Puchi Carat

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Puchi Carat
Titolo originale プチカラット
Sviluppo Taito
Pubblicazione Taito
Event Horizon Software (PS1 in Europa)
Eon Digital Entertainment (ristampa PS1 in Europa)
Data di pubblicazione Arcade[1]:
Giappone ottobre 1997

PlayStation[2]:
Giappone 25 giugno 1998
Zona PAL 2000
Game Boy Color[3]:
Giappone 23 aprile 1999
Zona PAL 8 dicembre 2000
PlayStation Network[2]:
Giappone 24 settembre 2008

Genere Azione, Rompicapo
Tema Fantasy
Modalità di gioco Giocatore singolo, multigiocatore
Piattaforma Arcade, PlayStation, Game Boy Color
Distribuzione digitale PlayStation Network
Supporto Cabinato, CD-ROM, Cartuccia, Download
Fascia di età CERO: A[2]
Periferiche di input Gamepad
Specifiche arcade
CPU Motorola 68EC020 @ 16 MHz
Processore audio Motorola 68000 @ 16 MHz
Risoluzione 320x232
Periferica di input Joystick

Puchi Carat (プチカラット Puchi Karatto?) è un videogioco arcade del 1997 pubblicato da Taito. È stato successivamente convertito per PlayStation e Game Boy Color. La versione arcade è stata rilasciata nella compilation Taito Legends 2 (uscita nel 2006 per PlayStation 2, Xbox e PC), mentre quella PlayStation su PlayStation Network (nel 2008).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La trama di base in Puchi Carat si incentra in tutto il mondo di "GemStone", in cui scienza e magia convivono. Dodici pietre preziose vengono rubate, ognuna delle quali entra in possesso di una persona con grandi poteri magici. Ciascuno dei dodici personaggi ha una storia individuale, che segue la sua ricerca per raccogliere tutte le gemme e realizzare i propri sogni personali.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

La meccanica di gioco è pressappoco la stessa di Breakout, però aggiunge alcuni elementi da Puzzle Bobble.

L'obiettivo generale di Puchi Carat è quello di distruggere dei blocchi simili a gemme utilizzando una sfera di energia. Le gemme "scendono" dalla parte superiore della zona di gioco una riga alla volta e sono collegate tra loro orizzontalmente o verticalmente. Colpire una gemma con la sfera la distruggerà, e se questa interrompe il collegamento alla parte superiore dell'area di altre gemme, queste si staccheranno, donando punti bonus. Distruggere una gemma speciale lampeggiante distruggerà anche tutte le gemme normali dello stesso colore. Ci sono anche dei blocchi metallici, che richiedono più di un colpo per essere distrutti.

Il giocatore controlla una barra sul fondo del campo di gioco, che può spostarsi a destra e a sinistra per far rimbalzare la sfera verso l'alto. A differenza della maggior parte degli altri giochi in stile Breakout, mancare la sfera non comporta la perdita di una vita, bensì aggiunge tre linee di gemme nella parte superiore del campo di gioco; altre linee si formeranno comunque col tempo. Se le gemme scendono tanto da raggiungere l'altezza della barra, il giocatore perde e la partita finisce.

La versione arcade dispone di tre modalità di gioco: una a giocatore singolo in cui l'obbiettivo è eliminare un certo numero di linee di gemme, una modalità storia in cui il giocatore sfida ogni personaggio in un testa a testa battaglia (dove le gemme distrutte vengono aggiunte al campo di gioco avversario), e una a due giocatori che segue le stesse regole della modalità storia. Tutte le modalità per giocatore singolo hanno tre livelli di difficoltà. La versione per PlayStation offre delle modalità aggiuntive (come la "time-attack mode", in cui bisogna distruggere tutte le gemme nel tempo indicato), più livelli di difficoltà, e background più esteso ed approfondito per ogni personaggio.

Doppiatori[modifica | modifica wikitesto]

Personaggio Doppiatore
Garnet Motoko Kumai
Thyst Yōko Asada
Aqua Yumiko Shibata
C-Mond Yumiko Shibata
Rald Motoko Kumai
Pearl Sumie Baba
By Motoko Kumai
Peridot Yōko Asada
Sapphire Yumiko Shibata
Opa Tsutomu Takayama
Paz Tsutomu Takayama
Rquo Sumie Baba
Patrako Yōko Asada

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Puchi Carat Arcade releases, GameFAQs. URL consultato il 7 maggio 2015.
  2. ^ a b c Puchi Carat PlayStation releases, GameFAQs. URL consultato il 7 maggio 2015.
  3. ^ Puchi Carat Game Boy Color releases, GameFAQs. URL consultato il 7 maggio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]