Radio San Paolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stazione radiotelegrafica della Regia Marina
Roma Radio S Paolo exterior.jpg
Veduta (2017) dell'edificio che ospitava la stazione radio
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàRoma
Coordinate41°51′18.18″N 12°28′36.69″E / 41.855051°N 12.476859°E41.855051; 12.476859Coordinate: 41°51′18.18″N 12°28′36.69″E / 41.855051°N 12.476859°E41.855051; 12.476859
Informazioni generali
Costruzione1916-1917
Condizione attualeUso civile
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

La stazione radiotelegrafica della Regia Marina, più nota come Radio San Paolo, fu un centro di trasmissione e ricezione militare italiano in onde lunghe, medie e corte situato nella periferia meridionale di Roma. Inaugurata nel 1917 e posta sotto il comando della Regia Marina, la stazione rimase in servizio alla Marina Militare per buona parte del secondo dopoguerra per poi perdere importanza fino alla dismissione e alla trasformazione dei suoi locali in appartamenti civili.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il centro nacque alla fine degli anni dieci del XX secolo per intensificare le comunicazioni con le colonie italiane sul Mar Rosso[1] e con le imbarcazioni in navigazione nell'Atlantico, nel Mediterraneo e nell'Indiano[1].

Quanto rimane (2017) della targa originaria. La scritta cancellata è "Marina"

La locazione prescelta fu lungo via Ostiense all'altezza dell'attuale civico 204, in una zona all'epoca disabitata, circa 250 metri oltre la basilica di san Paolo[1] in direzione mare; gli impianti ivi installati, sotto la supervisione di Giancarlo Vallauri e dei sottotenenti di vascello Giuseppe Pession e Bernardo Micchiardi, erano trasmettitori ad alta potenza (250 kW) in onde lunghe ad arco Poulsen[1] sulle frequenze da 42,9 a 27,3 kHz (pari a una lunghezza d'onda da 7 000 a 11 000 metri)[1] emesse da un'antenna triangolare sorretta da tre tralicci in ferro alti circa 200 metri lungo il Valco di San Paolo[1]; tale configurazione permetteva già all'epoca di raggiungere le stazioni radio di Massaua e Mogadiscio. La radio fu usata anche per scopi civili, in particolare per tenere i contatti con il corpo diplomatico all'estero[2].

Tra il 1926 e il 1927, per fare fronte ai problemi di perturbazioni e di monsoni che si abbattevano sulla costa orientale dell'Africa, la stazione fu dotata anche di impianto a onde corte a valvola da 6 kW sui 32 (~9 300 kHz) e sui 66 metri (~4 500 kHz)[3], un ulteriore impianto in onde lunghe sui 10 750 metri (28 kHz) e uno in onde medie sui 2 250 (~133 kHz) e 4 800 metri (~62 kHz) sopraggiunse nel 1928[3][4][5].

La stazione radio San Paolo divenne famosa quando, nel 1928, tenne i collegamenti con la nave appoggio Città di Milano, che nell'Atlantico settentrionale stava effettuando le ricerche di Umberto Nobile e del suo equipaggio dopo il disastro del dirigibile Italia al polo nord[6]; quando il giovane sovietico Nikolaj Schmidt, vicino Arcangelo, captò il segnale di SOS lanciato dal marconista della spedizione Giuseppe Biagi dopo giorni di infruttuosi tentativi da parte di quest'ultimo, si mise in contatto proprio con la stazione di Roma San Paolo inviandogli frequenza e coordinate e permettendo al Città di Milano di stabilire contatto diretto con i superstiti dell'equipaggio[6] e portare a buon termine i soccorsi, materialmente effettuati dalla rompighiaccio sovietica Krasin.

Dopo l'8 settembre 1943 e la caduta di Roma in mano tedesca, la radio, che era un obiettivo strategico assicurando le comunicazioni con gran parte della flotta, fu militarmente occupata da parte delle truppe naziste[7].

Dopo la fine della guerra e l'urbanizzazione della zona, in particolare con la costruzione delle case INA e IACP al Valco San Paolo nei primissimi anni cinquanta, la stazione radio fu ridimensionata fino alla chiusura definitiva. Oggi i manufatti che sopravvivono sono adibiti in parte a edilizia per abitazione civile e in altra alla sede del circolo di cultura omosessuale Mario Mieli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f La stazione radiotelegrafica di Roma S. Paolo, in l'Elettrotecnica, 15 giugno 1919.
  2. ^ Vincelli, pag. 109
  3. ^ a b Giuseppe Pession; Gino Montefinale, Il centro Radiotelegrafico di Roma (San Paolo), in l'Elettrotecnica, nº 8, 1920.
  4. ^ Giuseppe Pession, Le onde corte e la radiofonia (PDF), in Rassegna delle Poste, dei Telegrafi e dei Telefoni, Gennaio 1929-VII, pp. 6-9. URL consultato il 3 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2017).
  5. ^ O. Cerquiglini, Una visita alla stazione radio di Roma - San Paolo, in La Domenica del Corriere, 29 luglio 1928, p. 3.
  6. ^ a b Ritorno alla vita sull'onda della Radio, in La Stampa, 10 giugno 1928, p. 1. URL consultato il 3 aprile 2017.
  7. ^ Patricelli, pag. 98

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]