Quella casa nel bosco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Quella casa nel bosco
Il logo del film
Titolo originaleThe Cabin in the Woods
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2011
Durata95 min
Rapporto2,35:1
Genereorrore, commedia
RegiaDrew Goddard
SceneggiaturaDrew Goddard, Joss Whedon
ProduttoreJoss Whedon
Produttore esecutivoJason Clark
Casa di produzioneLionsgate, Mutant Enemy
Distribuzione in italianoM2 Pictures
FotografiaPeter Deming
MontaggioLisa Lassek
Effetti specialiJoel Whist, Todd Shifflett
MusicheDavid Julyan
ScenografiaMartin Whist, Tom Reta, Hamish Purdy
CostumiShawna Trpcic
TruccoConnie Parker, David LeRoy Anderson
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Quella casa nel bosco (The Cabin in the Woods) è un film del 2011 diretto da Drew Goddard.

I protagonisti della pellicola sono Kristen Connolly, Chris Hemsworth, Anna Hutchison, Fran Kranz, Jesse Williams, Richard Jenkins e Bradley Whitford.

È il primo film diretto da Drew Goddard ed è stato scritto in collaborazione tra lo stesso Goddard e Joss Whedon che ne è anche il produttore.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In un laboratorio sotterraneo, i due tecnici Gary Sitterson e Steve Hadley discutono a proposito di un misterioso rituale, dopo aver saputo che una simile operazione è appena fallita a Stoccolma.

Cinque studenti universitari - Dana Polk, Jules Louden, Curt Vaughan, Holden McCrea e Marty Mikalski - partono in camper per trascorrere il weekend in una remota casa nel bosco appartenente al cugino di Curt. Osservandoli dal laboratorio, Sitterson e Hadley manipolano l'ambiente della casa e il comportamento dei ragazzi grazie al rilascio di droghe che ne alterano la percezione del pericolo. Mentre gli amici si sistemano con entusiasmo nella casa, i tecnici li osservano e scommettono insieme ai colleghi su quale scenario dell'orrore sceglieranno inconsapevolmente. Nella cantina, Dana trova e legge un diario apparentemente appartenuto ad una precedente proprietaria della casa, risvegliando inconsapevolmente degli zombie sepolti fuori casa.

Indotti dai feromoni sprigionati nell'aria, Curt e Jules si recano fuori casa per fare sesso, ma vengono attaccati dagli zombie e Jules muore decapitata. Marty scopre degli apparecchi di sorveglianza nascosti in camera sua, prima di essere trascinato via da uno zombie. I tecnici del laboratorio vengono a sapere che anche l'esperimento svoltosi in Giappone è fallito, rendendo il rito americano "l'ultima speranza dell'umanità". Curt, Holden e Dana cercano di scappare col camper, ma Sitterson provoca il crollo dell'unico tunnel che costituisce una via di fuga. Curt tenta di superare un burrone con la sua moto nella speranza di cercare aiuto dall'altra parte, ma muore schiantandosi contro un campo di forza invisibile. Mentre tenta di tornare alla casa con Dana, Holden viene ucciso da uno zombie.

Mentre anche Dana sta per essere uccisa, i tecnici del laboratorio festeggiano per la riuscita del rituale, ma i festeggiamenti si interrompono quando si rendono conto che Marty (reso immune alle droghe dal suo costante uso di marijuana) è ancora vivo. Dopo aver salvato Dana, il ragazzo rivela di aver trovato l'ascensore da cui sono usciti fuori gli zombie, e usandolo per scendere si ritrovano in una struttura sotterranea piena di celle in cui sono rinchiusi mostri di ogni tipo. Scovati e messi all'angolo dalle guardie, i due rilasciano i mostri, scatenando il caos.

Dana e Marty scoprono un antico tempio, dove vengono raggiunti dal Direttore, che gli spiega che i rituali che si svolgono in tutto il mondo sono messi in atto allo scopo di placare gli Antichi, delle crudeli divinità che un tempo governavano la Terra. Il rituale americano consiste nel sacrificio di cinque ragazzi che rappresentano gli archetipi dei film slasher: la puttana (Jules), l'atleta (Curt), lo studioso (Holden), il buffone (Marty) e la vergine (Dana). L'ordine delle morti è arbitrario, purché la puttana muoia per prima e la vergine resti per ultima. Siccome tutti gli altri rituali sono falliti, il Direttore incalza Dana per uccidere Marty e impedire la distruzione del mondo, tuttavia alcuni mostri convergono nel tempio e uccidono il Direttore.

Dopo aver convenuto che l'umanità non merita di essere salvata, i due ragazzi attendono la fine fumando una canna. Il tempio collassa e una gigantesca mano fuoriesce da sotto terra, sancendo il ritorno degli Antichi e la fine del mondo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film si sono svolte tra marzo e maggio del 2009 a Vancouver in Canada.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Quella casa nel bosco ha incassato complessivamente 66,5 milioni di dollari al botteghino, di cui $42,1 milioni in Nord America e $24,4 milioni nel resto del mondo, a fronte di un budget di $30 milioni.[1]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

