Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Qal'a dei Banu Hammad

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Qal'a dei Banu Hammad
Qalaryel.jpg
Torre rimasta integra a Qalʿa dei Banū Hammād
Civiltà Berbera
Utilizzo Fortezza
Stile Hammadidi
Epoca XI sec.
Localizzazione
Stato Algeria Algeria
Comune Bishāra
Mappa di localizzazione

Coordinate: 35°48′50″N 4°47′36″E / 35.813889°N 4.793333°E35.813889; 4.793333

Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Qalʿa dei Banū Hammād
(EN) Qal'at Beni Hammad
Kalaa des Beni Hammad.5.jpg
Tipo Culturale
Criterio iii
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1980
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

La Qalʿa dei Banū Hammād (in arabo: قلعة بني حماد‎, "La cittadella degli Hammadidi") è un sito archeologico che si trova in Algeria presso l'odierna città di Bishāra, a circa 200 km a sud-est della capitale Algeri. Si tratta di uno dei complessi fortificati della civiltà islamica più antichi e meglio conservati. Qui venne istituita nel 1007 come prima capitale della dinastia degli Hammadidi, successivamente distrutta nel 1152. La città si trova ad oltre 1.000 metri di altezza, circondata dalle montagne.

Fra le sue rovine, sono degni di nota il palazzo (un complesso di tre diversi edifici che testimonia l'alta raffinatezza architettonica raggiunta dal regno hammadide) e la moschea, una delle più grandi d'Algeria.

La Qalʿa dei Banū Hammād è stata inserita nel 1980 nell'elenco dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO.

Dar al-Bahr, il Palazzo del Lago[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo di Dar al-Bahr è stato nominato per la sua piscina rettangolare, che misura 67 da 47 metri. Una rampa ad una estremità della piscina era stata usata per far scendere le barche. I riferimenti alle esposizioni nautiche di questa piscina appaiono nei conti dei visitatori contemporanei. La piscina era circondata da un portico e vi si può accedere attraverso un ingresso monumentale sul lato est. A ovest della piscina c'è una terrazza elevata e cortile con giardini. All'esterno delle mura del complesso del palazzo, i giardini si estendevano da est a ovest in tutta la città e ad una profondità di quasi 100 metri. I giardini non sono ancora stati esplorati dagli archeologi, anche se sono state scoperte delle fontane ornamentali.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La fortezza fu costruita nel 1007 da Hammad ibn Buluggin, figlio di Buluggin ibn Ziri, fondatore di Algeri. La città divenne la capitale dei èberbini Hammadid e sostenne un assedio dalla Zirida nel 1017. Nel 1090 fu abbandonata sotto la minaccia del Banu Hilal e fu parzialmente distrutta dagli Almohadi nel 1152.

Gallerria di immagini[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN311738661