Publio Cornelio Scipione (console 16 a.C.)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Publio Cornelio Scipione [1] (latino: Publius Cornelius Scipio; 48/46 a.C. – dopo il 2 a.C.) è stato un politico romano, che ricoprì la carica di console nel 16 a.C..

Figlio di Publio Cornelio Scipione Salvitone e di Scribonia,[2] era il fratello di Cornelia Scipione e il fratellastro maggiore di Giulia maggiore, figlia di Scribonia e Augusto. Scipione affermava di essere un discendente di Scipione l'Africano e di questo si vantava. Se suo padre Publio Cornelio Scipione Salvitone era figlio di Metello Scipione, allora questo vanto ha sicuramente basi reali[3].

Fu console per l'anno 16 a.C., lo stesso della morte della sorella Cornelia: il poeta Properzio scrisse una elegia per Cornelia, in cui lodava la sua famiglia, inclusi Scipione e Scribonia. Nel 2 a.C. venne esiliato assieme a molti altri da Augusto, con l'accusa di tradimento e di adulterio con la sorellastra Giulia. Ebbe una sola figlia, Cornelia Africana, che sposò il cavaliere romano Aulo Giulio Frontino, molto probabilmente i nonni del meglio noto Sesto Giulio Frontino, governatore della Britannia nel 70, membro del Collegio degli Auguri e autore del De aquaeductu.[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ William Smith, Dictionary of Greek and Roman Biography and Mythology, 32, Boston: Little, Brown and Company, Vol.3 p. 752
  2. ^ Fantham, Elaine, Julia Augusti, Routledge, 2006, ISBN 0-415-33146-3, p. 18.
  3. ^ Svetonio, De vita Caesarum
  4. ^ Svetonio, De vita Caesarum
Predecessore Fasti consulares Successore Consul et lictores.png
Gaio Furnio,
Gaio Giunio Silano
(16 a.C.)
con Lucio Domizio Enobarbo
Marco Livio Druso Libone,
Lucio Calpurnio Pisone