Quod idola dii non sint

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Quod idola dii non sint
AutoreTascio Cecilio Cipriano
1ª ed. originale359 circa
Editio princeps1471, Sweynheym e Pannartz, Roma
GenereApologia
Lingua originalelatino

Quod idola dii non sint è una polemica contro il politeismo, in cui l'autore passa in rassegna le opere degli apologisti, soprattutto di Tertulliano e Minucio Felice, seguendo la dottrina di Evemero riguardo all'origine degli dei.

Attribuita a Tascio Cecilio Cipriano, non è elencata nelle liste antiche,[1] ma era conosciuto sia da Sofronio Eusebio Girolamo che da Agostino d'Ippona; tuttavia diversi studiosi lo classificano come uno scritto pseudociprianeo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Enumerazione retorica di Ponzio, 7 e un catalogo del 359.