Ragazzi Llewelyn Davies

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I ragazzi Llewelyn Davies: Nico (tra le braccia del padre, Arthur), Jack, Peter, George, Michael (davanti)

I ragazzi Llewelyn Davies erano figli di Arthur (1863-1907) e Sylvia Llewelyn Davies (1866-1910). Sono serviti da ispirazione per i personaggi di Peter Pan e gli altri personaggi delle opere di James Matthew Barrie.

Barrie divenne il loro tutore dopo la morte dei loro genitori, e sono stati pubblicamente associati a Barrie e a Peter Pan per il resto della loro vita. I tre più vecchi servirono nell'esercito britannico nella prima guerra mondiale. Due fratelli morirono poco più che ventenni (uno in combattimento, l'altra annegamento), e un terzo si suicidò all'età di 63 anni.

Essi erano:

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

I ragazzi sono nati e cresciuti a Paddington e Notting Hill, aree di Londra. I loro genitori erano un avvocato e la figlia di un fumettista di successo e scrittore, e godevano di una confortevole vita della classe media in una famiglia con servitori. Nel 1897 conobbero il drammaturgo e scrittore James Matthew Barrie, che per primo incontrò George, Jack e Peter a Kensington Gardens durante le uscite con la loro tata Mary Hodgson. Inizialmente li intratteneva con le sue buffonate giocose e raccontadogli le sue storie. Divenne parte della loro vita, i quali lo chiamavano "zio Jim".

I ragazzi e le loro attività con Barrie gli fornirono l'ispirazione per il personaggio di Peter Pan, introdotta nel The Little White Bird nel 1901, ed i personaggi dei bimbi sperduti e dei fratelli di Wendy Darling.

Nel 1904, l'anno in cui il gioco di Barrie debuttò, la famiglia Davies si trasferì fuori Londra e andò a vivere in Egerton House, una residenza elisabettiana a Berkhamsted, nel Hertfordshire[1].

La morte dei genitori[modifica | modifica wikitesto]

Sylvia Llewelyn Davies, fotografata da J.M. Barrie nel 1898

Il loro padre morì di sarcoma salivare nel 1907 mentre la loro madre morì di cancro nel 1910. Nel corso delle loro malattie, Barrie fu sempre più coinvolto nella famiglia, compresa la fornitura di un sostegno finanziario per loro. Con la morte di Sylvia, Barrie divenne tutore dei ragazzi, insieme con la loro nonna materna Emma du Maurier, il fratello di Sylvia, Guy du Maurier, e fratello di Arthur, Compton Llewelyn Davies. Mary Hodgson continuò a prendersi cura di loro, fino a quando l'attrito con Barrie non degenerò e un confronto con la nuova moglie di Jack la portarono a consegnare le sue dimissioni quando i ragazzi erano adolescenti e ventenni.

Dopo l'ingresso del Regno Unito nella prima guerra mondiale, Jack era già nella Royal Navy, George e Peter si arruolarono nel British Army. George venne ucciso in azione nel 1915. Michael annegò con un amico vicino all'Università di Oxford nel 1921. Peter, afflitto dalla sua identificazione permanente come 'il vero Peter Pan' e altri problemi personali, si suicidò nel 1960.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scott Hastie, Berkhamsted: an Illustrated History, King's Langley, Alpine Press, 1999, p. 63, ISBN 0-9528631-1-1.