Queens of the Stone Age (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Queens of the Stone Age
ArtistaQueens of the Stone Age
Tipo albumStudio
Pubblicazione22 settembre 1998
Durata46:27
Dischi1
Tracce11
GenereAlternative metal
Stoner metal
Heavy metal
EtichettaLoosegroove (USA), Roadrunner (Europa), Man's Ruin (vinile edizione limitata)
ProduttoreJosh Homme, Joe Barresi
RegistrazioneMonkey Studios, Palm Springs, California, 3-21 aprile 1998
Certificazioni
Dischi d'argentoRegno Unito Regno Unito[1]
(vendite: 200 000+)
Queens of the Stone Age - cronologia
Album precedente
Album successivo
(2000)

Queens of the Stone Age è il primo album dell'omonimo gruppo musicale alternative metal statunitense, pubblicato nel 1998.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Queens of the Stone Age è l'album di debutto della band fondata da Josh Homme dopo lo scioglimento dei Kyuss. Il disco tenta di prendere le distanze dal sound e dall'attitudine dei Kyuss, che aleggia comunque in alcune parti del prodotto. Si differenzia comunque per la varietà di stile dei pezzi. Si passa dal più classico rock (Regular John, Avon, How to handle a rope e Mexicola), al pre-punk dei The Stooges (If only), ad atmosfere psichedeliche (You can't quit me baby). Il pezzo che sicuramente più di tutti ricorda l'era Kyuss è Walking on the sidewalks.

Le differenze con la band capitanata da John Garcia si sentono, anche se non vengono totalmente abbandonate. Le maggiori riguardano soprattutto la voce, con il cantato di Josh Homme che si differenzia nettamente da quello di Garcia, con approcci più melodici e meno aggressivi.

Un disco di esordio che viene accolto in maniera favorevole sia dal pubblico che dalle riviste di settore, e che crea le basi per il successo della band, grazie anche al tour di supporto che inizierà a creare intorno alla band un discreto seguito, nonché buone, anche se non stratosferiche, vendite.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Regular John - 4:35
  2. Avon - 3:22
  3. If only - 3:20
  4. Walking on the sidewalks - 5:03
  5. You would know - 4:16 (1)
  6. How to handle a rope - 3:30
  7. Mexicola - 4:54
  8. Hispanic impressions - 2:44
  9. You can't quit me baby - 6:33
  10. Give the mule what he wants - 3:09 (1)
  11. I was a teenage hand model - 5:01 (2) (3)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal
  1. ^ (EN) BPI Awards, British Phonographic Industry. URL consultato il 4 settembre 2015.