Qualificazioni al campionato mondiale di calcio 1990 - CONMEBOL

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Sono elencate di seguito le date e i risultati della zona sudamericana (CONMEBOL) per le qualificazioni al mondiale del 1990.

Avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

L'ultima partita del gruppo C tra Brasile e Cile fu sospesa al 70º minuto, dopo che Roberto Rojas, portiere della Nazionale cilena, si accasciò a terra al 69º, in seguito alla caduta di un bengala lanciato dalle tribune e diretto nelle sue vicinanze;[1] Rojas perde sangue dalla testa, e sostiene di non poter continuare l'incontro.[2] L'arbitro, l'argentino Loustau, non si avvicina per verificare la situazione, e i cileni abbandonano il campo per protesta, su decisione del vice-capitano Fernando Astengo.[1] Il Brasile rischia pertanto la sconfitta a tavolino e l'esclusione d'ufficio dal Campionato mondiale 1990.[2] Qualche giorno dopo viene pubblicata una foto del reporter Ricardo Alfieri, che mostra che il bengala è caduto dietro a Rojas, a una certa distanza dal portiere cileno; altre immagini dimostrano che Rojas, anziché allontanarsi dal fumo, vi si avvicina, e che inizia a sanguinare solo qualche decina di secondi dopo la caduta del fumogeno.[1]

Una volta constatato che la ferita è larga pochi centimetri ed è provocata da un taglio netto di una lama, il Brasile protesta con la FIFA: viene così formata una apposita commissione (la Commissione Mosquera) con lo scopo d'indagare sugli avvenimenti dell'incontro del Maracanã.[1] Rojas infine confessa che la ferita è autoinflitta: aveva nascosto una lametta nei guanti, e aveva aspettato il momento propizio (giacché sapeva che la partita sarebbe stata molto accesa, e così i tifosi)[2] per tagliarsi e simulare un colpo ricevuto da un oggetto lanciato dalle tribune.[1][2] La FIFA squalificò a vita Rojas, e il Cile venne escluso dalle qualificazioni a Stati Uniti 1994; altre sanzioni vennero inflitte a Jorge Aravena e Fernando Astengo, nonché ad alcuni dirigenti cileni.[1]

Formula[modifica | modifica wikitesto]

10 membri FIFA: l'Argentina è qualificata di diritto come campione in carica. Quindi rimangono 9 squadre per 2,5 posti disponibili per la fase finale. Tre gruppi di qualificazione di tre squadre ciascuno, con scontri di andata e ritorno. Si qualificano le due migliori vincitrici dei gruppi, la peggiore vincitrice gioca lo spareggio contro la vincente dell'OFC.

Gruppo A[modifica | modifica wikitesto]

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Uruguay Uruguay 6 4 3 0 1 7 2 +5
2. Bolivia Bolivia 6 4 3 0 1 6 5 +1
3. Perù Perù 0 4 0 0 4 2 8 -6

Legenda:

         Qualificato direttamente al campionato del mondo 1990.

Note:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Uruguay qualificato.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

La Paz
20 agosto 1989
Bolivia Bolivia2 – 1
referto
Perù PerùEstadio Hernando Siles (43.000 spett.)
Arbitro: Colombia Pérez

Lima
27 agosto 1989
Perù Perù0 – 2
referto
Uruguay UruguayEstadio Nacional (45.000 spett.)
Arbitro: Argentina Espósito

La Paz
3 settembre 1989
Bolivia Bolivia2 – 1
referto
Uruguay UruguayEstadio Hernando Siles (52.000 spett.)
Arbitro: Venezuela Vergara

Lima
10 settembre 1989
Perù Perù1 – 2
referto
Bolivia BoliviaEstadio Nacional (9.500 spett.)
Arbitro: Paraguay Maciel

Montevideo
17 settembre 1989
Uruguay Uruguay2 – 0
referto
Bolivia BoliviaStadio del Centenario (70.000 spett.)
Arbitro: Cile Castro

Montevideo
24 settembre 1989
Uruguay Uruguay2 – 0
referto
Perù PerùStadio del Centenario (57.000 spett.)
Arbitro: Brasile Wright

Gruppo B[modifica | modifica wikitesto]

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Colombia Colombia 5 4 2 1 1 5 3 +2
2. Paraguay Paraguay 4 4 2 0 2 6 7 -1
3. Ecuador Ecuador 3 4 1 1 2 4 5 -1

Legenda:

         Qualificato agli spareggi interzona.

