Quarto Mondo (fumetto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Quarto Mondo
saga a fumetti
Titolo orig.Fourth World
Lingua orig.inglese
PaeseStati Uniti
AutoreJack Kirby
TestiJack Kirby
DisegniJack Kirby
EditoreDC Comics
1ª edizioneottobre 1970
Generesupereroi

Il Quarto Mondo (Fourth World, chiamato anche Jack Kirby's Fourth World) è una saga costituita da più serie a fumetti scritte e disegnate da Jack Kirby e pubblicate negli Stati Uniti d'America dalla DC Comics tra il 1970 e il 1973. Pensate in origine per formare una saga epica conclusiva, le serie furono cancellate per motivi ignoti.[senza fonte] I personaggi e i concetti della saga furono poi integrati nell'universo DC. La saga era incentrata sulla battaglia tra il bene e il male, rappresentati dai mondi di Nuova Genesi e di Apokolips; i personaggi cardine erano Darkseid, signore di Apokolips, Orion, figlio di Darkseid e allevato dagli abitanti di Nuova Genesi, Mister Miracle e i Forever People.[1][2]

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine degli anni sessanta Kirby ipotizzò che i fumetti avrebbero avuto bisogno di trovare un luogo più valido per essere venduti rispetto alle solite edicole; per questo immaginò una serie a fumetti finita che sarebbe stata serializzata e poi raccolta in volume una volta conclusa. Trovandosi in contrasto a quel tempo con la Marvel perché aveva creato da solo o con altri autori numerosi personaggi senza avere mai avuto riconosciuti i diritto d'autore, propose la nuova serie alla DC Comics, principale concorrente della Marvel.[3][4]

La saga del Quarto Mondo sarebbe stata composta da tre serie originali, The Forever People, Mister Miracle e New Gods,[5][6][7][8] ma ebbe un prologo a ottobre 1970 nella serie Superman's Pal Jimmy Olsen, usata da Kirby per introdurre il concetto e i personaggi principali[9]. Dopo il prologo, la saga continuò nelle programmate serie a partire dal 1971. Kirby fu autore e redattore di tutte le serie, cosa che gli permise di sfruttare temi e storie più complessi, nonché toni più violenti maggiore rispetto ai fumetti dell'epoca. Dopo aver appreso che le serie sarebbero state cancellate, Kirby cercò di legare le diverse serie nei loro numeri finali, ma la storia complessiva non fu finita. I personaggi del Quarto Mondo in seguito riapparvero in diverse serie DC e vennero integrati nell'universo DC comparendo in varie serie.

La serie New Gods venne rilanciata nel 1977 proseguendo da dove la trama era stata interrotta con una serie che proseguì la numerazione originale e modificando la testata in The Return of the New Gods scritta da Gerry Conway; Mister Miracle invece si è unito a Batman nella serie The Brave and the Bold oltre che in una propria dedicata scritta da Steve Englehart e Steve Gerber; il personaggio ha incontrato Superman nella serie DC Comics Presents nel 1979 mentre i New Gods hanno incontrato la Justice League of America e la Justice Society of America nella serie Justice League of America nel 1980

The Forever People (Vol. 1)
serie regolare a fumetti
Lingua orig.inglese
PaeseStati Uniti
AutoreJack Kirby
TestiJack Kirby
DisegniJack Kirby
EditoreDC Comics
1ª edizionegennaio 1971 – ottobre 1972
Periodicitàbimestrale
Albi11 (completa)
Generesupereroi
The New Gods (Vol. 1)
serie regolare a fumetti
Lingua orig.inglese
PaeseStati Uniti
AutoreJack Kirby
TestiJack Kirby
DisegniJack Kirby
EditoreDC Comics
1ª edizionefebbraio 1971 – ottobre 1972
Periodicitàbimestrale
Albi11 (completa)
Generesupereroi
Mister Miracle (Vol. 1)
serie regolare a fumetti
Lingua orig.inglese
PaeseStati Uniti
AutoreJack Kirby
TestiJack Kirby
DisegniJack Kirby
EditoreDC Comics
1ª edizionemarzo 1971 – gennaio 1974
Albi18 (completa)
Generesupereroi

