REC 3 - La genesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
REC 3 - La genesi
REC 3 trailer screenshot.png
Clara (Leticia Dolera) e Diego (Diego Martín) in una scena del film.
Titolo originale [REC]³ Génesis
Lingua originale Spagnolo
Paese di produzione Spagna
Anno 2012
Durata 90 minuti
Colore colore
Audio sonoro
Genere orrore
Regia Paco Plaza
Sceneggiatura Paco Plaza, Luis A. Berdejo
Produttore Julio Fernández Rodríguez
Produttore esecutivo Alberto Marini, Carlos Fernández, Julio Fernández
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

REC 3 - La genesi, reso graficamente [REC]³ - La genesi ([REC]³ Génesis) è un film horror spagnolo del 2012, diretto da Paco Plaza e prodotto dalla Filmax. È il terzo capitolo della saga cinematografica horror Rec, e gli eventi si verificano parallelamente a Rec.

Il film è stato distribuito nelle sale cinematografiche spagnole il 30 marzo 2012, il 7 settembre 2012 in quelle statunitensi e in quelle italiane il 17 gennaio 2013.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Due giovani, Diego e Clara, si sono appena sposati e stanno per festeggiare il matrimonio. Durante la festa, lo zio di Diego, Víctor, precedentemente morso da un cane, comincia a manifestare la sintomatologia della possessione. Víctor, ormai posseduto, si sporge da una balconata all'interno della sala da ballo precipitando su un tavolo, dandogli occasione di mordere e quindi contagiare i primi invitati che vanno a soccorrerlo facendo partire così la diffusione della possessione alla festa.

Il panico che si scatena divide i due sposi. Diego riesce a ripararsi nelle cucine insieme a suo cugino Adrián, Atún, la sorella di Clara ed un impiegato della SGAE. Qui Diego, con un gesto d'ira, distrugge la telecamera di Atún e successivamente fuggono dal condotto di aerazione, tranne Atún a causa della sua corporatura. Il gruppo, ormai fuori dall'edificio, si dirige verso la macchina della polizia dove l'impiegato della SGAE uccide una posseduta , ma viene poi aggredito e ucciso dal poliziotto all'interno della vettura che sembrava non dare segni di vita. I tre rimasti raggiungono una chiesa dove riescono ad entrare grazie a degli altri sopravvissuti che si sono rifugiati, saranno proprio loro a spiegare che i posseduti non possono entrare e che possono essere feriti dall'acqua santa. Dagli altoparlanti la voce di Clara fa sapere che sta bene e annuncia che è incinta.

Diego, guardando una raffigurazione di San Giorgio, ha quindi l'idea di vestire lui e il cameriere robusto con un'arma ad una mano, uno scudo e armatura per dirigersi verso l'edificio del ricevimento. Nel frattempo nella sala di controllo ci sono un prete e Clara, mentre vengono raggiunti dai posseduti. Clara con prontezza srotola fuori dalla finestra il tubo dell'acqua da usare in caso di incendio e si cala senza difficoltà dal secondo al primo piano e verrà seguita anche dal prete. In questa stanza la coppia trova Rafa e Natalie, una ragazza francese, intenti in atteggiamenti intimi che non si sono ancora resi conto di quanto stava accadendo. Diego e il cameriere bardati di tutto punto si dirigono all'interno dell'edificio verso la sala di controllo e in un corridoio delle mani che spuntano da dietro le tende afferrano e tirano a sé il robusto cameriere che si presume venga ucciso.

Il gruppo di Clara tenta invece di uscire dall'edificio pullulante di posseduti. La conferma di una presenza demoniaca alla base di ciò che sta accadendo è data quando il riflesso in uno specchio di due possedute mostra due presenze demoniache invece dei corpi a loro visibili.

Il gruppo di Clara, avendo lasciato indietro il prete, che grazie alle parole del Vangelo riesce a salvarsi dai posseduti, si dirige il piano terra dirigendosi verso un garage. Qui trovano l'intrattenitore vestito da SpongeJohn che chiede aiuto per aprire la porta del garage, mentre Clara e Natalie si parlano, finché quest'ultima non viene aggredita da una posseduta. Rafa e Clara si rifugiano quindi in una botola all'interno del boschetto che porta all'interno di un sotterraneo dove Rafa intima a Clara di non cercare più Diego, quando improvvisamente proprio lui dalla sala da ballo, alza al massimo il volume della loro canzone come segnale per Clara, cosa che le dà la speranza di poter ritrovare Diego. Prende quindi una motosega e si scaglia contro i posseduti che sono entrati nel sotterraneo.

Diego si sposta in cucina dove trova Atún che si è suicidato tagliandosi le vene, ma trova anche lo zio Víctor che ha fatto partire il contagio. Intanto Clara continua ad uccidere i posseduti, compreso Rafa che sfortunatamente è stato morso. Di nuovo insieme, i due vengono circondati dai posseduti, senza possibilità di fuggire, ma è il prete che, essendosi salvato grazie alle sue preghiere, allo stesso modo dalla sala di controllo diffonde la sua voce immobilizzando i posseduti.

Tuttavia, lo zio di Diego che utilizza un apparecchio acustico danneggiato, non sentendo le preghiere attacca Clara, mordendola al braccio. Diego decide di tagliarli il braccio con una spada per impedire che l'infezione si espanda, ma quando taglia l'arto della sua amata è troppo tardi. Diego bacia Clara, ma quest'ultima, ormai posseduta, strappa la lingua a Diego con i denti.

Nello stesso momento interviene una squadra della G.E.O che non ha altra scelta se non uccidere i due amanti.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Paco Plaza e Jaume Balagueró, che sono i registi di Rec e Rec 2, restano divisi per il prequel e per il nuovo sequel. Il film a differenza del primo e secondo capitolo è ripreso solo in parte tramite videocamera "amatoriale": è ripresa tutta la cerimonia di nozze e i festeggiamenti prima che l'infezione si propaghi. La seconda parte invece è stata girata con cineprese e inquadrature tradizionali.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 novembre 2012 sono stati diffusi online il poster e il trailer italiani del film.[1]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è uscito nelle sale cinematografiche spagnole il 30 marzo 2012 e in quelle statunitensi il 7 settembre 2012 mentre, in Italia è uscito il 17 gennaio 2013.

Divieti[modifica | modifica wikitesto]

In America, il film è stato vietato ai minori di 17 anni (R) per linguaggio scorretto e forte violenza.

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 ottobre 2014 è uscito in Spagna REC 4: Apocalipsis, ultimo capitolo della saga, in cui Ángela Vidal, la giovane reporter che entrò, nel primo film, nell'edificio di Barcellona posto in quarantena insieme ad un gruppo di vigili del fuoco, è sopravvissuta alla mattanza. Ángela, infettata e posseduta dal demonio, viene rinchiusa in quarantena in un'installazione di massima sicurezza. Si tratta di una vecchia petroliera situata a chilometri dalla costa e circondata unicamente dal mare, luogo adatto per la quarantena.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Trailer e Poster italiani per Rec Genesis, a gennaio nelle sale italiane, Screenweek Blog.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema