Trek-Segafredo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da RadioShack-Nissan)
Trek-Segafredo
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Tour of Alberta 2015 - Edmonton (21226771622).jpg
La Trek Factory Racing alla cronosquadre del Tour of Alberta 2015
Informazioni
Codice UCI TFS
Nazione Stati Uniti Stati Uniti
Debutto 2011
Specialità Strada
Status UCI World Tour
Biciclette Trek
Sito ufficiale Trek-Segafredo
Staff tecnico
Gen. manager Luca Guercilena
Dir. sportivi Alain Gallopin
Kim Andersen
Adriano Baffi
Dirk Demol
Josu Larrazabal
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Divisa

La Trek-Segafredo (codice UCI: TFS), in precedenza Trek Factory Racing, è una squadra maschile statunitense di ciclismo su strada. Ha licenza da UCI ProTeam, che le consente di partecipare alle gare dell'UCI World Tour.

Attiva nel professionismo dalla stagione 2014, è sponsorizzata dall'azienda di biciclette Trek, che ha rilevato la struttura e parte dell'organico della RadioShack-Leopard, attiva dal 2011 al 2013.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La nascita della squadra[modifica | modifica wikitesto]

Al termine della stagione 2010, i fratelli Schleck sono a fine contratto con la squadra danese Saxo Bank, diretta da Bjarne Riis, e decidono di creare una propria squadra sotto la guida di Brian Nygaard e Kim Andersen, entrambi nello staff della Saxo Bank, puntando ad ottenere la licenza UCI ProTeam. Per ottenerla, i dirigenti della squadra reclutano alcuni corridori dalle principali squadre europee, come Daniele Bennati della Liquigas-Doimo[1], Jakob Fuglsang (Saxo Bank)[2], Linus Gerdemann e Fabian Wegmann (Milram)[2] e il campione del mondo a cronometro Fabian Cancellara (Saxo Bank)[3]

Il 2 settembre l'azienda produttrice di biciclette Trek annuncia la firma di un accordo di sponsorizzazione della squadra[4], mentre la Craft fornisce l'abbigliamento tecnico[5]. Il 23 novembre la squadra ottiene la licenza ProTeam fino al 2014[6].

La squadra si basava su un blocco di corridori arrivati dalla Saxo Bank, dieci in tutto, tra i quali i due capitani indiscussi del team, Andy Schleck e Fränk Schleck[7]. Dietro di loro, il campione del mondo a cronometro Cancellara[7]. Tra i velocisti, le punte sono gli italiani Daniele Bennati e Davide Viganò, arrivato dal Team Sky, e il belga Wouter Weylandt (Quick Step)[7]. Alle spalle dei leader, esperti gregari quali Stuart O'Grady, Dominic Klemme, Joost Posthuma, Jens Voigt, Oliver Zaugg, Maxime Monfort, Jakob Fuglsang e Fabian Wegmann[7]. Stefan Denifl, Linus Gerdemann e Brice Feillu rappresentano le giovani scommesse del team, che conta anche su un neo professionista italiano, Giacomo Nizzolo[7].

La stagione 2011[modifica | modifica wikitesto]

È Dominic Klemme, il 2 marzo 2011, a dare il primo storico successo al Team Leopard-Trek: il tedesco, giunto dall'appena dismessa Milram, si aggiudica infatti la Le Samyn, in Francia, battendo allo sprint il belga Kevin Ista e il compagno di squadra Robert Wagner[8]. In quell'inizio di stagione è però protagonista, per la squadra lussemburghese, soprattutto Fabian Cancellara, abile ad aggiudicarsi una tappa alla Tirreno-Adriatico e l'E3 Harelbeke in Belgio. Lo svizzero si classifica inoltre secondo alla Milano-Sanremo e alla Parigi-Roubaix, e terzo al Giro delle Fiandre.

Conclusa la campagna delle classiche del Nord, la formazione prende il via al Giro d'Italia. La partecipazione alla "Corsa Rosa" edizione 2011, esordio assoluto per la Leopard-Trek in un Grande Giro, viene però segnata dalla morte del ciclista Wouter Weylandt, avvenuta il 9 maggio nel corso della terza tappa a causa di una caduta lungo la discesa del Passo del Bocco[9]. In seguito a questa tragedia il Team Leopard-Trek, per cui correva Weylandt, decide, al termine della tappa dell'indomani, neutralizzata, di ritirarsi dal Giro d'Italia.

