Quintiliani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Logo Metropolitane Italia.svg
Quintiliani
Roma - Quintiliani Metro B - Esterno.jpg
Le due scalinate d'accesso alla fermata
Stazione dellametropolitana di Roma
GestoreATAC
Inaugurazione2003
StatoIn uso
Linealinea B
LocalizzazioneVia della Pietra Sanguigna, Roma
TipologiaFermata sotterranea con due binari in canna singola
InterscambioAutolinee urbane
DintorniOspedale Sandro Pertini
Mappa di localizzazione: Roma
Quintiliani
Quintiliani
Metropolitane del mondo
Coordinate: 41°54′56.01″N 12°32′18.93″E / 41.915557°N 12.538593°E41.915557; 12.538593

Quintiliani è una fermata della linea B della metropolitana di Roma, situata nel quartiere Pietralata.

Terminata nel 1990 ed entrata in esercizio nel 2003, essa si trova in via della Pietra Sanguigna e prende il nome dall'antico Casale dei Quintiliani, che sorgeva nelle adiacenze della fermata.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Benché ultimata nel 1990 nel quadro del piano di prolungamento della linea B da Termini fino a Rebibbia, tale fermata non aprì al pubblico il giorno dell'inaugurazione della nuova tratta[1] ma solo nel 2003, anno della sua messa in esercizio[2]. La fermata fu prevista per servire il mai nato Sistema Direzionale Orientale (SDO)[3], importante piano edilizio che avrebbe dovuto interessare le zone dal Nomentano a Pietralata[2] e, nelle more della realizzazione di tale progetto, rimase una fermata fantasma, in cui i treni passavano senza effettuare soste.

Il sopravvenuto abbandono dello SDO da parte dell'amministrazione capitolina comportò il fatto che tale fermata, completa di ogni infrastruttura per quanto riguarda le dotazioni di competenza dell'ATAC[2] ma del tutto priva di quelle opere di urbanizzazione (strade di accesso, parcheggi, etc.) che avrebbero dovuto essere realizzate a latere dello SDO, si ritrovò a essere di fatto inutilizzabile, obbligando quindi il comune di Roma a farsi carico delle opere esterne.

Nel 2003 furono portati a termine i lavori di adeguamento del manufatto, inutilizzato per tutti i 13 anni intercorsi dalla sua ultimazione, il rifacimento della pavimentazione stradale, l'installazione di punti di illuminazione pubblica e un parcheggio da 80 posti[2], nonché una piazzola che fungesse da capolinea per i trasporti pubblici[2].

L'inaugurazione avvenne il 23 giugno di quell'anno[4] e contestualmente fu anche decisa l'istituzione di una nuova linea di superficie che collegasse la fermata ai quartieri circostanti e al vicino ospedale Sandro Pertini[4].

La fermata è completamente sotterranea, quindi non presenta alcun fabbricato esterno a parte i parapetti delle scale e l'entrata dell'ascensore; le due rampe di scale unite portano direttamente alla banchina cui transitano i treni in direzione Laurentina. Per accedere alla banchina del binario opposto è necessario percorrere un sottopassaggio.

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

  • Feature ticket office inv 2.svg Biglietteria automatica

Interscambi[modifica | modifica wikitesto]

  • Aiga bus inv.svg Fermata autobus ATAC

Dintorni[modifica | modifica wikitesto]

  • Ospedale Sandro Pertini

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Adriana Terzo, Metropolitana lunga (PDF), in l'Unità, 8 dicembre 1990, p. 23. URL consultato il 24 agosto 2019.
  2. ^ a b c d e Alberto Mattone, Metro B, apre una nuova stazione, in la Repubblica, 9 aprile 2003. URL consultato l'8 maggio 2015.
  3. ^ Rosaria Amato, Metro B, lavori e due stazioni mai utilizzate, in la Repubblica, 13 settembre 1997. URL consultato il 12 giugno 2016.
  4. ^ a b Carlo Picozza, Quintiliani, la stazione che non c'era, in la Repubblica, 24 giugno 2003. URL consultato l'8 maggio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Capolinea Fermata precedente linea B Fermata successiva Capolinea
Rebibbia TriangleArrow-Left.svg Monti Tiburtini Pfeil links.svg Quintiliani Pfeil rechts.svg Tiburtina TriangleArrow-Right.svg Laurentina