Pryp"jat' (città)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Pryp'jat' (città))
Jump to navigation Jump to search
Pryp"jat'
comune
(UK) Прип'ять
Pryp"jat' – Stemma
Pryp"jat' – Veduta
Localizzazione
StatoUcraina Ucraina
Oblast'Flag of Kiev Oblast.svg Kiev
DistrettoNon presente
Amministrazione
Data di istituzione1970
Territorio
Coordinate51°24′N 30°03′E / 51.4°N 30.05°E51.4; 30.05 (Pryp"jat')Coordinate: 51°24′N 30°03′E / 51.4°N 30.05°E51.4; 30.05 (Pryp"jat')
Altitudine111 m s.l.m.
Superficie6,59 km²
Abitanti0 (2019)
Densità0 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale255614
Prefisso+380 4499
Fuso orarioUTC+2
Codice KOATUU3211100000
TargaAI
Cartografia
Mappa di localizzazione: Ucraina
Pryp"jat'
Pryp"jat'
Sito istituzionale
(RU)

«Возврата нет.
Прощай,
Припять. 27 Апреля 1986»

(IT)

«Non ritorneremo.
Addio,
Pripjat', 27 aprile 1986»

(Frase sulla bacheca di classe di un asilo della città[1][2])

Pryp"jat' (in ucraino: Прип'ять?, traslitterato: Pryp'jať) è una città fantasma dell'oblast' di Kiev, a circa 110 km dalla capitale ucraina. La città è stata abbandonata dopo il disastro nucleare avvenuto nel 1986 alla centrale di Černobyl', che si trova a circa 2 km di distanza, e si trova all'interno della zona di alienazione.

Pryp"jat' era una città moderna, che al momento dell'abbandono aveva 49 000 abitanti e possedeva due ospedali, di cui uno pediatrico, un centro commerciale, due hotel, numerosi bar e ristoranti, un cinema, un teatro, un centro polifunzionale. La piscina coperta fu lasciata attiva fino al 2000, al servizio del personale che continuava a lavorare presso la centrale.[3][4] Pryp"jat' era soprannominata "La città dei fiori" per via delle numerose aiuole.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La città, che si trova nelle vaste paludi del Pryp"jat', è stata abbandonata nel 1986, diventando un paradiso per gli animali selvatici che, non dovendo più interagire con gli uomini, possono circolare liberamente e occupare strutture e abitazioni. Sono stati avvistati in particolare lupi, orsi e volpi.

Radiazioni[modifica | modifica wikitesto]

I livelli di radiazione si aggirano tra i 15 e i 300 microröntgen, non superando la dose letale di oltre 300 mR, tuttavia i visitatori e gli eventuali veicoli potrebbero essere sottoposti a una decontaminazione contro le radiazioni.

Il parco giochi è la porzione più radioattiva della città, essendo esposto direttamente alle fonti di radiazioni provenienti dalla centrale. Il giorno del disastro il vento portò qui le prime particelle radioattive, le quali investirono anche la grande foresta proprio alle spalle del parco giochi.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il centro della città nel 1983.

L'origine del toponimo è da ricercare in quella dell'omonimo fiume, che potrebbe derivare da pripeč che sta per "riva sabbiosa"[5] o dal baltico-occidentale preipente ovvero "fiume degli speroni".[6]

Secondo Max Vasmer il nome originale del fiume, Prypet' (in ucraino: Припеть?), potrebbe avere il significato di "tributario" quindi "affluente" (del fiume Dnepr).[7]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La città, che rientrava nell'insieme delle città chiuse, fu costruita a partire dal 4 febbraio 1970 per ospitare i lavoratori e i costruttori della centrale nucleare di Černobyl' con le loro famiglie. Inizialmente si pensò di costruire sia la centrale che la città a circa 25 km da Kiev, ma l'Accademia nazionale delle scienze e altre istituzioni ritennero che sarebbe stata troppo vicina, perciò la città fu costruita a 100 km di distanza.

Negli anni successivi, il numero di abitanti aumentò notevolmente grazie a una qualità della vita relativamente alta rispetto al resto dell'Unione Sovietica; nell'anno dell'abbandono contava circa 49 000 abitanti[8][9].

Evacuazione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Disastro di Černobyl'.
La ruota panoramica del luna park installata e mai utilizzata
Autoscontri nel parco giochi; a Pryp"jat' abitavano circa 17.000 bambini.[10]

In seguito all'esplosione del reattore n. 4 della vicina centrale nucleare, avvenuta il 26 aprile 1986, fu ordinata l'evacuazione dei centri abitati nel raggio di 30 km. Per trasportare gli sfollati furono utilizzati diversi autobus e veicoli militari, poi abbandonati a Rozsocha, nella zona di alienazione, mentre per ospitare i circa 100 000 abitanti evacuati fu costruita la città di Slavutyč, a circa 50 km dalla centrale nucleare.