In luglio Andy e Fränk Schleck si classificano rispettivamente secondo e terzo al Tour de France, battuti dall'australiano Cadel Evans; Andy Schleck si aggiudica peraltro la tappa con arrivo in quota sul Colle del Galibier. Tra agosto e settembre la squadra vince quindi due frazioni alla Vuelta a España, una nella cronosquadre di apertura e una con l'italiano Daniele Bennati; in chiusura di stagione, infine, lo svizzero Oliver Zaugg consegna al Team Leopard-Trek il primo successo in una "classica monumento", aggiudicandosi la 105ª edizione del Giro di Lombardia.

La stagione 2012[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012 arrivano, in qualità di nuovi sponsor principali del progetto ciclistico lussemburghese, la catena di distribuzione elettronica RadioShack e la casa automobilistica Nissan, in precedenza finanziatori della formazione statunitense Team RadioShack. Si uniscono alla squadra, provenienti dallo stesso Team RadioShack, anche il manager Johan Bruyneel e tredici atleti, tra cui Chris Horner e Andreas Klöden. Sono peraltro tredici anche i confermati dalla stagione 2011 del Team Leopard-Trek, e tra essi i tre capitani, i due fratelli Schleck e lo svizzero Cancellara. Proprio quest'ultimo dà alla squadra il primo successo dell'anno, aggiudicandosi la Strade Bianche.

La stagione 2013[modifica | modifica wikitesto]

Al termine della stagione 2013 la squadra viene dismessa. Il DS italiano Guercilena e buona parte dei corridori confluiscono nella neonata Trek Factory Racing.

Stagione 2014: nasce la Trek Factory Racing[modifica | modifica wikitesto]

La Trek Factory Racing nasce nel 2014, dopo aver acquistato la licenza World Tour dall'imprenditore lussemburghese Flavio Becca, che fino al 2013 era proprietario del team RadioShack-Leopard. La decisione arriva dopo i ritiri di diversi sponsor principali (RadioShack, Nissan, Enovos), ma soprattutto a causa degli scandali doping di Frank Schleck, Lance Armstrong e l'ex team manager Johan Bruyneel.[10] Proprietaria e sponsor principale della squadra diventa la Trek Bicycle Corporation, azienda americana produttrice di biciclette. Uomo di punta del team è lo svizzero Fabian Cancellara, che vince per il secondo anno consecutivo il Giro delle Fiandre e si piazza secondo alla Milano-Sanremo e terzo alla Parigi-Roubaix. Non mancano corridori da corse a tappe, come i fratelli lussemburghesi Frank e Andy Schleck, il croato Robert Kišerlovski, lo spagnolo Haimar Zubeldia e il colombiano Julián Arredondo, che riesce a imporsi in una delle tappe di montagna del Giro d'Italia, la diciottesima, e in due tappe del Tour de San Luis. Veocista del team è l'italiano Giacomo Nizzolo, che vince una tappa al Tour de San Luis e una al Tour de Wallonie. [11]

La stagione 2015[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 2015 la squadra non cambia molto. Appena tre i nuovi volti, uno tra questi l'olandese Bauke Mollema, che arricchisce la squadra di un altro corridore da corse a tappe. Inizio di stagione buono con la vittoria del giovane lussemburghese Bob Jungels all'Étoile de Bessèges 2015. Fabian Cancellara non ripete i successi dell'anno precedente alle classiche primaverili a causa di un infortunio.[12] Al Giro d'Italia Giacomo Nizzolo vince la maglia rossa della classifica a punti, grazie ai numerosi piazzamenti. Alla Vuelta a España arrivano tre vittorie per tre corridori della Trek, Jasper Stuyven all'ottava tappa, Danny Van Poppel alla dodicesima e Frank Schleck alla sedicesima. [13]

