R68 (carrozza)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
R68
Carrozza
R68 in servizio sulla linea D
R68 in servizio sulla linea D
Anni di costruzione 1986-1988
Anni di esercizio 1986-presente
Quantità prodotta 425
Costruttore Westinghouse Amrail Company
Lunghezza 22,86 m
Larghezza 3 m
Altezza 3,7 m
Capacità 70 passeggeri (seduti)
Scartamento 1 435 mm
Massa vuoto 42 057 kg
Velocità massima omologata 89 km/h

Le R68 sono una serie di 425 carrozze della metropolitana di New York operanti nella divisione B. Furono costruite in Francia tra il 1986 e il 1988 dalla Westinghouse Amrail Company, una joint venture tra Westinghouse Electric, ANF Industrie, Jeumont Schneider e Alstom, al costo di un milione di dollari ciascuna.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Le R68 furono le terze carrozze della serie R, dopo le R44 e le R46, ad essere realizzate con una lunghezza di 22,86 metri, così da avere più spazio per i passeggeri, sia in piedi che seduti, rispetto alle precedenti carrozze.

La costruzione delle R68 fu caratterizzata da innumerevoli problemi per via dello scarso coordinamento tra l'ANF Industrie, produttrice del telaio, e la Westinghouse Electric, che si occupava dell'assemblamento. Dalla loro entrata in servizio, le R68 hanno spesso avuto problemi alle porte e la flotta aveva il più alto tasso di guasti di tutta la rete, anche se un ampio lavoro svolto dalla New York City Transit Authority ha risolto in seguito molti dei problemi.[1]

La consegna della prima carrozza R68 avvenne il 4 febbraio 1986, tuttavia la vettura non riuscì a passare su una curva stretta della South Brooklyn Railway e di conseguenza la consegna fu ritardata al 26 febbraio, dopo che la curva fu addolcita. Le prove di collaudo della durata di 30 giorni ebbero quindi inizio il 13 aprile sulla linea BMT Brighton, mentre l'entrata ufficiale in servizio avvenne il 20 giugno, sulla linea D.[2]

La Metropolitan Transportation Authority aveva dato alla Westinghouse Electric la possibilità di realizzare altre 200 vetture, ma a causa dei numerosi problemi riscontrati, la MTA assegnò successivamente l'ordine alla Kawasaki Heavy Industries, portando alla realizzazione delle carrozze R68A, quasi identiche per molti versi alle R68.[1]

Il rimpiazzo delle carrozze R68 è attualmente previsto per non prima del 2025,[3] inoltre la Metropolitan Transportation Authority ha proposto di apportare una serie di migliorie, come schermi a LED e annunci automatici. Tuttavia, è improbabile che questi miglioramenti saranno attuati nel prossimo futuro.[4]

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Le carrozze R68 sono così assegnate alle diverse linee: 232 carrozze, cioè l'equivalente di 29 treni, alla linea D, 52 carrozze, cioè l'equivalente di 13 treni, alla linea G, 40 carrozze, cioè l'equivalente di 5 treni, alla linea B, 4 carrozze, assemblate in 2 treni, alla navetta Franklin Avenue e le restanti 24 carrozze sono condivise dalle linee N e W.[5] I depositi assegnati alle carrozze sono invece quello di Concorse nel Bronx e quello di Coney Island a Brooklyn.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Richard Levine, Transit Authority Is Critical of its Newest Subway Cars, in The New York Times, 25 febbraio 1987. URL consultato il 16 aprile 2016.
  2. ^ (EN) Mark S. Feinman, New Subway Cars for New York, su nycsubway.org. URL consultato il 16 aprile 2016.
  3. ^ (EN) MTA Capital Program Oversight Committee Hearing, June 2010 (PDF), su mta.info, p. 20. URL consultato il 16 aprile 2016.
  4. ^ (EN) Request For Information No. 9003 (PDF), su mta.info. URL consultato il 16 aprile 2016.
  5. ^ (EN) BMT-IND (B) Division Car Assignments, su thejoekorner.com, 1º gennaio 2017. URL consultato il 19 marzo 2017.
  6. ^ (EN) Kris Datta, New York City Subway Car Datasheet, su docs.google.com, p. 5. URL consultato il 16 aprile 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Gene Sansone, Evolution of New York City subways: An illustrated history of New York City's transit cars, 1867-1997, New York, 1997.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti