Qinmindang

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Qinmindang
親民黨
Qīnmíndǎng
People First Party
LogoPFP.svg
LeaderJames Soong
StatoTaiwan Taiwan
SedeTaipei
AbbreviazionePFP (PPP in italiano)
Fondazione31 marzo 2000
IdeologiaCentrismo[1]
Riunificazione cinese
Conservatorismo liberale
Collocazionecentro-destra
CoalizionePan-azzurra
Seggi Yuan legislativo
0 / 113
(2020)
Sito webwww.pfp.org.tw/

Il Qinmindang (lett., Partito Prima il Popolo) è un partito politico di centro-destra di Taiwan (Repubblica di Cina).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il PPP è stato fondato da James Soong e dai suoi sostenitori dopo la sua offerta di indipendenza (fallita) per le presidenziali nel 2000. Soong è il presidente e domina gran parte della sua politica. Il nome del partito, qinmin, ha connotazioni confuciane.

Gli obiettivi ufficiali del PPG, per quanto riguarda le relazioni attraverso lo stretto è per la RDC: partecipare a più organizzazioni internazionali, promuovere la cultura cinese all'estero e cercare interazioni economiche e culturali tra Taiwan e la madrepatria. Le sue opinioni sono considerate generalmente favorevoli all'unificazione cinese e fermamente contro l'indipendenza di Taiwan.

Il partito mantiene una relazione stretta ma tesa con il Kuomintang (KMT) come parte della coalizione pan-azzurra[2]. Tuttavia, poiché il PPG, come il Nuovo Partito, è cresciuto fuori dal KMT, le due parti dovevano competere per la stessa serie di elettori. Questa dinamica in cui sia il KMT che il PPG devono competere simultaneamente e cooperare tra di loro ha portato alla loro politica complessa e interessante.

In molti casi notevoli, ciò ha portato a situazioni in cui entrambe le parti hanno avuto dei candidati, ma vicino alle elezioni il partito con il candidato meno popolare ha ufficialmente abbandonato la gara. Ciò a sua volta ha portato ad alcune situazioni di rilievo quando il PPG o il KMT hanno fatto una campagna contro il suo candidato. Ciò ha portato a un risentimento tra i due partiti.[3]

Per evitare una ripetizione di questo effetto, che ha portato all'elezione del candidato del PPD Chen Shui-bian alle presidenziali del 2000 con una bassa percentuale di voti[4], il presidente Soong è stato al vicepresidente del biglietto presidenziale del presidente del KMT, Lien Chan, alle elezioni presidenziali del 2004.[5]

Dopo la sua sconfitta nelle elezioni sindacali di Taipei il 9 dicembre 2006, Soong ha annunciato di ritirarsi dalla politica. A questo punto, senza obiettivi chiari, il PPG ha affrontato un futuro incerto e ha considerato la fusione con il KMT. Dopo molte trattative, il PPG e il KMT non c'è stata nessuna fusione.[6]

Elezioni presidenziali del 2012[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre del 2011 James Soong ha portato il PPG alle presidenziali per la prima volta e selezionò Ruey-Shiung Lin come suo compagno per la campagna elettorale. Il PPG ha raccolto voti a sufficienza per qualificarsi al ballottaggio per le elezioni presidenziali del 2012.[7]

La coalizione Soong-Lin è stato messo al terzo posto nella votazione elettorale, determinato da un sorteggio casuale, quella Tsai-Su del PPD è risultata primo e per secondo la coalizione Ma-Wu del KMT.[8]

Mentre gli analisti temevano che una corsa a PFP avrebbe diviso il voto della coalizione Pan-Blue e avrebbe portato all'elezione del DPP (come era avvenuto nelle elezioni presidenziali del 2000), Soong ha insistito sul fatto che la sua campagna era seria e che lui avrebbe completato la sua corsa.[9][10] Il giorno della elezione, tuttavia, la coalizione Soong-Lin è stata sottovalutata e ha ottenuto solo il 2,77% dei voti.

