Proverbi del Veneto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Veneto.

  • A ci non beè el vin, che Cristo el ghè toga anca l'acqua
A chi non beve il vino, che Cristo gli tolga anche l'acqua
  • Carta canta, vilan dorme.
Carta parla, villano dorme
  • Caval che vinse, no'l se canbia.
Cavallo vincente non si cambia.
  • Ci ga piegore ga pèe
Chi ha pecore ha pelle'
  • Ci varda la luna casca in tel fos"
Chi guarda la luna cade nel fosso.
  • Ci mal capise, pexo risponde.
Chi mal capisce, peggio risponde.
  • Ci more el mondo lassa, ci resta el se le spassa.
Chi muore lascia al mondo, chi resta se la spassa.
  • Ci nasse sfortunà ghe pioe sul cùl anca a star sentà.
A chi nasce sfortunato, piove sul culo anche da seduto.
  • Ci somena vento, el cata sù tempesta.
Chi semina vento raccoglie tempesta.
  • Coà dura,mai paura.
Finché dura, nessuna paura.
  • Da n'do è pasa na testa, el casso el fa festa.
Da dove è passata una testa, il cazzo fa festa.
  • Do fémene e 'na séola le fa un marcà.
Due donne e una cipolla fanno un mercato.
  • Doe se magna in tri, se magna anca en quatro.
Dove si mangia in tre, si mangia anche in quattro.
  • El saòn no'l sa gnente, l'inteligente el sa poco, l'ignorante el sa tanto, el mona el sa tuto!
Il saggio non sa niente, l'intelligente sa poco, l'ignorante sa tanto, l'imbecille sa tutto
  • El can de tanti paroni el more de fame.
Il cane che ha tanti padroni, muore di fame.
  • I fa de pi el prete e la perpetua, che el prete da solo.
Fan di più il prete e la perpetua che il prete da solo.
  • Finché l'alto se china, el basso el liga la fasìna.
Mentre l'alto (di statura) si china, il basso lega la fascina.
  • Fora un putèl, dentro un vedèl.
Fuori un bambino, dentro un vitello.
Le puerpere, per rimettersi in forze, debbono avere una alimentazione abbondante e sostanziosa.
  • I putini sensa denti, i gà fredo de tuti i tenpi.
I bambini senza denti (ancora piccoli), hanno sempre freddo.
  • I omeni par la parola, e i aseni per la cabesa.
Gli uomini (si prendono) per la parola, gli asini per la cavezza.
  • I ultimi sarà i primi...se i primi i gà creansa
Gli ultimi saranno i primi...se i primi hanno buona educazione.
L'amore non è polenta (non è cosa da poco).
  • L'altessa l'è sa mesa belessa.
L'altezza è metà bellezza.
  • La luna l'è busiara: quando l'è a forma de di la crese, quando l'è a forma de ci la decrese.
La luna è bugiarda: quando è a forma di 'D' cresce, quando è a forma di 'C' decresce.
  • La palestra non l'è mia come la strada.
La palestra non è come la strada.
  • S-ciopo, dona e cavài, no i se impresta mai.
Fucile, donna e cavalli non si prestano mai.
  • Le mejo un funeral fato ben, de un proceso fato mal
Meglio un funerale fatto bene, che un processo fatto male.
  • Lodate sesto, che te ga un bel (o bon) manego. (Modo di dire)
Lodati cesto, che hai un bel (o buon) manico.
Detto a chi pecca di presunzione.
  • Morte de can, salute de piegora.
Morte di cane, salute di pecora.
  • Montagna scura piova sicura.
Montagna scura pioggia sicura.
  • Na società la se fa en numaro dispari, tri iè massa.
Le società si fanno con un numero (di soci) dispari, in tre si è troppi.
  • Nel grande ghe sta el poco e anca el tanto.
Nel grande ci sta il poco ed anche il tanto.
  • No ghe né re né papa, che no la fasa.
Non c'è né re né papa, che non la faccia (che non vada di corpo).
  • No ghe sponsàr che straca.
Non c'è riposare che stanchi.
  • No se dise vaca mora, se non la gà almanco on pel.
Non si dice mucca nera, se non ha almeno un pelo (nero).
  • Ogni butìn el riva col so fagotìn.
Ogni bambino arriva con il suo fagottino.
  • Ora che l'aqua la gà sugà el fién, uno de montagna el fa del ben.
Un montanaro farà del bene quando l'acqua asciugherà il fieno.
  • Pan inprestà le bon da renda.
Pane prestato è buono da rendere.
  • Pan roverso su la tola el ciama carestia.
Il pane girato a rovescio in tavola porta carestia.[1]
Pan, Vin e Figa e a chi che no i ghe piase Dio eo malediga.
Pane, Vino e Fica e a chi non piacciono Dio lo maledica.
  • Par negarse se va n'tel mar.
Per annegare si va in mare.
Invito a scegliere la persona specializzata.
  • A pagar e morir, ghè senpre tempo.
Per pagare e per morire c'è sempre tempo.
