Pugni chiusi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pugni chiusi
Artista I Ribelli
Genere Beat
Blues
Data 1967
Etichetta Ricordi

Pugni chiusi è un brano musicale composto da Luciano Beretta, Gianni Dall'Aglio e Ricky Gianco e cantato da Demetrio Stratos allora voce del gruppo i Ribelli e pubblicato come 45 giri Pugni chiusi/La follia[1] ed inserito nell'album del 1968 I Ribelli[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del 1966 i Ribelli, nel locale milanese Santa Tecla, incontrano Demetrio Stratos che entra subito nel gruppo come cantante solista e organista, e quasi contemporaneamente si aggiunge al gruppo anche l'ex bassista dei Los Bravos Angel Salvador, nasce così la formazione più rappresentativa della storica band. Il gruppo esce dal Clan Celentano ed inizia a collaborare con la Ricordi, nella primavera del 1967 incide "Pugni chiusi", brano che presentano all'edizione del Cantagiro di quell'anno. La canzone ottiene immediatamente il successo del pubblico ed entra nelle 24 canzoni più gettonate nei juke box in Italia.[3] e raggiunge il quindicesimo posto nella classifica dei dischi più venduti[4].

Il brano sarà incluso nella compilation pubblicata nella raccolta Festivalbar Vent'anni di Juke Box Vol.1, uscita nel 1983 in concomitanza col ventesimo anniversario della manifestazione (1964-1983).

Il brano è un blues lento, secondo alcuni si tratterebbe di una cover "non-dichiarata" di When a man loves a woman di Percy Sledge.[5]

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica