Raffaele Morese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Raffaele Morese

Sottosegretario di Stato del Ministero del lavoro e della previdenza sociale
Durata mandato 22 ottobre 1998 –
21 dicembre 1999
Presidente Massimo D'Alema
Predecessore Alessandro Garilli
Successore Rosario Olivo

Durata mandato 22 dicembre 1999 –
25 aprile 2000
Presidente Massimo D'Alema
Predecessore Luigi Viviani
Successore Ornella Piloni

Durata mandato 27 aprile 2000 –
9 giugno 2001
Presidente Giuliano Amato
Predecessore Rosario Olivo
Sito istituzionale

Dati generali
Titolo di studio Laurea in economia e commercio
Professione sindacalista

Raffaele Morese (Milano, 4 agosto 1942) è un sindacalista italiano ed esponente politico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in economia e commercio all'Università Cattolica di Milano. Nel 1966 è responsabile dell'Ufficio Studi e Marketing della Rinascente S.p.A., nel 1967 entra all'Ufficio Studi della CISL. Nel 1969 avvia la sua attività sindacale come operatore nella Fim-Cisl nazionale, di cui diviene segretario nazionale nel 1975, ricoprendo la responsabilità di vari settori (elettromeccanica, informatica, siderurgia, e infine auto e trasporti) e assumendo il coordinamento delle politiche sindacali. Nel 1983 succede a Franco Bentivogli come segretario generale della Fim-Cisl e nel 1989 passa alla segreteria nazionale della confederazione, di cui diviene segretario generale aggiunto, in coppia con Sergio D'Antoni segretario generale.

Nel 1998 si conclude la sua esperienza sindacale e si apre una fase di impegno politico nelle file del centro-sinistra. Dal 1998 al 2001 è Sottosegretario con delega al Ministero del Lavoro. Dal 2002 al 2009 è stato presidente di Trambus, la società per azioni del Comune di Roma che gestisce la maggior parte del trasporto pubblico di Roma.

Dal 2004 al 2009 è stato presidente di Confservizi, la confederazione nazionale che rappresenta le aziende e gli enti che gestiscono i Servizi Pubblici Locali.

Morese è stato inoltre Consigliere del Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro (CNEL) nella IV Consiliatura, e nel 2005 è stato nominato presidente della Commissione per le grandi opere e le reti infrastrutturali, per le politiche energetiche e i servizi di rete.

Dal 1996 al 2009 è stato Presidente di INTERSOS, la più grande ONG italiana per l'intervento umanitario nelle situazioni di guerra, di calamità naturali, di epidemie. Ha inoltre collaborato con numerosi quotidiani e settimanali, quali Sette giorni, Mondo Operaio, Il Popolo, Il Nuovo e L'Europa, ed è autore di diverse pubblicazioni sul mondo del lavoro, come Lavorare meno, lavorare tutti, Le Frontiere della partecipazione, Contare fino a uno e Ridistribuire il lavoro.

Attualmente è segretario generale dell'Associazione no-profit "Nuovi Lavori" (Anl).