La stagione 2016[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2016 un nuovo sponsor affianca la Trek Bicycle Corporation. Si tratta della Segafredo Zanetti, azienda italiana di produzione di caffè. Anche quest'anno gli uomini di punta sono Fabian Cancellara e il velocista Giacomo Nizzolo. Nuovi arrivi, il canadese Ryder Hesjedal, per le corse a tappe e l'italiano Niccolò Bonifazio, per gli arrivi in volata.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Annuario[modifica | modifica wikitesto]

Anno Codice Nome Cat. Biciclette Dirigenza
2011 LEO Lussemburgo Team Leopard-Trek WT Trek Manager: Kim Andersen, Brian Nygaard
Dir. sportivi: Adriano Baffi, Luca Guercilena, Lars Michaelsen, Torsten Schmidt
2012 RNT Lussemburgo RadioShack-Nissan WT Trek Manager: Johan Bruyneel
Dir. sportivi: José Azevedo, Kim Andersen, Dirk Demol, Alain Gallopin, Luca Guercilena, Lars Michaelsen
2013 RLT Lussemburgo RadioShack-Leopard WT Trek Manager: Flavio Becca
Dir. sportivi: José Azevedo, Kim Andersen, Dirk Demol, Alain Gallopin, Luca Guercilena
2014 TFR Stati Uniti Trek Factory Racing WT Trek Manager: Luca Guercilena
Dir. sportivi: Kim Andersen, Adriano Baffi, Dirk Demol, Alain Gallopin, Luc Meersman
2015 TFR Stati Uniti Trek Factory Racing WT Trek Manager: Luca Guercilena
Dir. sportivi: Kim Andersen, Adriano Baffi, Dirk Demol, Alain Gallopin, Luc Meersman, Josu Larrazabal
2016 TFS Stati Uniti Trek-Segafredo WT Trek Manager: Luca Guercilena
Dir. sportivi: Alain Gallopin, Kim Andersen, Adriano Baffi, Dirk Demol, Josu Larrazabal

Classifiche UCI[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 fu introdotto l'UCI ProTour[14] e, parallelamente, i Circuiti continentali UCI;[15] dal 2009 le gare del circuito ProTour sono state integrate nel Calendario mondiale UCI, poi divenuto UCI World Tour.

Anno Class. Pos. Migliore cl. individuale
2011 World Tour Lussemburgo Fränk Schleck (10º)
2012 World Tour 12º Svizzera Fabian Cancellara (37º)
2013 World Tour Svizzera Fabian Cancellara (7º)
2014 World Tour 13º Svizzera Fabian Cancellara (11º)
2015 World Tour 13º Paesi Bassi Bauke Mollema (22º)

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornato al 11 settembre 2016.

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazioni: 6 (2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016)
Vittorie di tappa: 1
2014 (Julián Arredondo)
Vittorie finali: 0
Altre classifiche: 4
2014 Scalatori (Julián Arredondo)
2014 Combattività (Julián Arredondo)
2015 Punti (Giacomo Nizzolo)
2016 Punti (Giacomo Nizzolo)
Partecipazioni: 6 (2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016)
Vittorie di tappa: 3
2011 (Andy Schleck)
2012 (Fabian Cancellara)
2013 (Jan Bakelants)
Vittorie finali: 0
Altre classifiche: 0

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

Campionati nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Strada
In linea: 2016 (Jack Bobridge)
In linea: 2014 (Riccardo Zoidl)
In linea: 2013 (Stijn Devolder)
Cronometro: 2014 (Kristof Vandewalle)
Cronometro: 2012 (Jakob Fuglsang)
Cronometro: 2014 (Fumiyuki Beppu)
In linea: 2011 (Fränk Schleck); 2012 (Laurent Didier); 2013 (Bob Jungels); 2014 (Fränk Schleck); 2015 (Bob Jungels)
Cronometro: 2013 (Bob Jungels); 2014 (Laurent Didier); 2015 (Bob Jungels)
In linea: 2013, 2014 (Hayden Roulston)
In linea: 2015 (Matthew Busche)
In linea: 2011 (Fabian Cancellara)
Cronometro: 2011, 2012, 2013 (Fabian Cancellara)
In linea: 2011 (Robert Wagner)

Organico 2016[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornato al 6 marzo 2016.[16]

