Raffaele Scapinelli di Leguigno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Raffaele Scapinelli di Leguigno
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cardinale Scapinelli.jpg
Template-Cardinal.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato25 aprile 1858, Modena
Ordinato presbitero1881
Nominato arcivescovo30 gennaio 1912 da papa Pio X
Consacrato arcivescovo25 febbraio 1912 dal cardinale Rafael Merry del Val y Zulueta
Creato cardinale6 dicembre 1915 da papa Benedetto XV
Deceduto16 settembre 1933, Forte dei Marmi
 

Raffaele Scapinelli di Leguigno (Modena, 25 aprile 1858Forte dei Marmi, 16 settembre 1933) è stato un cardinale, arcivescovo cattolico e nobile italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Raffaele Scapinelli di Leguigno studiò teologia e filosofia presso il seminario di Reggio Emilia e successivamente a Roma. Si laureò in diritto canonico e in diritto civile ricevendo nel 1881 l'ordinazione sacerdotale. Dopo ulteriori studi divenne nel 1887 professore di diritto canonico presso il seminario di Reggio Emilia; nel 1889 entrò come collaboratore nella Segreteria di Stato vaticana.

Dal 1891 al 1894 lavorò come segretario presso la nunziatura apostolica in Portogallo, e dal 1894 al 1905 assunse diversi incarichi nella nunziatura apostolica nei Paesi Bassi. Nel 1905 ebbe la nomina a protonotaro apostolico e a segretario della Commissione per la codifica del diritto canonico; nel 1908 gli venne affidato il medesimo incarico presso la Congregazione per gli Affari Ecclesiastici Straordinari. Fu inoltre consulente del Sant'Uffizio e della Congregazione Concistoriale.

Nel 1912 papa Pio X lo nominò nunzio apostolico in Austria-Ungheria e arcivescovo titolare di Laodicea di Siria. Ricevette la consacrazione episcopale dal cardinale Rafael Merry del Val y Zulueta. Fu creato cardinale da Benedetto XV nel concistoro del 6 dicembre 1915 con il titolo di San Girolamo degli Schiavoni. Nel 1918 venne nominato prefetto della Congregazione per i Religiosi.

Morì il 16 settembre 1933 a Forte dei Marmi e venne sepolto a Roma nel cimitero del Verano.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]