Pubblicazioni seriali[modifica | modifica wikitesto]

  • The Forever People (11 albi, 1971 - 1972);[10][11]
  • The New Gods (11 albi, 1971 - 1972);[12][13]
  • Mister Miracle (18 albi, 1971 - 1974).[14]

Volumi antologici[modifica | modifica wikitesto]

  • Jack Kirby's New Gods (raccoglie The New Gods nn. 1-11, 304 pagine, dicembre 1997, ISBN 1563893851)[15]
  • Mister Miracle:
    • Jack Kirby's Mister Miracle: Super Escape Artist (raccoglie Mr Miracle nn. 1-10, 256 pagine, gennaio 1999, ISBN 1563894572)[16]
    • Jack Kirbys Fourth World: Featuring Mister Miracle (raccoglie Mr Miracle nn. 11-18, 187 pagine, luglio 2001, ISBN 1563897237)[17]
  • Jack Kirby's the Forever People (raccoglie Forever People nn. 1-11, 288 pagine, ottobre 1999, ISBN 1563895102)[18]
  • Jimmy Olsen: Adventures by Jack Kirby:
    • Volume 1 (raccoglie Jack Kirby's the Forever People nn. 133-141, 160 pagine, luglio 2003, ISBN 1563899841)[19]
    • Volume 2 (raccoglie Superman's Pal Jimmy Olsen nn. 142-150, 192 pagine, dicembre 2004, ISBN 1401202594)[20]
Omnibus
  • Volume 1 (raccoglie Forever People nn. 1-3, Mister Miracle nn. 1-3, The New Gods nn. 1-3, Superman's Pal Jimmy Olsen nn. 133-139; 396 pagine, luglio 2007, ISBN 1401213448)[21]
  • Volume 2 (raccoglie Forever People nn. 4-6, Mister Miracle nn. 4-6, The New Gods nn. 4-6, Superman's Pal Jimmy Olsen nn. 141-145; 396 pagine, settembre 2007, ISBN 140121357X)[22]
  • Volume 3 (raccoglie Forever People nn. 7-10, Mister Miracle nn. 7-10, The New Gods nn. 7-10, Superman's Pal Jimmy Olsen nn. 146-148; 396 pagine, novembre 2007, ISBN 1401214851)[23]
  • Volume 4 (raccoglie Forever People n. 11, Mister Miracle nn. 11-18, The New Gods n. 11, The Hunger Dogs, Even Gods Must Die da The New Gods vol. 2 n. 6, On the Road to Armagetto!; 424 pagine, marzo 2008, ISBN 1401215831)[24]

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

In Italia la serie New Gods è stata pubblicata dalla Editoriale Corno su Kamandi (16-26) nel 1977-1978; le 3 serie sono state pubblicate su 3 volumi brossurati dalla Play Press nel 1999-2000.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Lo storico dei fumetti Les Daniels ha osservato nel 1995 che "il mix di gergo e mito, fantascienza e Bibbia di Kirby è fatto per un inebriante entusiasmo, ma la portata della sua visione è sopravvissuta".[25] Nel 2007, lo scrittore di fumetti Grant Morrison ha commentato: "I drammi di Kirby sono stati messi in scena attraverso panorami junghiani di simboli grezzi e tempeste ... La saga di Fourth World è scoppiettante con la tensione della sconfinata immaginazione di Jack Kirby lasciata su carta".[26]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

La saga originale fece vincere a Jack Kirby uno Shazam Award per "Special Achievement by an Individual" nel 1971[27].

Nel 1998 la raccolta Jack Kirby's New Gods vinse un Harvey Award per "Best Domestic Reprint Project"[28] e un Eisner Award per "Best Archival Collection/Project"[29].