(RU)

«Внимание, Уважаемые товарищи! Городской совет народных депутатов сообщает, что в связи с аварией на Чернобыльской атомной электростанции в городе Припяти складывается неблагоприятная радиационная обстановка. Партийными и советскими органами, воинскими частями принимаются необходимые меры. Однако, с целью обеспечения полной безопасности людей, и, в первую очередь, детей, возникает необходимость провести временную эвакуацию жителей города в ближайшие населённые пункты Киевской области. Для этого к каждому жилому дому сегодня, двадцать седьмого апреля, начиная с 14:00 часов будут поданы автобусы в сопровождении работников милиции и представителей горисполкома. Рекомендуется с собой взять документы, крайне необходимые вещи, а также, на первый случай, продукты питания. Руководителями предприятий и учреждений определён круг работников, которые остаются на месте для обеспечения нормального функционирования предприятий города. Все жилые дома на период эвакуации будут охраняться работниками милиции. Товарищи, временно оставляя своё жильё, не забудьте, пожалуйста, закрыть окна, выключить электрические и газовые приборы, перекрыть водопроводные краны. Просим соблюдать спокойствие, организованность и порядок при проведении временной эвакуации.»

(IT)

«Attenzione, cari compagni!

Il Consiglio Comunale informa che, a seguito dell'incidente alla centrale nucleare di Černobyl', nella città di Pryp"jat' le condizioni dell'atmosfera circostante si stanno rivelando nocive e con alti livelli radioattivi.

Il Partito Comunista, i suoi funzionari e le forze armate stanno dunque adottando le dovute misure. Tuttavia, al fine di garantire la totale incolumità delle persone, e in primo luogo dei bambini, si rende necessario evacuare temporaneamente i cittadini nei vicini centri abitati della regione di Kiev. A tale scopo, oggi 27 aprile, a partire dalle ore 14, saranno inviati autobus sotto la supervisione della polizia e dei funzionari della città. Si raccomanda di portare con sé i documenti, gli effetti personali strettamente necessari e prodotti alimentari di prima necessità.

Gli alti dirigenti delle strutture pubbliche e industriali della città hanno stabilito l'elenco dei dipendenti necessari per rimanere a Pryp"jat' e garantire il normale funzionamento delle aziende cittadine. Tutte le abitazioni, durante il periodo di evacuazione, saranno inoltre sorvegliate dalla polizia.

Compagni, lasciando temporaneamente le vostre case, non dimenticate per favore di chiudere le finestre, di spegnere tutte le apparecchiature elettriche ed a gas e di chiudere l'acqua. Si prega di mantenere la calma, l'ordine e la disciplina durante lo svolgimento di questa temporanea evacuazione.»

(Messaggio di evacuazione)

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Esterno dell'Energetyk
Gli interni devastati del palazzo
  • Palazzo della cultura "Energetyk", su piazza Lenin, centro polifunzionale.
  • Hotel Polesia, uno degli edifici più alti della città.
  • Piscina Lazurny, dopo l'incidente nucleare rimase uno degli edifici meno radioattivi della città.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

La città era fornita di 5 scuole secondarie e 15 asili/scuole elementari, ma non era sede di alcuna università o biblioteca.

L'interno della piscina Lazurny della città (nel 1996 e nel 2019). L'impianto è rimasto aperto fino al 1998 per i liquidatori che continuarono a operare nella limitrofa centrale di Černobyl'[4][11][12].
L'aula di una scuola abbandonata
Veduta di Pryp"jat' con il nuovo sarcofago della centrale nucleare di Černobyl' sullo sfondo (2019)

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Cinema e televisione[modifica | modifica wikitesto]

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

I 10 microdistretti di Pryp''jat'

La città era divisa in 10 microsdistretti:

  •      Microdistretto 1

  •      Microdistretto 2

  •      Microdistretto 3

  •      Microdistretto 4

  •      Microdistretto 4a

  •      Microdistretto 5

  •      Centro città

  •      Complesso ospedaliero

  •      Case popolari

La fabbrica Jupiter di Pryp''jat'
L'hotel Polesia, uno dei due alberghi della città

Economia[modifica | modifica wikitesto]

La principale fonte di impiego era la vicina centrale nucleare. Altri punti nell'economia della città erano l'hotel Polissja e la fabbrica Jupiter, che forniva segretamente semiconduttori all'esercito sovietico.

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

A causa della controversa storia e dell'incontaminabilità della città, Pryp''at' è un'importante meta turistica, poiché i livelli di radiazione sono drasticamente diminuiti. A causa di alcuni crolli avvenuti tra il 2012 e il 2013 ai turisti è stato vietato di visitare autonomamente la città, anche se è possibile tramite prenotazione sul sito web della città.[15]

Turisti in visita a Pryp"jat', nel 2013. La visita organizzata costa 150 dollari circa[16]

Agli ex residenti è concessa una visita nell'anniversario della tragedia e nella ricorrenza del primo maggio.

