Qian Qichen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Qian Qichen
Qian Qichen.jpg

Ministro degli Affari Esteri della Repubblica Popolare Cinese
Durata mandato 12 aprile 1988 –
18 marzo 1998
Presidente Yang Shangkun
Jiang Zemin
Capo del governo Li Peng
Predecessore Wu Xueqian
Successore Tang Jiaxuan

Dati generali
Partito politico PCC

Qian Qichen[1] (cinese tradizionale 錢其琛, cinese semplificato 钱其琛; Tientsin, 5 gennaio 1928Pechino, 9 maggio 2017) è stato un diplomatico e politico cinese, Ministro degli affari esteri dal 1988 al 1998.

Svolse un ruolo fondamentale nel dare forma e sostanza alla politica estera cinese durante l'amministrazione di Jiang Zemin, e fu figura chiave nel ritorno di Hong Kong e Macao sotto la sovranità della Repubblica Popolare Cinese. Negli anni ottanta fu a capo dei negoziati con l'Unione Sovietica, culminati con la definizione dei confini tra i due Stati. Dopo la sanguinosa protesta di piazza Tienanmen nel 1989 fu strumentale nella normalizzazione dei rapporti tra Cina ed Occidente.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Tientsin il 5 gennaio 1928,[2][3] all'interno di una numerosa famiglia originaria del distretto di Jiading. Era un discendente di Qian Daxin, funzionario-letterato della dinastia Qing nel XVIII secolo.[4]

Dal 1942 al 1945 frequentò l'Utopia University High School di Shanghai. Appena quattordicenne, si unì segretamente al Partito Comunista Cinese. Dal 1945 al 1949 lavorò per il quotidiano Ta Kung Pao. Dopo la nascita della Repubblica Popolare Cinese nel 1949 divenne membro del comitato e segretario della Lega della Gioventù Comunista Cinese, operando nei distretti di Xuhui, Changning e Yangpu.[3]

Più tardi andò a Mosca per studiare alla Scuola Centrale di Komsomol, dal 1954 al 1955, e successivamente iniziò a lavorare come diplomatico. Più tardi ricoprì svariate posizioni all'interno dell'ambasciata cinese.[3][5]

Nel corso della grande rivoluzione culturale fu perseguitato e mandato in un campo di lavoro forzato, dove rimase dal 1966 al 1972. Dopo la sua riabilitazione, ricoprì l'incarico di ambasciatore in Guinea (1974–76) e Guinea-Bissau (1974–75). A partire dal 1977 lavorò per il ministero degli affari esteri, divenendo vice ministro dal 1982 al 1988 ed infine ministro dal 1988 al 1998. Fu inoltre vice premier dal 1993 sino al suo ritiro dalla politica avvenuto nel 2003.[5][3][6]

Come Ministro degli affari esteri svolse un ruolo importante nel dare forma alla politica estera di Jiang Zemin,[2] ed ebbe un ruolo chiave nel ritorno di Hong Kong e Macao sotto la sovranità della Repubblica Popolare Cinese.[7] Negli anni ottanta fu a capo dei negoziati con l'Unione Sovietica, culminati nella regolazione dei confini tra i due Stati.[2] A seguito del deterioramento dei rapporti tra Cina ed Occidente per via della sanguinosa protesta di piazza Tienanmen, fu un importante mediatore nel processo di riconciliazione.[7] Nel 1991 divenne il primo diplomatico cinese ad assistere a un vertice dell'ASEAN, quando prese parte ad un incontro tra ministri degli esteri in Malaysia. Si trattò della prima volta in cui la Repubblica Popolare Cinese riconosceva ufficialmente l'ASEAN come istituzione e pose le basi per future cooperazioni tra Cina e paesi limitrofi.[8]

Fu membro titolare dal 12º al 15º comitato centrale del Partito Comunista Cinese, nonché componente del 14º e 15º ufficio politico del Partito Comunista Cinese.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nell'onomastica cinese il cognome precede il nome. "Qian" è il cognome.
  2. ^ a b c Former Chinese Vice Premier Qian Qichen dies at 89: Xinhua, in Nikkei, 11 maggio 2017. URL consultato l'11 maggio 2017 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2017).
  3. ^ a b c d e (ZH) 钱其琛, su People's Daily. URL consultato il 10 maggio 2017.
  4. ^ (ZH) 上海嘉定走出的外交家钱其琛, in The Paper, 10 maggio 2017.
  5. ^ a b Qian Qichen, Foreign Ministry of China. URL consultato il 10 maggio 2017.
  6. ^ (ZH) Encyclopedia of China, Vol. 17 (2nd edition, 中国大百科全书(第二版)第17册), Encyclopedia of China Publishing House, 2009, pp. 588, ISBN 978-7-5000-7958-3.
  7. ^ a b China's 'outstanding' former top diplomat Qian Qichen dies, aged 89, in South China Morning Post, 10 maggio 2017.
  8. ^ Full Text: China-ASEAN Cooperation: 1991–2011

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN7532556 · ISNI (EN0000 0001 1844 6455 · LCCN (ENnr94039456 · GND (DE136821928 · BNF (FRcb13320925b (data)