Radiotossicità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Radiotossicità (in sievert per gigawatt termico all'anno) del combustibile esausto scaricato dai reattori nucleari per diversi cicli del combustibile, in funzione del tempo.

La radiotossicità è un indice della capacità potenziale di un radioisotopo di produrre effetti dannosi nelle cellule viventi o nei diversi tessuti in seguito alla sua inalazione (in genere la situazione più pericolosa) o per ingestione. Essa assume valori diversi per i diversi nuclidi in funzione della tipologia (particelle alfa, beta, raggi gamma o neutroni) e dell'energia delle radiazioni emesse durante il decadimento radioattivo, del tempo di dimezzamento sia fisico che biologico del nuclide, della radiosensibilità dell'organo interessato all'esposizione (o, nel caso, dell'intero corpo).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La formula impiegata per calcolare il valore della radiotossicità R (espressa in sievert) è la seguente:

R = Fd A

dove Fd è il fattore di dose (in sievert/becquerel) e A l'attività del radionuclide (in becquerel).

L'International Commission on Radiation Protection (ICRP) ha pubblicato[1] i fattori di dose Fd per quasi tutti i radioisotopi dei nuclidi conosciuti. Questi diversi radioisotopi sono classificati in 4 categorie di radiotossicità: bassa, moderata, alta e molto alta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Fisica Portale Fisica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Fisica