L'accoglienza critica di tutto il mondo è stata una delle più entusiaste per una pellicola horror degli anni 2000, tanto per la capacità di mescolare insieme orrore e comicità[2] in un modo unico e senza precedenti, quanto perché riesce a reinterpretare vividamente un gore,[3] che sembrava oramai perduto e relegato alla zona dei B-movies. Ma la vera peculiarità di Quella casa nel bosco è il riuscire ad essere la prima pellicola che, dando per assodato l'intero filone degli horror postmoderni, che culminava con Scream 4 di Wes Craven, portandoli alle estreme conseguenze e mostrandone i meccanismi elementari, rende possibile una nuova forma di orrore, che ritorna al tessuto della storia narrata.[4]

Di particolare interesse anche alcune analisi sui significati del film, in particolare come metafora di Hollywood e del mondo cinematografico e più specificatamente del rapporto spettatore-sceneggiatore-regista-produttore in relazione ai film horror.[5]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer ufficiale del film è stato distribuito il 5 dicembre 2011,[6] seguito il 6 marzo 2012 dal secondo trailer in lingua inglese.[7] Il 24 marzo 2012 è stato invece distribuito il trailer in lingua italiana.[8]

A causa di vari problemi avuti durante la fase di post-produzione la data di uscita del film ha subito numerosi spostamenti. Inizialmente prevista per il 5 febbraio 2010,[9] la data di uscita venne posticipata al 14 gennaio 2011 in modo da poterlo convertire in 3D.[10] Il 17 giugno 2010 la Metro-Goldwyn-Mayer annunciò che a causa dei problemi finanziari che la società stava subendo, il film sarebbe stato rinviato a data da definirsi.[11] Successivamente i diritti del film vennero acquistati dalla Lions Gate Entertainment che inizialmente doveva distribuire il film il 28 ottobre 2011.[12]

Il 9 marzo 2012 il film è stato proiettato in anteprima mondiale al South by Southwest di Austin.[13]

Il film è uscito in contemporanea in Canada, Regno Unito e Stati Uniti d'America il 13 aprile 2012, distribuito dalla Lions Gate Entertainment.[14]

Anche in Italia la data d'uscita del film ha subito vari spostamenti. Inizialmente l'uscita era prevista a partire dal 13 aprile 2012[15] ma è stata dapprima spostata al 20 aprile[16] e successivamente al 1º maggio.[17] La data d'uscita italiana è stata infine fissata dalla M2 Pictures al 18 maggio 2012, per valorizzare al meglio la visibilità del film.[18]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Cabin in the Woods (2012), in Box Office Mojo, Internet Movie Database. URL consultato il 26 dicembre 2018.
  2. ^ (EN) The Cabin in The Woods - San Francisco Chronicle Review, su sfgate.com, 18 dicembre 2012. URL consultato il 16 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2012).
  3. ^ (EN) The Cabin in the Woods - Movie Reviews, su rollingstone.com, 12 aprile 2012. URL consultato il 16 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 12 luglio 2013).
  4. ^ Quella casa nel bosco - Recensione, su ondacinema.it. URL consultato il 16 febbraio 2013.
  5. ^ Quella casa nel bosco: l'horror non abita più qui, su movieplayer.it. URL consultato il 14 luglio 2013.
  6. ^ The Cabin In The Woods, finalmente il primo trailer!, su blog.screenweek.it, 5 dicembre 2011. URL consultato il 7 dicembre 2011.
  7. ^ Il nuovo trailer di The Cabin in the Woods!, su badtaste.it, 6 febbraio 2012. URL consultato il 7 febbraio 2012.
  8. ^ Trailer di Quella casa nel bosco in esclusiva su MSN.it, su m2pictures.it, 23 marzo 2012. URL consultato il 26 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2012).
  9. ^ (EN) Five More Go To Cabin In the Woods, su digitalspy.co.uk, 10 marzo 2009. URL consultato il 7 dicembre 2011.
  10. ^ (EN) Whedon's Cabin in the Woods Going 3D in '11, su comingsoon.net, 9 ottobre 2009. URL consultato il 7 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 20 gennaio 2012).
  11. ^ (EN) Joss Whedon's Cabin In The Woods May Be MGM's Next Casualty, su cinemablend.com, 17 giugno 2010. URL consultato il 7 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 24 giugno 2010).
  12. ^ (EN) The Cabin in the Woods Coming October 28?, su shocktillyoudrop.com, 29 aprile 2011. URL consultato il 7 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 30 agosto 2011).
  13. ^ (EN) SXSW: 'Cabin in the Woods' kills at premiere. Just don't talk about it!, su insidemovies.ew.com, 10 marzo 2012. URL consultato il 16 febbraio 2013.
  14. ^ (EN) Lionsgate Schedules THE CABIN IN THE WOODS for April 13, 2012, su collider.com, 20 luglio 2011. URL consultato il 7 dicembre 2011.
  15. ^ The Cabin in the Woods dal 13 aprile anche in Italia: nuova foto!, su badtaste.it, 23 febbraio 2012. URL consultato il 23 febbraio 2012.
  16. ^ Quella casa nel bosco – poster italiano, su m2pictures.it, 30 marzo 2012. URL consultato il 14 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2012).
  17. ^ Quella Casa nel Bosco: rinviata l'uscita italiana, su badtaste.it, 16 aprile 2012. URL consultato il 17 aprile 2012.
  18. ^ Quella casa nel bosco uscirà il 18 maggio, su comingsoon.it, 18 aprile 2012. URL consultato il 18 aprile 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema