Notifica push

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Push email)

La notifica push è una tipologia di messaggistica istantanea con la quale il messaggio perviene al destinatario senza che questo debba effettuare un'operazione di scaricamento (modalità pull). Tale modalità è quella tipicamente utilizzata da applicazioni come WhatsApp, oppure servizi di sistemi operativi come Android, o come numerose applicazioni derivate da siti web (ad esempio il classico servizio meteo o quello delle notizie).

Per permettere alle notifiche push di giungere al destinatario è indispensabile che l'applicazione sia attiva, ovvero operi in background e sia on-line. Successivamente, occorre che l'utente abbia autorizzata l'applicazione a inviare le notifiche. Chiaramente se l'account è disconnesso dalla rete oppure l'applicazione terminata, la notifica push non può giungere; in questi casi l'utente riceve i messaggi push non appena riconnette l'account (login) oppure riavvia l'applicazione.

A seconda del protocollo, del servizio e dell'applicazione le notifiche push possono essere di diverse tipologie:

Push e-mail[modifica | modifica wikitesto]

L'espressione push e-mail si riferisce a quei sistemi di posta elettronica in cui i messaggi in arrivo vengono attivamente inviati da un mail server al programma client, anziché essere scaricati su richiesta del client stesso (pull e-mail). Questo tipo di tecnologia viene impiegata soprattutto per consentire la ricezione di posta elettronica in tempo reale su terminali come smartphone, palmari e tablet, per i quali sarebbe costoso in termini di risorse computazionali e consumo energetico attivare un meccanismo di scaricamento periodico dei messaggi disponibili sul server (tecnica nota come polling), meccanismo usato invece comunemente dai client di posta elettronica su personal computer. Soluzioni di tipo push e-mail possono essere utilizzate anche dai client di posta per computer che utilizzano il protocollo IMAP.[1]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Internet Draft: Push Extensions to the IMAP Protocol (P-IMAP), IETF, marzo 2006. URL consultato l'11 dicembre 2015.
  2. ^ IMAP Idle