Ragni fritti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ragni fritti in vendita al mercato di Skuon
Antipasto di ragni fritti

I ragni fritti sono una specialità culinaria locale cambogiana. Si possono trovare anche in diverse zone del paese, come ad esempio nella capitale Phnom Penh, ma a Skuon, una cittadina commerciale a 75 km dalla capitale, è il luogo dove sono maggiormente popolari.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

I ragni vengono allevati in buchi nel terreno in villaggi nella zona a nord di Skuon o sono catturati nelle foreste circostanti, quindi fritti nell'olio. Non è chiaro quando quest'usanza sia cominciata. Alcuni hanno suggerito che la popolazione possa aver iniziato a mangiare ragni per fame e disperazione durante i durissimi anni del dominio dei Khmer rossi, quando la carestia era all'ordine del giorno,[2] anche se risulta che il nome popolare di questi ragni abbia un significato simile a "ragno commestibile" almeno dall'inizio del ventesimo secolo.[3]

I ragni utilizzati sono una specie di tarantola chiamata a-ping in khmer ed hanno circa la dimensione del palmo di una mano umana.[4] L'autore di un libro di viaggi li ha identificati come l'Haplopelma albostriatum, conosciuto anche come "tarantola striata thailandese". La popolarità del piatto tuttavia è un fenomeno piuttosto recente ed è iniziata davvero verso gli anni novanta.[3] Lo stesso autore fornisce dettagli sulla ricetta: i ragni vengono messi in una mistura di glutammato monosodico, zucchero e sale, nell'olio vengono fatti friggere spicchi di aglio schiacciati finché l'olio non ne assume l'aroma, quindi vi si gettano i ragni vivi e li si frigge insieme all'aglio finché «le zampe non sono quasi completamente irrigidite, mentre al contempo i contenuti dell'addome non stanno ancora colando all'esterno».[5]

Il sapore è stato descritto come piuttosto delicato, simile a «una via di mezzo tra il pollo e il merluzzo», mentre si avverte il contrasto di consistenza tra l'esterno croccante e l'interno tenero. Le zampe contengono poca carne, mentre la testa e il corpo hanno al loro interno una carne bianca e delicata. Tuttavia molti non gradiscono l'addome in quanto contiene una sorta di impasto marrone composto dai vari organi dell'animale, le sue uova e i suoi escrementi e raccomandano di non mangiarlo; al contrario altri lo considerano una vera prelibatezza.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Rigby, Rhymer (2002). "Tuck into a Tarantula". Sunday Telegraph. URL verificato l'11 settembre 2006.
  2. ^ Ray, Nick (2002), Lonely Planet Cambodia, Lonely Planet Publications, ISBN 1-74059-111-9. p. 308,
  3. ^ a b Freeman, Michael (2004), Cambodia, Reaktion Books, ISBN 1-86189-186-5. p. 33.
  4. ^ ABC News Online (2 settembre 2002). "Spiderwomen serve up Cambodia's creepy caviar. URL verificato l'11 settembre 2006.
  5. ^ Freeman p. 34.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]