Raffaele Cuscela

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Raffaele Cuscela
Raffaele Cuscela.jpg
Raffaele Cuscela con la maglia del Torino
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore, centrocampista
Ritirato 1958 - giocatore
1986 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1941-1942 Taranto 2 (0)
1942-1943 Pietro Resta 22 (3)
1945-1946 Audace Taranto 10 (1)
1946-1947 Taranto 30 (3)
1947-1949 Lucchese 58 (1)
1949-1951 Torino 29 (0)
1951-1952 Legnano 25 (0)
1952-1958 Torino 92 (0)
1961-1962Asti9 (0)[1]
Nazionale
1949 Italia Italia B 3 (0)
Carriera da allenatore
1961-1968 Asti [1]
1968-1969 Asti Ma.Co.Bi.
1969-1972 Pro Vercelli [2]
1973-1974 Anconitana
1974-1975 Derthona
1975-1976 Canelli
1976-1978 Ivrea
1978-1979 Asti
1980 Alessandria
1981 Asti TSC
1982-1983 Pro Vercelli
1984-1986 Canelli
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Raffaele Cuscela (Taranto, 9 giugno 1925Asti, 18 agosto 2018) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo terzino sinistro e mediano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò a giocare a calcio nelle giovanili del Taranto, alternandosi nei ruoli di mediano e terzino[3]; essendo ambidestro riusciva a schierarsi sia a destra che a sinistra, e ciò gli consentiva una notevole duttilità[3].

Dopo gli esordi in Serie C nelle formazioni tarantine della Pietro Resta nel 1942-43[4] e dell'Audace con cui disputò i tornei di guerra e la Serie C 1945-1946[5][6], nel 1946 passò in Serie B al Taranto che l'anno successivo lo cedette per necessità finanziarie al Torino, che a sua volta nel gennaio 1948 lo girò in prestito alla Lucchese[3].

Con i toscani debuttò in Serie A il 18 gennaio 1948 contro il Vicenza, e rimase titolare per due stagioni giocando principalmente come mediano sinistro; nel 1949 rientrò al Torino che stava iniziando a ricostruire la squadra appena distrutta dalla tragedia di Superga, e subito partecipò alla Coppa Latina 1949[7]. Rimase con i granata per otto stagioni durante le quali fu anche capitano[8], intervallate solo da un anno in cui fu ceduto in prestito al Legnano nel campionato di Serie A 1951-1952[9].

Il 20 maggio 1949 esordì con la Nazionale italiana B contro la Turchia ad Atene disputando con i Cadetti azzurri 3 partite nel Torneo dell'Amicizia[3].

Ha totalizzato nella massima serie 204 presenze in undici campionati disputati con le maglie di Lucchese, Torino e Legnano.

Terminata la carriera da calciatore nel 1958, allenò in seguito numerose formazioni, quasi tutte piemontesi.

Il 18 agosto 2018 si è spento ad Asti.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Asti: 1967-1968
Pro Vercelli: 1970-1971

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Massimo D’Agostino e Alexandru Palosanu, Almanacco storico della Serie D – Stagione 1961/62, 2013, p. 231.
  2. ^ Almanacco illustrato del Calcio, Panini edizioni, 1973, p. 263.
  3. ^ a b c d Edizioni CENIDA, Il calcio italiano - vol. 4, CENIDA Editore, 1974, pag. 708
  4. ^ Taranto 1942-43 Xoomer.virgilio.it
  5. ^ Taranto 1944-45 Xoomer.virgilio.it
  6. ^ Taranto 1945-46 Xoomer.virgilio.it
  7. ^ Torino 1949: la difficile ricostruzione[collegamento interrotto] Faccedatoro.splinder.com
  8. ^ La fascia al braccio Toro.myblog.it
  9. ^ Le liste di trasferimento della Lega Nazionale, Il Corriere dello Sport, 25 luglio 1951, pag.3

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Dario Marchetti (a cura di), Raffaele Cuscela, su Enciclopediadelcalcio.it, 2011.