Quartetto n. 15 (Beethoven)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Quartetto per archi n.15
15.-Streichquartett-Beethovens.jpg
Inizio dell'ultimo movimento
CompositoreLudwig van Beethoven
Epoca di composizione1825
Prima esecuzione6 novembre 1825
DedicaNikolai Galitzin

Il Quartetto per archi n. 15 in La minore op. 132 di Ludwig van Beethoven è stato scritto nel 1825; lo Schuppanzigh Quartet ne diede la prima esecuzione pubblica il 6 novembre dello stesso anno. Insieme ad altri due quartetti, op. 127 e op. 130, fu dedicato al nobile russo, amante della musica e mecenate Nikolai Galitzin che era anche colui che commissionò i lavori a Beethoven. Il numero d'opera fu assegnato in base all'ordine di pubblicazione anche se in realtà risulta essere il tredicesimo quartetto ad essere stato composto da Beethoven. Particolarità di questo quartetto è rappresentata dall'ultimo movimento in cui confluisce un tema, il cui abbozzo del 1823 era stato immaginato per il finale della IX Sinfonia.

Movimenti[modifica | modifica wikitesto]

I cinque movimenti del quartetto sono:

  1. Assai sostenuto — Allegro
  2. Allegro ma non tanto
  3. Heiliger Dankgesang eines Genesenen an die Gottheit, in der lydischen Tonart (Molto adagio) — Neue Kraft fühlend (Andante) — Molto adagio — Andante — Molto adagio (Mit innigster Empfindung)
  4. Alla Marcia, assai vivace (attacca)
  5. Allegro appassionato — Presto

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE300016042 · BNF (FRcb148212218 (data)
Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica