Quelle due

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Quelle due
Childrens Hour trailer.jpg
Audrey Hepburn e Shirley MacLaine nel trailer
Titolo originale The Children's Hour
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1961
Durata 107 min
Dati tecnici B/N
rapporto: 1.66 : 1
Genere drammatico
Regia William Wyler
Soggetto Lillian Hellman
Sceneggiatura Lillian Hellman, John Michael Hayes
Produttore William Wyler
Casa di produzione Mirisch Corporation
Fotografia Franz Planer
Montaggio Robert Swink
Musiche Alex North
Scenografia Fernando Carrere
Costumi Dorothy Jeakins
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Quelle due (The Children's Hour) è un film del 1961 diretto da William Wyler e basato sull'omonima pièce teatrale di Lillian Hellman.

Esiste una prima trasposizione cinematografica dell'opera, La calunnia (These Three) sempre diretta da Wyler nel 1936 che, a causa delle restrizioni del Production Code, aveva trasformato la storia in un convenzionale triangolo eterossessuale. Nel 1961 il Production Code permise l'accenno a una presunta omosessualità ma anche in questa versione la possibilità viene trasmessa solo con allusioni e mai troppo esplicitamente.


Trama[modifica | modifica wikitesto]

Le insegnanti Karen Wright e Martha Dobie, ex compagne di college, dirigono in società un collegio femminile privato nel Massachusetts con la collaborazione di Lily Mortar, la zia di Martha. Karen sta anche progettando di sposarsi con il suo fidanzato, il medico locale Joe Cardin. Le loro vite vengono però distrutte quando una ricca studentessa, Mary Tilford, viziata e crudele, per vendicarsi in seguito a una punizione racconta a sua nonna Amelia che il rapporto fra le due non è quello che dovrebbe esistere fra vere amiche; immediatamente la voce si sparge e la comunità si rivolta contro le giovani, accusate di omosessualità: quasi tutti i genitori ritirano le figlie dalla scuola, che conseguentemente è costretta a chiudere, e Joe viene licenziato dall'ospedale per aver preso le difese delle donne. Successivamente la signora Tilford riesce a far confessare alla nipote di essersi inventata tutto ma è troppo tardi per riparare al torto: Karen infatti si è anche resa conto che quel dubbio ormai si è insinuato in Joe e, pur amandolo, decide di lasciarlo libero. In seguito, scioccata dalle vicende, Martha confessa a Karen di aver capito di essere effettivamente innamorata di lei; Karen, traumatizzata, esce nel parco ma nel frattempo Martha purtroppo si suicida impiccandosi in camera sua.

Differenze dalla pièce teatrale[modifica | modifica wikitesto]

L'inizio del film non coincide con quello della pièce, siccome esso è situato durante la sera del giorno precedente.

Mary assiste effettivamente a un bacio tra le due insegnanti, che è tuttavia un bacio amichevole.

Durante la lezione di Mrs. Mortar, le ragazze leggono Cleopatra, anziché Portia.

Le stanze da letto delle due insegnanti vengono invertite. Infatti, nel film è Martha ad avere la stanza senza serratura, mentre Karen ha una camera in un'altra area della scuola

Mrs. Tilford riconduce Mary a scuola, e parla con Mrs. Mortar proprio prima che questa parta, cosa che nella play non avviene minimamente.

Il cambiamento maggiore e più importante, tuttavia, è il fatto che Martha si suicidi dopo che Mrs. Tilford cerca di scusarsi. Questo dimostra anche che la pietà mostrata da Karen al termine della pièce è una diretta conseguenza del suicidio dell'amica. Infatti, nel testo di teatro Karen perdona Amelia Tilford, mentre nel film non accade.

Inoltre, Martha si impicca e non si spara.

Ci sono altri piccoli cambiamenti, come ad esempio il fatto che Mrs. Tilford citi una certa Mrs. Anderson, oppure che non sia Mrs. Burton a dire alle insegnanti chi ha diffuso la storia riguardo alla loro relazione, ma Mr. Burton. Inoltre, il giuramento del Vassallo che Mary fa pronunciare a Rosalie, nel film, diventa un giuramento di sorellanza.

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Miriam Hopkins (1902–1972) - Interpreta Lily Mortar, zia di Martha Dobie; l'attrice aveva interpretato proprio Martha nel primo adattamento cinematografico del 1936

James Garner (1928–2014) - Questo fu il primo ruolo cinematografico rilevante per l'attore che aveva lavorato nei cinque anni precedenti solo in piccole parti. Intentata una causa contro la Warner Bros per lasciare la serie televisiva Maverick, era stato tacitamente inserito in una sorta di lista nera. Wyler gli permise di iniziare a lavorare sul grande schermo e da quel momento in poi, l'attore ebbe una lunga carriera cinematografica e televisiva.

Tagline[modifica | modifica wikitesto]

«Can an ugly Rumor Destroy what's Beautiful?» (Può una brutta voce distruggere ciò che è bello?)

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema