Qwant

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Qwant
Logo
StatoFrancia, Unione Europea
Forma societariaSocietà per azioni semplificata
Fondazione2011
Fondata daJean-Manuel Rozan, Éric Leandri
Sede principaleParigi
SettoreMotori di ricerca
Sito web

Qwant è un motore di ricerca europeo fornito dalla omonima società francese; dichiara di non profilare gli utenti né di usare bolle di filtraggio per presentare i risultati della ricerca[1]. Il servizio è stato lanciato inizialmente il 16 febbraio 2013 in versione beta e il 4 luglio 2013 in versione stabile[2]; Una nuova versione è stata lanciata ad nell' aprile 2015[3].

Secondo Éric Léandri, Qwant vuole essere "la Svizzera di Internet" per l' assenza di utenti rintracciabili.

Nel mese di ottobre 2017 è stato lanciato in Italia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Visite Qwant 2016-2017

Qwant è stato fondato nel 2011 da Jean-Manuel Rozan, esperto di finanza, ed Éric Leandri, specialista nella sicurezza dei computer. Il nome Qwant viene da una combinazione di idee. La Q di Qwant sta per «Quantità» ed evoca la quantità di dati elaborati dal motore di ricerca, e want è la contrazione del termine inglese wanted[4].

È stato rilasciato il 16 febbraio 2013 dopo due anni di ricerche e sviluppo.

Il 27 ottobre 2015, in seguito al rilascio dell'ultima versione stabile, la Banca europea degli investimenti (BEI) ha deciso di sostenere Qwant con un finanziamento di 25 milioni[5].

Nello stesso mese, Qwant ha reso disponibile una versione più veloce e leggera del motore di ricerca destinata agli utente con browser vecchi o computer poco potenti. Le funzioni integrate come i video automatici in sottofondo o le funzionalità in JavaScript sono state rimosse[6].

Nel giugno 2017, Qwant ha annunciato che sarà integrato come motore di ricerca predefinito nello smartphone Fairphone 2 firmando un accordo di partnership con Fairphone[7].

Nel mese di ottobre 2017 è stato lanciato in Italia.

Il 10 novembre 2017, Qwant acquista la Xilopix (un' azienda con sede in Lorena che pubblica il motore di ricerca Xaphir) in difficoltà finanziarie. Allo stesso tempo, Qwant collabora con Inria per condurre ricerche sulle tecnologie internet rispettose della privacy.[8]

Il 9 gennaio 2018 Qwant entra nel mercato cinese in concomitanza con la visita di Emmanuel Macron in Cina[9]. La Cina permette solo utilizzo di servizi che facciano rimanere i dati nel paese.

Motore di ricerca[modifica | modifica wikitesto]

Qwant offre diversi tipi di risultati tra cui siti web, negozi in linea, siti di notizie e rete sociale[10].

Secondo il suo fondatore, Qwant non vuole competere con Google ma «mostrare qualcosa di diverso».

Nella modalità «Ricerca», i risultati sono organizzati in colonne:

  • Web
  • Notizie
  • Social
  • Immagini
  • Video
  • Acquisti
  • Musica

È possibile migliorare la ricerca per ogni colonna aggiungendo ulteriori parole chiave.

La modalità «Media» mostra foto e video, mentre la modalità «People» serve per trovare persone o organizzazioni attraverso reti sociali come Facebook, Twitter, Google+, Linkedin o MySpace.

Inoltre Qwant mette a disposizione un altro motore chiamato Qwant Junior che permette di navigare filtrando i contenuti inadatti ai bambini.

Gli utenti possono creare un account gratuito che consente loro di creare note e appunti.

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

Subito dopo il rilascio, alcuni osservatori hanno espresso dubbi circa la natura di Qwant sostenendo che più che un motore di ricerca fosse un aggregatore di risultati di altri motori come Bing e Amazon e che il Qnowledge Graph sia basato su Wikipedia[11]; la compagnia ha respinto le critiche affermando che Qwant ha il proprio web crawler e utilizza gli altri motori di ricerca per scopi di indicizzazione semantica[12].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Qwant, su Qwant. URL consultato il 7 luglio 2016.
  2. ^ Qwant : le nouveau moteur de recherche français est officiellement lancé, su atlantico.fr. URL consultato il 7 luglio 2016.
  3. ^ Welcome to the new Qwant!, su blog.qwant.com. URL consultato il 7 luglio 2016.
  4. ^ Qwant, su Qwant. URL consultato il 7 luglio 2016.
  5. ^ La Banca Europei degli Investimenti sostiene Qwant, su eib.org. URL consultato il 7 luglio 2016.
  6. ^ "Qwant Lite est spécifiquement adapté aux utilisateurs d'anciennes versions de navigateurs", su archives.nicematin.com. URL consultato il 7 luglio 2016.
  7. ^ (FR) Le moteur de recherche Qwant intégré aux nouveaux Fairphone, in lesechos.fr. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  8. ^ (FR) Qwant reprend Xilopix, créateur du moteur Xaphir - Le Monde Informatique, in LeMondeInformatique. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  9. ^ French search engine entering China market, su m.nbdpress.com. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  10. ^ Qwant : le nouveau moteur de recherche made in France fait de bons débuts, su atlantico.fr. URL consultato il 7 luglio 2016.
  11. ^ (FR) Qwant : moteur de recherche ou simple agrégateur d'infos ? - Actualité Abondance, su abondance.com, 17 febbraio 2013. URL consultato il 7 luglio 2016.
  12. ^ Qwant, su blog.qwant.com, 19 agosto 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]