Pterodaustro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pterodaustro
Stato di conservazione: Fossile
Pterodaustro BW.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Sauropsida
Ordine Pterosauria
Famiglia Pterodaustridae
Genere Pterodaustro
Specie

Pterodaustro guinazui

Non tutti gli pterosauri avevano mandibole lunghe e appuntite. Lo Pterodaustro, il cui nome significa "ala del sud", aveva un lungo becco che utilizzava come un enorme setaccio. Aveva un'apertura alare di circa 1,2 m. Lo Pterodaustro visse circa 140 milioni di anni fa, nel Cretacico inferiore in Sudamerica

Mandibole[modifica | modifica sorgente]

Le mandibole dello Pterodaustro erano dieci volte più lunghe di tutto il resto del cranio. La mandibola superiore era munita di pochi denti, corti e tozzi, mentre quella inferiore aveva circa un migliaio di setole elastiche disposte come i peli di una spazzola.

Setole[modifica | modifica sorgente]

I paleontologi ritengono che lo Pterodaustro usasse queste setole per filtrare dall'acqua piccole creature (gamberetti e plancton), che poi avrebbe masticato con i denti della mascella superiore.

Come il fenicottero[modifica | modifica sorgente]

Alcuni esperti ritengono che lo Pterodaustro planasse lentamente sull'acqua filtrando il cibo con il becco; altri invece pensano che la resistenza dell'acqua fosse troppo forte per lo Pterodaustro e che questi quindi setacciasse il limo dei fondali con il becco, proprio come fanno i fenicotteri odierni.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]