Protoazin parisiensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Protoazin
Immagine di Protoazin parisiensis mancante
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Opisthocomiformes
Famiglia Opisthocomidae
Genere Protoazin
Specie P. parisiensis

Il protoazin (Protoazin parisiensis) è un uccello estinto, appartenente agli opistocomiformi. Visse nell'Eocene superiore (circa 36 milioni di anni fa) e i suoi resti fossili sono stati ritrovati in Francia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Tutto ciò che si conosce di questo animale sono alcune ossa (un coracoide sinistro parziale, parte della scapola sinistra e parte di una falange di una zampa posteriore) conservatesi in un'unica piccola matrice di roccia. Da questi pochi resti non è possibile ricostruire l'animale, ma i fossili mostrano chiaramente somiglianze con l'attuale hoatzin (Opisthocomus hoazin), un peculiare uccello sudamericano dalle caratteristiche arcaiche. Sembra che Protoazin fosse leggermente più grande della forma attuale, e che fosse caratterizzato da un coracoide ampio in senso mediolaterale. La presenza di un'apertura pneumatica sotto i cotili scapolari del coracoide permette di distinguere questa forma da Namibiavis, un altro opistocomiforme africano, mentre l'acromion ridotto sulla scapola lo distingue dai sudamericani Hoazinavis e Opisthocomus.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Protoazin, descritto per la prima volta nel 2014, è considerato il più antico e primitivo tra gli opistocomiformi, un gruppo di uccelli arcaici attualmente rappresentati dal solo hoatzin. Tuttavia, Protoazin non è il più primitivo del gruppo, in quanto Namibiavis del Miocene inferiore-medio della Namibia sembrerebbe essere più basale (a causa della mancanza dell'apertura pneumatica della scapola). In ogni caso, Hoazinavis del tardo Oligocene brasiliano e l'attuale Opisthocomus sembrerebbero essere più derivati di Protoazin, a causa della maggior lunghezza dell'acromion scapolare.

Significato dei fossili[modifica | modifica wikitesto]

I fossili di Protoazin confermano l'ipotesi secondo cui gli opistocomiformi si siano originati nel Vecchio Mondo (anche se non è chiaro se in Europa o in Africa) e poi si siano spostati nel Nuovo Mondo, dove vive tuttora una specie relitta. In Nordamerica i resti fossili di questo gruppo sono inesistenti, se si esclude un possibile rappresentante arcaico (Foro panarium) ma quasi sicuramente non legato al gruppo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gerald Mayr and Vanesa L. De Pietri (2014). "Earliest and first Northern Hemispheric hoatzin fossils substantiate Old World origin of a “Neotropic endemic”". Naturwissenschaften. in press. doi:10.1007/s00114-014-1144-8