Rafiq Nishonov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rafiq Nishonov

Primo Segretario del Partito Comunista dell'Uzbekistan
Durata mandato 12 gennaio 1988 –
23 giugno 1989
Predecessore Inomjon Usmonxo‘jayev
Successore Islom Karimov

Presidente del Presidium del Soviet Supremo della Repubblica Socialista Sovietica Uzbeka
Durata mandato 9 dicembre 1986 –
9 aprile 1988
Predecessore Akil Salimov
Successore Pulat Khabibullaev

Presidente del Soviet delle Nazionalità del Soviet Supremo dell'URSS
Durata mandato 6 giugno 1989 –
21 ottobre 1991
Predecessore Augusts Voss
Successore Anuarbek Alimzhanov

Deputato del Soviet delle Nazionalità del Soviet Supremo dell'URSS
Legislature VII
Circoscrizione RSSA Karakalpaka

Dati generali
Partito politico Partito Comunista dell'Unione Sovietica
Partito Comunista dell'Uzbekistan
Università Tashkent Pedagogical University

Rafiq Nishonovič Nishonov (in russo: Рафик Нишанович Нишанов?, traslitterato: Rafik Nišanovič Nišanov; Gazalkent, 15 gennaio 1926) è un politico sovietico e uzbeko. Fu il dodicesimo Primo Segretario del Partito Comunista della RSS Uzbeka.[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nishonov fu Primo Segretario per 17 mesi dal 12 gennaio 1988 al 23 giugno 1989. Fu rimpiazzato da Islom Karimov.[2] fu anche presidente del Soviet delle Nazionalità dal 1989 al 1991.

Dal 1970 al 1978 fu ambasciatore e plenipotenziario straordinario nello Sri Lanka e nelle Maldive. Sergej Lavrov lavorò come suo interprete.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dagikhudo Dagiev (30 October 2013). Regime Transition in Central Asia: Stateness, Nationalism and Political Change in Tajikistan and Uzbekistan. Routledge. p. 29. ISBN 978-1-134-60069-4.
  2. ^ Eric McGlinchey (30 September 2011). Chaos, Violence, Dynasty: Politics and Islam in Central Asia. University of Pittsburgh Pre. p. 10. ISBN 978-0-8229-7747-6.
  3. ^ Илья Канавин. Искушенный политик, вести недели, 16.01.2011 [1]
Controllo di autoritàVIAF (EN305947243 · LCCN (ENno2013143997