Quindici (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Quindici
comune
Quindici – Stemma Quindici – Bandiera
Quindici – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Campania-Stemma.svg Campania
ProvinciaProvincia di Avellino-Stemma.svg Avellino
Amministrazione
SindacoEduardo Rubinaccio (lista civica) dal 31/05/2015
Territorio
Coordinate40°52′N 14°39′E / 40.866667°N 14.65°E40.866667; 14.65 (Quindici)Coordinate: 40°52′N 14°39′E / 40.866667°N 14.65°E40.866667; 14.65 (Quindici)
Altitudine247 m s.l.m.
Superficie23,91 km²
Abitanti1 914[1] (31-12-2017)
Densità80,05 ab./km²
FrazioniBeato, Bosagro
Comuni confinantiBracigliano (SA), Forino, Lauro, Moschiano, Sarno (SA), Siano (SA)
Altre informazioni
Cod. postale83020
Prefisso081
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT064077
Cod. catastaleH128
TargaAV
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitantiquindicesi
PatronoMaria SS. delle Grazie
Giorno festivo8 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Quindici
Quindici
Quindici – Mappa
Il comune di Quindici all'interno della provincia di Avellino
Sito istituzionale

Quindici è un comune italiano di 1 914 abitanti della provincia di Avellino in Campania, situato nel Vallo di Lauro, una zona al confine con l'area nolana e l'agro nocerino sarnese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Quindici è un piccolo paese della provincia di Avellino che si trova alle pendici del Pizzo d'Alvano (1.133 m), nel Vallo di Lauro, una verde conca conosciuta sin dall’antichità per la fertilità del terreno, per la fauna e per le numerosi sorgenti d’acqua.

Il suo territorio fu abitato sin dalla preistoria mentre, in epoca storica, i primi popoli conosciuti che si insediarono in loco furono gli Ausoni, gli Opici, gli Osci, gli Etruschi, i Greci, i Sanniti ed infine i Romani, a cui si deve attribuire il suo stesso toponimo. I Romani, sconfiggendo i Sanniti nel 312 a.C., conquistarono l’area Nolana e l’intero Vallo Lauretano e, per difendere questo vasto territorio, stanziarono proprio in questo agglomerato urbano un presidio militare.

Al tempo dei Romani, erano presenti nella zona ben “quindici” masserie, ovvero aziende agricole a conduzione familiare: i Romani, alla ricerca di un appellativo teso ad indicare tale area, cominciarono ad utilizzare l’espressione latina di “ad quindecim praedia” o “ad quindecim villas”.

Col tempo, la locuzione ha subito delle variazioni: fu abbreviato, per motivi di pronuncia, nel numerale “Quindecim”; sostantivato poi, nel gergo curialesco del sec. XVI, in “Quindecium” ed infine, italianizzato in Quindici.

Per la verità, molte sono le ipotesi per spiegare il toponimo di Quindici.

Alcuni storici sostenevano che Quindici fu così detto in quanto “quindicesimo” Casale del Vallo di Lauro: tale tesi non regge, secondo lo storico del luogo Domenico Amelia, in quanto i raggruppamenti etnici della zona sono attualmente sedici e anticamente ne erano molti di più.

Un’altra ipotesi è che Quindici fosse la “quindicesima stazione militare” verso il Sud: anche siffatta ipotesi è screditata in quanto le vie consolari erano ben distanti da Quindici.

Che il paese fosse stato chiamato Quindici per la presenza di quindici briganti amalfitani è solo, ed è risaputo, una “diceria borghese”, inventata quasi per voler giustificare le faide paesane.

Quindici ha conosciuto il suo massimo splendore nel periodo rinascimentale, periodo in cui furono costruite ben venti Chiese.

Fu feudo degli Orsini, dei Sanseverino, dei Pignatelli e dei Lancellotti; prima dell’Unità d’Italia (1861) appartenne a Caserta e successivamente ad Avellino.

Il 5 maggio 1998 il comune fu colpito, insieme con i vicini centri di Sarno, Bracigliano e Siano, da un gravissimo fenomeno franoso, composto da colate rapide di fango, che interessò la metà del territorio comunale. L'evento provocò la distruzione di molte abitazioni e la morte di 137 persone nella sola Sarno.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune fa parte della Comunità montana Partenio - Vallo di Lauro e dell'Unione dei comuni Antico Clanis[3]..

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra calcistica cittadina è il Boca 2015. Nella stagione 2016/2017 ha militato nel campionato di Terza Categoria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2017.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  3. ^ [1]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN248724061 · GND (DE4559558-6 · WorldCat Identities (EN248724061
Provincia di Avellino Portale Provincia di Avellino: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Provincia di Avellino