Raffaele Esposito (attore 1978)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Raffaele Esposito (Lodi, 25 giugno 1978) è un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origini napoletane, è figlio di un ex dirigente in un settore della ASL di Lodi che ha collaborato per dieci anni con Pierdante Piccioni.[1] Frequenta il Liceo classico "Alessandro Racchetti" di Crema, conseguendo il diploma nel 1997.[2] Dal 1999 al 2002 si forma presso il Piccolo Teatro di Milano, diretto da Luca Ronconi, e nel 2004 frequenta un corso di perfezionamento presso il Centro Teatrale Santa Cristina, sempre diretto da Ronconi.[3]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dalla relazione con l'ex compagna palermitana ha avuto due figli, Rocco (nato nel 2009) e Rachele (nata nel 2012).[1]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatrografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

  • I poeti sulle mine - Pastiche poetico-teatrale da Majakovskij e gli altri - Teatro Due di Parma (2017) - anche protagonista
  • La prigione di Kenneth H. Brown - Teatro Due di Parma (2017)
  • Il silenzio del mare di Vercors - Fondazione Feltrinelli & Teatro Due di Parma (2018) - anche protagonista

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premio Ubu

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Daniela Seclì, Raffaele Esposito è Marco Sardoni, il cattivo di Doc: “Mio padre lavorava con il vero Andrea Fanti”, su Fanpage.it, 29 ottobre 2020. URL consultato il 13 novembre 2020.
  2. ^ Cresciuto fra Crema e Lodi anche il “cattivo” di “Doc – Nelle tue mani”, su Prima Cremona, 23 ottobre 2020. URL consultato il 13 novembre 2020.
  3. ^ Santacristina. Corso di perfezionamento per attori e registi Scene di una notte d'estate, su lucaronconi.it. URL consultato il 13 novembre 2020.
  4. ^ Premi Ubu 2006, su ubulibri.it. URL consultato il 13 novembre 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]