Prova dell'acqua amara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La prova delle acque amare come rappresentata in un affresco (VI-X sec.) nella chiesa di Santa Maria foris portas a Castelseprio (VA).

La prova dell'acqua amara è un rito narrato nel libro dei Numeri, v. 12. Era un gesto simbolico davanti all'altare di Jahveh, parallelo ad altri riti nel Codice di Hammurabi. Se la moglie era stata infedele a suo marito, l'acqua di maledizione sarebbe entrata in lei come acqua amara.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Daniel Friedmann Diritto e morale nelle storie bibliche 2008- 35 "Esistevano persino degli insiemi di regole giudiziarie che specificavano il tipo di prove richieste per consentire ... Un caso che comporta l'ordalia è descritto nella Bibbia, nel libro dei Numeri, ... In questi versi sembra che la gelosia del marito sia sufficiente a far applicare il rituale dell'acqua amara sulla moglie."