Rafael Alcântara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rafinha
Brasil conquista primeiro ouro olímpico nos penaltis 1039259-20082016- mg 4209 (cropped).jpg
Rafinha con la nazionale olimpica del Brasile nel 2016
Nazionalità Spagna Spagna
Brasile Brasile (dal 2013)
Altezza 174[1] cm
Peso 71[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra Inter
Carriera
Giovanili
2006-2011Barcellona
Squadre di club1
2010-2013Barcellona B84 (19)
2011-2013Barcellona0 (0)
2013-2014Celta Vigo32 (4)
2014-2018Barcellona48 (8)
2018-Inter17 (2)
Nazionale
2009Spagna Spagna U-162 (0)
2009-2010Spagna Spagna U-178 (2)
2010-2013Spagna Spagna U-195 (2)
2013Brasile Brasile U-205 (0)
2016Brasile Brasile olimpica5 (0)
2015-2017Brasile Brasile2 (1)
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Rio de Janeiro 2016
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 12 maggio 2018

Rafael Alcântara do Nascimento, meglio noto come Rafinha (San Paolo, 12 febbraio 1993), è un calciatore spagnolo naturalizzato brasiliano, centrocampista dell'Inter, in prestito dal Barcellona.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Proviene da una famiglia di atleti: il padre Mazinho era un calciatore, la madre Valéria una pallavolista, mentre suo fratello maggiore Thiago è a sua volta calciatore, milita nel Bayern Monaco e gioca per la nazionale spagnola.[2]

Nel 2012 è stato inserito nella lista dei migliori giovani nati dopo il 1991 stilata da Don Balón.[3]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Centrocampista molto duttile,[4] può giocare anche come trequartista o ala destra.[5] Regista[6] mancino di qualità,[6] bravo tecnicamente e tatticamente[6] e nei passaggi,[6] è discretamente veloce,[6] sa gestire il gioco[6] e ha un buon dribbling,[6] riuscendo anche ad andare in gol.[4][6] Ha giocato spesso come mezzala sinistra con Luis Enrique.[6]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Barcellona e il prestito al Celta Vigo[modifica | modifica wikitesto]

Rafinha in azione con la maglia del Barcellona nel 2014.

Incomincia la sua carriera nel 2005, all'età di 12 anni, quando viene acquistato dal Barcellona. Dopo 6 stagioni trascorse nella "cantera" blaugrana, nel gennaio del 2011 passa al Barcellona B, mettendo a segno la sua prima rete contro il Salamanca.[7] Il 6 dicembre 2011 esordisce con la prima squadra nell'incontro di Champions League con il BATĖ Borisov.[8][9]

Il 29 giugno 2013 rinnova il suo contratto fino al 2016 (con una clausola rescissoria pari a 30 milioni di euro). Il 15 luglio 2013 viene ceduto in prestito al Celta Vigo, con il quale colleziona 32 presenze e 4 reti; dopo una stagione torna al Barcellona.

Nella nuova esperienza in maglia blaugrana Rafinha riesce a trovare più spazio ed a fine stagione, pur da comprimario, può festeggiare la vittoria del campionato, della Coppa del Re e della Champions League. La stagione 2015-2016 si apre con il trionfo da titolare nella Supercoppa UEFA ma il 16 settembre 2015, durante la gara di Champions League contro la Roma, subisce la rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro.[10] Nella stagione successiva il giocatore colleziona solo 28 presenze, anche a causa di un nuovo infortunio (questa volta al menisco) che lo tiene fuori da aprile 2017 fino al termine dell'anno solare.

Inter[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2018 passa in prestito all'Inter, con diritto di riscatto fissato a 35 milioni di euro più 3 di bonus.[11][12] Esordisce in Serie A il 28 gennaio, nei minuti di recupero dell'incontro con la SPAL (pareggiato 1-1).[13] Inserito spesso nell'undici titolare delle seguenti partite,[14] il 6 maggio segna la prima rete nella vittoria per 4-0 con l'Udinese.[15]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver rappresentato la Spagna a livello giovanile, dall'Under-16 fino all'Under-19, nel 2013 decide di vestire la maglia del Brasile e partecipa con l'Under-20 brasiliana al campionato sudamericano Under-20 2013, non riuscendo a superare la prima fase.

