Raffineria di Livorno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 43°35′05.2″N 10°20′36.17″E / 43.584777°N 10.34338°E43.584777; 10.34338

La raffineria di Livorno è visibile a destra del canale Scolmatore dell'Arno

La Raffineria di Livorno (popolarmente nota come Stanic) è sita a cavallo tra la zona industriale del comune di Livorno e il paese di Stagno, frazione del comune Collesalvetti.

L'impianto, di proprietà Eni, è installato su un'area di circa 150 ettari. Ha una capacità di raffinazione di 84 mila barili/giorno e produce prevalentemente benzine, gasolio, olio combustibile per bunkeraggi e basi lubrificanti. Oltre che gli impianti di distillazione, dispone di due linee di produzione di lubrificanti.[1]

All'interno dello stabilimento si trova anche una centrale elettrica costituita da due gruppi turbogas da 25 e 149 MW, oltre che da tre caldaie per la produzione di calore nell'ambito della raffineria e di elettricità per gli stessi impianti e la rete nazionale.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stanic.

La raffineria fu fondata negli anni antecedenti la seconda guerra mondiale con l'istituzione dell'Azienda Nazionale Idrogenazione Combustibili (Anic). Dopo le devastazioni belliche, che distrussero completamente l'impianto, la raffineria tornò operativa grazie all'accordo, siglato nel 1950, tra Anic e la compagnia statunitense Standard Oil, che diedero vita alla Stanic. Con l'ammodernamento degli impianti, tra il 1950 e il 1955, la capacità di lavorazione di petrolio greggio passò da 700.000 tonnellate a 2 milioni di tonnellate,[3] mentre a servizio della raffineria, nel vicino porto industriale, fu costruita la "Darsena Petroli". Accanto alla raffinazione del petrolio furono realizzati impianti per la produzione di paraffine e lubrificanti. Dal 1982 la proprietà è al 100% dell'Eni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ www.eni.com, Raffineria di Livorno, eni.com. URL consultato il 01-08-2013.
  2. ^ www.enipower.it, Stabilimento di Livorno, enipower.it. URL consultato il 01-08-2013.
  3. ^ L'industria. Rivista di economia politica, p. XVII, 1955.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Wiquel, Dizionario di persone e cose livornesi, voce "Raffineria di Livorno", pubblicato sulla rivista La Canaviglia, Livorno, Ugo Bastogi editore, 1976 - 1985, p. 558.
  • AA.VV. Raffineria di Livorno - Aggiornamento della dichiarazione ambientale 2004, Rev. 2, anno 2006 Ed. 1 del 28-04-04, Rev. 2 del 09-06-06