Note:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Colombia accede allo spareggio intercontinentale contro la vincente dell'OFC.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Barranquilla
20 agosto 1989
Colombia Colombia2 – 0
referto
Ecuador EcuadorEstadio Metropolitano Roberto Meléndez (65.000 spett.)
Arbitro: Brasile Arppi Filho

Asunción
27 agosto 1989
Paraguay Paraguay2 – 1
referto
Colombia ColombiaEstadio Defensores del Chaco (50.000 spett.)
Arbitro: Cile Silva

Guayaquil
3 settembre 1989
Ecuador Ecuador0 – 0
referto
Colombia ColombiaEstadio Monumental Isidro Romero Carbo (55.000 spett.)
Arbitro: Argentina Calabria

Asunción
10 settembre 1989
Paraguay Paraguay2 – 1
referto
Ecuador EcuadorEstadio Defensores del Chaco (60.000 spett.)
Arbitro: Perù Ramírez

Barranquilla
17 settembre 1989
Colombia Colombia2 – 1
referto
Paraguay ParaguayEstadio Metropolitano Roberto Meléndez (60.000 spett.)
Arbitro: Uruguay Cardellino

Guayaquil
24 settembre 1989
Ecuador Ecuador3 – 1
referto
Paraguay ParaguayEstadio Monumental Isidro Romero Carbo (18.000 spett.)
Arbitro: Brasile Coelho

Gruppo C[modifica | modifica wikitesto]

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Brasile Brasile 7 4 3 1 0 13 1 +12
2. Cile Cile 5 4 2 1 1 9 4 +5
3. Venezuela Venezuela 0 4 0 0 4 1 18 -17

Legenda:

         Qualificato direttamente al campionato del mondo 1990.

Note:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Brasile qualificato.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Caracas
30 luglio 1989
Venezuela Venezuela0 – 4
referto
Brasile BrasileEstadio Brígido Iriarte (12.000 spett.)
Arbitro: Bolivia Ortubé

Caracas
6 agosto 1989
Venezuela Venezuela1 – 3
referto
Cile CileEstadio Brígido Iriarte (13.000 spett.)
Arbitro: Perù Montalván

Santiago del Cile
13 agosto 1989
Cile Cile1 – 1
referto
Brasile BrasileEstadio Nacional (60.697 spett.)
Arbitro: Colombia Díaz

San Paolo
20 agosto 1989
Brasile Brasile6 – 0
referto
Venezuela VenezuelaEstádio do Morumbi (106.462 spett.)
Arbitro: Uruguay Filippi

Mendoza
27 agosto 1989
Cile Cile5 – 0
referto
Venezuela VenezuelaEstadio Malvinas Argentinas (19.000 spett.)
Arbitro: Ecuador Jacome

Rio de Janeiro
3 settembre 1989
Brasile Brasile1 – 0[3]
referto
Cile CileMaracanã (141.072 spett.)
Arbitro: Argentina Loustau

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Primati[modifica | modifica wikitesto]

  • Maggior numero di vittorie: Bolivia, Brasile, Uruguay (3)
  • Minor numero di sconfitte: Brasile (0)
  • Miglior attacco: Brasile (13 reti fatte)
  • Miglior difesa: Brasile (1 rete subita)
  • Miglior differenza reti: Brasile (+12)
  • Maggior numero di pareggi: Brasile, Cile, Colombia, Ecuador (1)
  • Minor numero di vittorie: Perù. Venezuela (0)
  • Maggior numero di sconfitte: Perù, Venezuela (4)
  • Peggiore attacco: Venezuela (1 rete fatta)
  • Peggior difesa: Venezuela (18 reti subite)
  • Peggior differenza reti: Venezuela (-17)
  • Partita con più reti: Brasile-Venezuela 6-0

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f AA.VV., pp. 68, 70-72
  2. ^ a b c d Pastorin, p. 40
  3. ^ Interrotta al 70º minuto. In seguito fu assegnata la vittoria per 2-0 a tavolino al Brasile.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (ES) AA.VV., Historia de la Selección Chilena 1910-1998, Santiago, Don Balón, 1998, p. 69.
  • (ES) Hans Graf; Javier Minniti, La Vinotinto: de pasión de pocos a delirio de millones, Caracas, Editorial Alfa, 2004, p. 115, ISBN 978-980-354-133-0.
  • (PT) Antônio Carlos Napoleão, Roberto Assaf, Seleção Brasileira 1914-2006, São Paulo, Mauad X, 2006, p. 178, ISBN 85-7478-186-X.
  • Darwin Pastorin, I portieri del sogno - Storie di numeri 1, Torino, Einaudi, 2009, ISBN 978-88-06-19526-7.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio