Providas Romanorum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Template:Bolla Providas romanorum è una bolla di Papa Benedetto XIV pubblicata il 18 maggio 1751. Essa, confermando la In eminenti apostolatus di Clemente XII, condanna nuovamente la Massoneria e vieta ad ogni cattolico di far parte di essa o di frequentarne i membri. Ai trasgressori di queste disposizioni è annunciata la scomunica ipso facto.

I motivi che portano il Papa a queste disposizioni sono:

  • « in tali Società e Conventicole possano unirsi vicendevolmente uomini di qualsiasi religione e setta; è chiaro quale danno si possa recare alla purezza della Religione Cattolica »;
  • « la stretta e impenetrabile promessa di segreto, in forza del quale si nasconde ciò che si fa in queste adunanze »;
  • « il giuramento con il quale s’impegnano ad osservare inviolabilmente detto segreto, quasi che sia lecito a qualcuno, interrogato da legittimo potere, con la scusa di qualche promessa o giuramento di sottrarsi all’obbligo di confessare tutto ciò che si ricerca, per conoscere se in tali Conventicole si faccia qualche cosa contraria alla stabilità e alle leggi della Religione e della Repubblica »;
  • « queste Società si oppongono alle Sanzioni Civili non meno che alle Canoniche, tenuto conto, appunto, che ai sensi del Diritto Civile si vietano tutti i Collegi e le adunanze formati senza la pubblica autorità »;
  • « in molti Paesi le citate Società e Aggregazioni sono già state proscritte e bandite con leggi dei Principi Secolari »;
  • « l’ultimo motivo è che presso gli uomini prudenti ed onesti si biasimavano le predette Società e Aggregazioni: a loro giudizio chiunque si iscriveva ad esse incorreva nella taccia di pravità e perversione ».

Il Papa invita l’Episcopato a far uso del braccio secolare (cioè del potere civile) per estirpare questo male dalla società.

Collegamenti esterni