Rahul Gandhi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rahul Gandhi
Rahulgandhi.jpg
Rahul Gandhi nel 2009.

Presidente del Congresso Nazionale Indiano
In carica
Inizio mandato 16 dicembre 2017
Predecessore Sonia Gandhi

Vicepresidente del Congresso Nazionale Indiano
Durata mandato 19 gennaio 2013 –
16 dicembre 2017
Predecessore carica istituita
Successore carica abolita

Segretario generale del Congresso Nazionale Indiano
Durata mandato 25 settembre 2007 –
19 gennaio 2013
Predecessore carica istituita
Successore carica abolita

Dati generali
Partito politico Congresso Nazionale Indiano

Rahul Gandhi (Nuova Delhi, 19 luglio 1970) è un politico indiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Discende dalla famiglia Nehru-Gandhi, una delle famiglie più importanti dell'India: sia suo bisnonno Jawaharlal Nehru, sia sua nonna Indira Gandhi, sia suo padre Rajiv Gandhi hanno ricoperto la carica di primo ministro e sua madre Sonia Gandhi è attualmente presidente del Partito del Congresso indiano.

Ha studiato alla St.Columba's School di Delhi, alla Doon School (nello Stato dell'Uttarakhand), al St Stephen's College di Delhi e in diverse università americane e inglesi, a volte sotto falso nome per motivi di sicurezza.

Tornato in India nel 2002, è entrato ufficialmente in politica nel 2004 candidandosi per il Partito del Congresso nello Stato dell'Uttar Pradesh e riuscendo a farsi eleggere anche grazie alla campagna elettorale condotta dalla sorella Priyanka Gandhi, da molti considerata in India più abile e carismatica del fratello.

Nel settembre del 2007 Rahul è stato nominato segretario generale dell'All Indian Congress Committee, carica che avrebbe potuto portarlo alla guida del Paese nel caso in cui il Partito del Congresso avesse vinto le ultime elezioni.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda biografica di Rahul Gandhi sul sito del Parlamento indiano, la Lok Sabha: Copia archiviata, su 164.100.47.132. URL consultato il 20 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2014).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN84246298 · ISNI (EN0000 0001 1462 0874 · LCCN (ENn2006172695 · GND (DE133737314