Viene convocato per la Copa América Centenario negli Stati Uniti,[16] salvo poi essere sostituito da Lucas per problemi muscolari.[17] Nello stesso anno viene convocato per le Olimpiadi 2016 in Brasile[18], che si concludono con la vittoria della selezione verdeoro.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 20 maggio 2018.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2010-2011 Spagna Barcellona B SD 9 1 - - - - - - - - - 9 1
2011-2012 SD 39 8 - - - - - - - - - 39 8
2012-2013 SD 36 10 - - - - - - - - - 36 10
Totale Barcellona B 84 19 - - - - - - 84 19
2011-2012 Spagna Barcellona PD 0 0 CR 1 0 UCL 1 0 SS+SU+Cmc 0+0+0 0 2 0
2012-2013 PD 0 0 CR 0 0 UCL 1 0 SS 0 0 1 0
2013-2014 Spagna Celta Vigo PD 32 4 CR 1 0 - - - - - - 33 4
2014-2015 Spagna Barcellona PD 24 1 CR 6 1 UCL 6 0 - - - 36 2
2015-2016 PD 6 1 CR 1 0 UCL 2 0 SU+SS+Cmc 1+1+0 1+0+0 11 2
2016-2017 PD 18 6 CR 4 1 UCL 6 0 SS 0 0 28 7
2017-gen. 2018 PD 0 0 CR 1 0 UCL 0 0 SS 0 0 1 0
Totale Barcellona 48 8 13 2 16 0 2 1 79 11
gen.-giu. 2018 Italia Inter A 17 2 CI - - - - - - - - 17 2
Totale carriera 181 32 14 2 16 0 2 1 213 36

Cronologia presenze reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Brasile
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
5-9-2015 Harrison Brasile Brasile 1 – 0 Costa Rica Costa Rica Amichevole - Ingresso al 81’ 81’
9-9-2015 Foxborough Stati Uniti Stati Uniti 1 – 4 Brasile Brasile Amichevole 1 Ingresso al 63’ 63’
Totale Presenze 2 Reti 1

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Barcellona: 2011, 2016
Barcellona: 2011-2012, 2014-2015, 2015-2016, 2016-2017
Barcellona: 2014-2015, 2015-2016

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Barcellona: 2014-2015
Barcellona: 2015

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Rio de Janeiro 2016

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2013-2014

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Rafael Alcántara do Nascimento, su fcbarcelona.com.
  2. ^ Tommaso Giagni, Rafinha e Thiago: fratelli prodigio, su ultimouomo.com, 8 febbraio 2018.
  3. ^ (EN) The top 101 youngsters in world football (Don Balon list 2012), su 101greatgoals.com, 12 novembre 2012. URL consultato il 29 marzo 2017.
  4. ^ a b Inter, come usare il talento Rafinha, Sky Sport, 24 gennaio 2018. URL consultato il 24 gennaio 2018.
  5. ^ Inter, arriva Rafinha: un jolly in cerca della definitiva consacrazione tuttomercatoweb.com
  6. ^ a b c d e f g h i Stefano Chioffi, Rafinha, la Liga scopre il fratello di Thiago Alcantara, in Il Corriere dello Sport, 15 febbraio 2014. URL consultato il 15 settembre 2016.
  7. ^ Alcantara brothers finally crossed paths, su totalbarca.com, 21 gennaio 2011. URL consultato il 9 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2014).
  8. ^ Diretta Champions - Finali, ecco le otto qualificate, su tuttomercatoweb.com. URL consultato il 9 febbraio 2014.
  9. ^ Filippo Maria Ricci, Barça magico: pure i ragazzini ne fanno 4, in La Gazzetta dello Sport, 7 dicembre 2011.
  10. ^ Rafinha: crociato rotto. Nainggolan: "Scusa, non volevo", su gazzetta.it, 17 settembre 2015.
  11. ^ Rafinha è nerazzurro!, su inter.it, 22 gennaio 2018.
  12. ^ (EN) Barça sends Rafinha on loan to Inter Milan, su fcbarcelona.com, 22 gennaio 2018.
  13. ^ Max Cristina, Serie A, Spal-Inter 1-1: Paloschi allunga la crisi nerazzurra, su sportmediaset.mediaset.it, 28 gennaio 2018.
  14. ^ Inter, con Rafinha e Brozovic nuova qualità per Spalletti. L'analisi con gli Sky Sport Tech, su sport.sky.it, 19 marzo 2018.
  15. ^ Andrea Sorrentino, Udinese-Inter 0-4: in gol Ranocchia, Rafinha, Icardi e Borja Valero, su repubblica.it, 6 maggio 2018.
  16. ^ (PT) Dunga convoca os 23 da Seleção Brasileira, su selecao.cbf.com.br. URL consultato il 21 maggio 2016.
  17. ^ Brasile, fuori Ederson e Rafinha dalla lista dei convocati, su tuttomercatoweb.com. URL consultato il 31 maggio 2016.
  18. ^ (PT) Seleção Olímpica convocada para a Rio 2016, su selecao.cbf.com.br, 29 giugno 2016. URL consultato il 29 giugno 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]