  • Pignatin picenìn, poche pape ghe stà.
In una piccola pignatta ci sta poca pappa.
  • Pitosto de laorar de gusto, l'è mejo magnar sforsai.
Piuttosto che lavorare volentieri è meglio mangiare sforzandosi.
  • Pitosto de un funeral col sol, l'è mejo un matrimonio co l'aqua.
Piuttosto di un funerale con il sole, è meglio un matrimonio con l'acqua.
  • pitosto che vansa,crepa pansa
Piuttosto che avanzi, crepi la pancia.
  • Quatro done e on oco le fa on marcà.
Quattro donne ed un'oca fanno un mercato.
  • Quando l'è finio el vin, la va ben anca l'aqua.
Quando è finito il vino va bene anche l'acqua.
  • Rivàr ràvano e andar via naòn.
Arrivare "rapa" e ritornare "rapa", detto di una situazione che non porta alcun miglioramento.
  • Rosso de sera bon tenpo se spera.
Rosso si sera, bel tempo si spera.
  • San Martin pelarin, san'Andrea se ghen fusse ne pelaria.
San Martino (11 novembre) pelarino, Sant'Andrea (30 novembre), se ce ne fossero (foglie sugli alberi) ne pelerebbe.[2]
  • Santa Bibiana, quaranta dì e na stimana.
Da Santa Bibiana, quaranta giorni e una settimana. (Riferito al clima)
  • Scarpe e capelo, gnanca de to fradelo.
Scarpe e cappello, nemmeno di tuo fratello.
Invito a non riutilizzare questi capi di abbigliamento.
  • Se i aseni i gavesse le ale, i te daria da magnar con la fionda. (Modo di dire)
Se gli asini volassero, a te darebbero da mangiare con la fionda.
  • Se laora par vivar, no se vive par laorar.
Si lavora per vivere, non si vive per lavorare.
  • Se man de ladro no prende, canton de casa rende.
Se la mano del ladro non prende, l'angolo di casa restituisce.
Riferito a cosa smarrita: si ritrova solo se non è stata rubata.
  • Se nevega su la foja, te cava la voja.
Se nevica sulla foglia, te ne togli la voglia (di neve).
  • Se no ghe fusse vento, né femena mata, no ghe saria mal tempo, né mala giornata.
Se non esistesse il vento né la donna dissennata, non ci sarebbe maltempo né brutta giornata
  • Se se va al molin, se se infarina.
Se si va al mulino, ci si infarina.
  • Tenpo, cul e siori, i fa quel che i vol lori.
Il tempo, il deretano ed i signori (i ricchi), fanno quel che vogliono.
  • Tenpo e paja e maùra anca le nespole.
Tempo e paglia e maturano anche le nespole.
  • Un monte e na val, i fa on gualivo.
(Variante: Un alto e un basso fa un gualivo.)
(Oppure: 'Na mota e 'na busa le fa on gualivo.)
Un dosso e una buca, fanno una strada piana.
  • Vendar el sol par conprar petrojo. (Modo di dire)
Vendere il sole per comprar petrolio (da lanterna).
  • Viagiar descànta ma se ti parti mona te torni mona.
Viaggiare rende svegli ma chi parte stupido torna stupido.
  • Xe megio diventar rossi, che verdi.
Meglio diventare rossi (di vergogna) che verdi (di rabbia).
  • Se la Calvarina la ga el capelo, o che piove o che fa belo.
Se la Calvarina (monte) ha la nebbia, o piove o ci sarà sole.
  • Un pare el mantien diese fioj, ma diese fioj non i mantien un pare.
Un padre mantiene dieci figli, ma dieci figli non mantengono un padre.
  • San Paolo ciaro Seriòƚa scura, de l'inverno no se ga pì paura; San Paolo scuro Seriòƚa ciara l'inverno xe 'ncora par strada.

Se San Paolo (25 gennaio) è sereno e la Candelora (2 febbraio) è nuvolosa l'inverno è passato, se viceversa l'inverno non è ancora passato.

  • Candelora, de l'inverno semo fora, ma se piove e tira vento de l'inverno semo drento.

Candelora, siamo fuori dall'inverno, ma se piove e tira vento, nell'inverno siamo dentro. (Questi due proverbi sono, come molti altri, discordanti tra loro).

  • Ci magna more more ci no magna more crepa.

Chi mangia more muore, chi non le mangia crepa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Codifica di una credenza superstiziosa secondo la quale il porre a rovescio il pane in tavola porti male.
  2. ^ Il proverbio ha un duplice significato: il primo attesta la spoliazione degli alberi, ultimata generalmente nella prima decade di novembre e certa e completa alla fine dello stesso mese; il secondo si riferisce al fatto che tradizionalmente nel periodo intorno a San Martino si mangiano le castagne (e, per mangiarle, si pelano): a Sant'Andrea, se ce ne fossero ancora, se ne mangerebbero.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]