Risultati delle elezioni[modifica | modifica wikitesto]

Elezioni presidenziali[modifica | modifica wikitesto]

Elezione Candidato Presidente Candidato Vicepresidente Voti totali Numero di voti Risultato
2000 James Soong[11] Chang Chau-hsiung 4,664,932 36.8% Sconfitto
2004 Lien Chan Emblem of the Kuomintang.svg(KMT) James Soong 6,423,906 49.8% Sconfitto
2012 James Soong Lin Ruey-shiung 369,588 2.77% Sconfitto
2016 James Soong Hsu Hsin-ying (MKT) 1,576,861 12.84% Sconfitto

Elezioni legislative[modifica | modifica wikitesto]

Elezione Seggi totali vinti Voti totali Percentuale di voti Risultato delle elezioni Leader del partito
2001
46 / 225
1,917,836 20.3% Aumento29 seggi; Opposizione di maggioranza (Pan-azzurra) James Soong
2004
34 / 225
1,350,613 14.78% Diminuzione12 seggi; Opposizione di maggioranza (Pan-azzurra) James Soong
2008
1 / 113
28,254 0.3% Diminuzione33 seggi; Opposizione di maggioranza (Pan-azzurra) James Soong
2012
3 / 113
722,089 5.49% Aumento2 seggi; Opposizione (non allineati) James Soong
2016
3 / 113
794,838 6.52% Stabile; Opposizione (non allineati) James Soong

Elezioni locali[modifica | modifica wikitesto]

Elezione Sindaci &
Magistrati
Consigli 3º livello
Capi municipali
3º livello
Capi del Consiglio
4º livello
Capivillaggi
Leader del partito
2002
0 / 2
15 / 96
N.D. N.D. N.D. James Soong
2005
1 / 23
31 / 901
3 / 319
N.D. N.D. James Soong
2006
solo municipalità
0 / 2
6 / 96
N.D. N.D. N.D. James Soong
2009
0 / 17
1 / 587
0 / 211
N.D. N.D. James Soong
2010
solo municipalità
0 / 5
4 / 314
N.D. N.D.
0 / 3 757
James Soong
2014
unificato
0 / 22
9 / 906
0 / 204
0 / 2 137
1 / 7 836
James Soong

Elezioni dell'Assemblea Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Elezione Seggi vinti Voti totali Percentuale di voti risultato Leader del partito
2005
18 / 300
236,716 6.11% Aumento18 seggi; Opposizione James Soong

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ZH) 政策綱領, su pfp.org.tw. URL consultato il 31 agosto 2017.
  2. ^ (EN) On the brink, The Economist, 6 dicembre 2001. URL consultato il 31 agosto 2017.
  3. ^ (EN) Caroline Hong, Pan-blue tensions rising over election coordination, in Taipei Times, 11 novembre 2004. URL consultato il 31 agosto 2017.
  4. ^ (EN) Sangwon Suh, Seismic Changes, CNN, 31 marzo 2000. URL consultato il 31 agosto 2017.
  5. ^ (EN) Sandy Huang, Lien-Soong ticket a done deal -- almost, Taipei Times, 15 febbraio 2003. URL consultato il 31 agosto 2017.
  6. ^ (EN) Taiwan's troubled politics, The Economist, 11 dicembre 2006. URL consultato il 31 agosto 2017.
  7. ^ (EN) James Soong announces Taiwan presidential bid, su asiaone.com. URL consultato il 31 agosto 2017.
  8. ^ (EN) DPP draws top listing on presidential ballot (update), su focustaiwan.tw. URL consultato il 31 agosto 2017.
  9. ^ (EN) Malcolm Cook, Déjà vu in Taiwan?, su lowyinterpreter.org. URL consultato il 31 agosto 2017.
  10. ^ (EN) Asia Times Online :: China News, China Business News, Taiwan and Hong Kong News and Business., su atimes.com. URL consultato il 31 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2017).
  11. ^ Andò senza partito, fu espulso dal Kuomintang nel 1999.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]