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

GM=General manager; DS=Direttore sportivo.
Naz. Ruolo Sportivo
Italia GM Luca Guercilena
Danimarca DS Kim Andersen
Italia DS Adriano Baffi
Belgio DS Dirk Demol
Francia DS Alain Gallopin
Spagna DS Josu Larrazabal
Belgio DS Luc Meersman

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Naz. Sportivo Anno
Italia Eugenio Alafaci 1990
Colombia Julián Arredondo 1988
Giappone Fumiyuki Beppu 1983
Francia Julien Bernard 1992
Australia Jack Bobridge 1985
Italia Niccolò Bonifazio 1993
Svizzera Fabian Cancellara 1981
Italia Marco Coledan 1988
Belgio Stijn Devolder 1979
Lussemburgo Laurent Didier 1984
Italia Fabio Felline 1990
Canada Ryder Hesjedal 1980
Spagna Markel Irizar 1980
Paesi Bassi Bauke Mollema 1986
Italia Giacomo Nizzolo 1989
Ucraina Jaroslav Popovyč 1980
Paesi Bassi Boy van Poppel 1988
Svizzera Grégory Rast 1980
Stati Uniti Kiel Reijnen 1986
Lussemburgo Fränk Schleck 1980
Stati Uniti Peter Stetina 1987
Belgio Jasper Stuyven 1992
Belgio Edward Theuns 1991
Austria Riccardo Zoidl 1988
Spagna Haimar Zubeldia 1977

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Simon Mari, Team Lussemburgo, ufficializzato Bennati, in spaziociclismo.it, 20 ottobre 2010. URL consultato il 21 dicembre 2010.
  2. ^ a b Mattia De Pasquale, Team Lussemburgo, ufficializzati altri tre corridori, in spaziociclismo.it, 29 ottobre 2010. URL consultato il 21 dicembre 2010.
  3. ^ Luca Pellegrini, Team Lussemburgo, contratto triennale per Cancellara, in spaziociclismo.it, 30 novembre 2010. URL consultato il 21 dicembre 2010.
  4. ^ Marlous Williamson, Signature d'un partenariat entre Trek et la formation cycliste professionnelle luxembourgeoiselingua=fr, in trekbikes.com, 2 settembre 2010. URL consultato il 21 dicembre 2010.
  5. ^ Craft fournisseur officiel sur velo-club.net"", le 7 décembre
  6. ^ Giampaolo Almeida, UCI, Pro Tour 2011: ci sono BMC e Vacansoleil, in spaziociclismo.it, 22 novembre 2010. URL consultato il 22-11-2010.
  7. ^ a b c d e Giampaolo Almeida, Presentazione Luxembourg Pro Cycling Project 2011, in spaziociclismo.it, 4 gennaio 2011. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  8. ^ (EN) Klemme takes first win for Leopard Trek, in www.cyclingnews.com, 2 marzo 2011. URL consultato il 5 marzo 2012.
  9. ^ Dramma al Giro, Weylandt cade e muore, in ANSA, 9 maggio 2011. URL consultato il 9 maggio 2011.
  10. ^ cyclingnews, 5 giugno 2013, http://www.cyclingnews.com/news/report-becca-to-sell-worldtour-licence-to-trek-release-frank-schleck/ . URL consultato il 17 marzo 2016.
  11. ^ direttaciclismo, 14 gennaio 2014, http://www.direttaciclismo.it/news/presentazione-squadre-ciclismo-2014/trek-factory-racing-13842.php#.VuriVOLhDIU . URL consultato il 17 marzo 2016.
  12. ^ raisport, 27 marzo 2015, http://www.raisport.rai.it/dl/raiSport/Articoli/Cancellara-infortunato-a96d51e5-f948-4847-8712-901a85eb7d85.html . URL consultato il 17 marzo 2016.
  13. ^ direttaciclismo, http://www.procyclingstats.com/team.php?id=1258&c=1&season=2015 . URL consultato il 17 marzo 2016.
  14. ^ (EN) Archivio delle classifiche UCI ProTour, www.uciprotour.com. URL consultato il 12 dicembre 2009.
  15. ^ (EN) Archivio delle classifiche UCI, 62.50.72.82. URL consultato il 3 dicembre 2009.
  16. ^ (EN) Team, www.treksegafredo.com. URL consultato il 6 marzo 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Ciclismo Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo