Quod idola dii non sint

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Quod idola dii non sint
AutoreTascio Cecilio Cipriano
1ª ed. originale359 circa
GenereApologia
Lingua originale latino

Quod idola dii non sint è una polemica contro il politeismo, in cui l'autore passa in rassegna le opere degli apologisti, soprattutto di Tertulliano e Minucio Felice, seguendo la dottrina di Evemero riguardo all'origine degli dei.

Attribuita a Tascio Cecilio Cipriano, non è elencata nelle liste antiche,[1] ma era conosciuto sia da Sofronio Eusebio Girolamo che da Agostino d'Ippona; tuttavia diversi studiosi lo classificano come uno scritto pseudociprianeo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Enumerazione retorica di Ponzio, 7 e un catalogo del 359.