Molte costruzioni non sono strutturalmente stabili, a causa della totale assenza di manutenzione, o hanno subito una dose troppo elevata di radiazioni per poter essere visitate. Mentre è relativamente sicuro restare all'aria aperta, addentrarsi negli edifici può essere pericoloso, in particolare in quelli con le finestre affacciate sulla centrale, inoltre tutte le porte sono state lasciate aperte per poter disperdere le radiazioni.

Nel 2017 la città è stata visitata da 50 200 persone.[17]

A seguito della messa in onda della miniserie televisiva Chernobyl, tra maggio e giugno 2019, le prenotazioni per visite turistiche a Pryp"jat' e nell'area della Centrale nucleare di Černobyl' sono aumentate del 40%.[18][19]

Nel luglio 2019 il presidente ucraino Volodymyr Zelens'kyj, in seguito all'aumento del turismo nella zona di alienazione di Černobyl', ha firmato un decreto che autorizza il libero accesso ai turisti nell'area con la creazione di un corridoio verde. I progetti per il sito comprendono nuovi corsi d'acqua e posti di blocco nell'area, una migliore copertura della rete telefonica e nuovi percorsi pedonali. Verranno anche eliminate le restrizioni attualmente in vigore sulle riprese e sulle foto.[20][21]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Le strade che portano alla città sono presidiate e inaccessibili senza particolari permessi.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

La città era servita dalla stazione di Janiv, posta lungo la ferrovia Černihiv-Ovruč e riattivata negli anni 2010 per permettere gli spostamenti dei macchinari pesanti.[22]

Ingresso alla "zona di alienazione"

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

La città è amministrata dall'Agenzia statale per la gestione della zona di alienazione, un'agenzia del servizio d'emergenza ucraino dipendente dal ministero degli affari interni.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La città era sede della squadra calcistica FC Stroitel Pripyat che giocava presso lo Stadio Avanhard.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Eben Harrell, James Marson, Apocalypse Today: Visiting Chernobyl, 25 Years Later, time.com, 26 aprile 2011. URL consultato il 23 settembre 2014.
  2. ^ Fotografia della scritta sulla bacheca] di Robert Polidori (JPG), tumblr.com. URL consultato il 23 settembre 2014.
  3. ^ Copia archiviata, su obrat-side.com. URL consultato il 24 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2014).
  4. ^ a b ФотоТелеграф » Прогулка по улицам Припяти
  5. ^ (EN) Adrian Room, Placenames of the World, Jefferson, 1997.
  6. ^ Riccardo Pessarossi, 10 cose che non sapevate sulla catastrofe di Chernobyl, su www.it.sputniknews.com, 26 aprile 2016. URL consultato il 20 giugno 2019.
  7. ^ (EN) Max Vasmer, Etymological dictionary of the Russian language.
  8. ^ (UK) Pryp''jat' in numeri, su pripyat.com.
  9. ^ (EN) Strange and unsettling: my day trip to Chernobyl, theguardian.com, 23 ottobre 2005. URL consultato il 23 settembre 2014.
  10. ^ Igor Kostin, Chernobyl - Confessioni di un reporter, EGA Editore, 2006, p.166.
  11. ^ Work Detail
  12. ^ Почему бассейн "Лазурный" работал в 1996 г? - Форум сайта г. Припять. Споры, дискуссии, обсуждения, наблюдения, обмен опытом, фотографии - все темы о Чернобыльской зоне отчужд...
  13. ^ Chernobyl: Starring Jared Harris, Stellan Skarsgård, Emily Watson, & More, su HBO. URL consultato il 20 giugno 2019.
  14. ^ Recensione: Dampyr 194, su ComicsViews. URL consultato il 20 giugno 2019.
  15. ^ Lara Gusatto, Il brivido caldo delle ghost-town, in la Repubblica, 3 febbraio 2011. URL consultato il 21 giugno 2019.
  16. ^ https://chernobyl-tour.com/index.php?do=order&action_skin_change=yes&skin_name=eng
  17. ^ (EN) Daniel Bakota, Lesia Zastavetska e Arkadiusz Płomiński, The Disaster in Chernobyl Nuclear Power Plant and Tourism (PDF), su towarzystwo.ros.edu.pl, 2018, p. 9. URL consultato il 7 luglio 2019.
  18. ^ (EN) Max Hunder, HBO show success drives Chernobyl tourism boom, su reuters.com, 4 giugno 2019.
  19. ^ Enrico Marro, Chernobyl, è boom del turismo «nucleare» (+40%) grazie alla miniserie tv, su ilsole24ore.com, 4 luglio 2019.
  20. ^ Ucraina, il presidente Zelensky apre la centrale nucleare di Chernobyl ai turisti
  21. ^ Chernobyl, nuovo scudo protettivo e si apre al turismo
  22. ^ (EN) Radioactive Railroad - A journey through the Chornobyl Exclusion Zone, su www.radioactiverailroad.com. URL consultato il 20 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 21 novembre 2015).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENn78053620 · WorldCat Identities (ENn78-053620
Ucraina Portale Ucraina: accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Ucraina