoleo della famiglia. Al suo interno è presente il ciclo pittorico, commissionato dopo la morte di Raimondino Lupi, ad Altichiero da Zevio, che aveva già lavorato per i Lupi, nella Cappella di San Giacomo all'interno della basilica del Santo.

Padova, Oratorio di San Giorgio, arca di Raimondino Lupi

Morì a Padova nel 1379 e sepolto nell'arca dell'Oratorio di San Giorgio, visibile ancora oggi.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Lupi Marchesi di Soragna, Torino, 1835, ISBN non esistente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]