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Merchandising[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso degli anni sono stati realizzati numerosi giocattoli dei personaggi del Quarto Mondo, di cui i primi furono quelli della linea Super Powers Collection.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nat Ives, MediaTalk; Who Deserves The Credit (and Cash) For Dreaming Up Those Superheroes?, The New York Times, 31 gennaio 2005. (archiviato il 2 agosto 2014).
  2. ^ Jim Hodgman, Comics, The New York Times, 1º giugno 2008. (archiviato il 2 agosto 2014).
  3. ^ Jack Kirby's Fourth World Omnibus Vol. 1, di Mark Evanier, ed. Afterword
  4. ^ Mark Evanier, Afterword, in Jack Kirby's Fourth World Omnibus Volume One, New York, New York, DC Comics, 2007, pp. 388–396, ISBN 978-1-4012-1344-2.
  5. ^ Don Markstein, The Forever People, Don Markstein's Toonopedia, 2008. (archiviato il 5 luglio 2014).
  6. ^ Don Markstein, Mister Miracle, Don Markstein's Toonopedia, 2008. (archiviato il 6 luglio 2014).
  7. ^ Don Markstein, New Gods, Don Markstein's Toonopedia, 2008. (archiviato il 5 luglio 2014).
  8. ^ Michael McAvennie e Hannah, ed. Dolan, 1970s, in DC Comics Year By Year: A Visual Chronicle, London, United Kingdom, Dorling Kindersley, 2010, p. 145, ISBN 978-0-7566-6742-9.
    «As the writer, artist, and editor of the Fourth World family of interlocking titles, each of which possessed its own distinct tone and theme, Jack Kirby cemented his legacy as a pioneer of grand-scale storytelling.».
  9. ^ Paul Levitz, The Bronze Age 1970–1984, in 75 Years of DC Comics The Art of Modern Mythmaking, Cologne, Germany, Taschen, 2010, p. 447, ISBN 978-3-8365-1981-6.
    «Kirby began introducing new elements to the DC Universe, building toward the introduction of a trio of new titles based on a complex mythology he called the Fourth World.».
  10. ^ GCD :: Series :: The Forever People, su www.comics.org. URL consultato il 28 novembre 2017.
  11. ^ Forever People vol 1 :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 28 novembre 2017.
  12. ^ GCD :: Series :: The New Gods, su www.comics.org. URL consultato il 28 novembre 2017.
  13. ^ The New Gods vol 1 :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 28 novembre 2017.
  14. ^ Mister Miracle vol 1 :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 28 novembre 2017.
  15. ^ Jack Kirby's New Gods
  16. ^ Jack Kirby's Mister Miracle: Super Escape Artist
  17. ^ Jack Kirbys Fourth World: Featuring Mister Miracle
  18. ^ Jack Kirby's the Forever People
  19. ^ Jimmy Olsen: Adventures by Jack Kirby: Volume 1
  20. ^ Jimmy Olsen: Adventures by Jack Kirby: Volume 2
  21. ^ Jack Kirby's Fourth World: Volume 1
  22. ^ Jack Kirby's Fourth World: Volume 2
  23. ^ Jack Kirby's Fourth World: Volume 3
  24. ^ Jack Kirby's Fourth World: Volume 4
  25. ^ Les Daniels, The Fourth World: New Gods on Newsprint, in DC Comics: Sixty Years of the World's Favorite Comic Book Heroes, New York, New York, Bulfinch Press, 1995, p. 165, ISBN 0-8212-2076-4.
  26. ^ Grant Morrison, Introduction, in Jack Kirby's Fourth World Omnibus Volume One, New York, New York, DC Comics, 2007, pp. 7–8, ISBN 978-1-4012-1344-2.
  27. ^ (EN) 1971 Academy of Comic Book Arts Awards
  28. ^ (EN) 1998 Harvey Award Nominees and Winners
  29. ^ 1998 Will Eisner Comic Industry Award Nominees

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics