Proteomica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Analizzatore di pattern di proteine: spettrometro di massa MALDI

La proteomica consiste nell'identificazione sistematica di proteine e nella loro caratterizzazione rispetto a struttura, funzione, attività, quantità e interazioni molecolari.

La proteomica riguarda lo studio su grande scala delle proteine, in particolare delle sue strutture e funzioni. Tale termine è stato coniato in analogia al termine genomica, disciplina rispetto alla quale la proteomica rappresenta il passo successivo, essendo molto più complessa. Infatti, mentre il genoma è un'entità pressoché costante, il proteoma differisce da cellula a cellula ed è in continua evoluzione nelle sue continue interazioni con il genoma e l'ambiente. Un organismo ha espressioni proteiche radicalmente diverse a seconda delle varie parti del suo corpo, nelle varie fasi del suo ciclo di vita e nelle varie condizioni ambientali.

A differenza della genomica, che riguarda il corredo genico di un organismo, la proteomica riguarda l'intero corredo proteico contenuto in una cellula in un dato momento. Dato che durante la sua vita una cellula può trovarsi in differenti condizioni metaboliche o del ciclo cellulare, il contenuto proteico è altamente variabile.

Si è poi già a conoscenza dei fatto che l'uomo possiede all'incirca 20.000 geni, ma il contenuto proteico supera il milione. Questo dislivello che si ha tra il numero di geni e nel numero di proteine prodotte in un organismo è dovuto differenti fattori, quali:

Il proteoma è l'insieme di tutti i possibili prodotti proteici espressi in una cellula, incluse tutte le isoforme e le modificazioni post-traduzionali. Il proteoma è dinamico nel tempo, varia in risposta a fattori esterni e differisce sostanzialmente tra i diversi tipi cellulari di uno stesso organismo.

Studio delle proteomica[modifica | modifica wikitesto]

La proteomica può essere studiata con varie tecniche ma la tecnica di elezione è l' elettroforesi bidimensionale. Questa tecnica ci permette di vedere tutto l'apparato proteico contenuto in una cellula e ci permette inoltre di separare le proteine, prima, a seconda del loro punto isoelettico, poi, a seconda del loro peso molecolare. L'elettroforesi bidimensionale garantisce inoltre un elevata risoluzione e un'elevata riproducibilità, non che una capacità di separare simultaneamente migliaia di proteine. Per riconoscere le proteine all'interno del gel per elettroforesi, è possibile applicare una colorazione fluorescente. Le colorazioni maggiormente utilizzate sono:

  • Cosmasi blu
  • Silver
  • Sypro

La tipologia di colorazione che viene effettuata va in parte ad influire sulle tecniche che possono essere eseguite in seguito. Ad esempio, la colorazione Blu di cosmasi risulta essere la più utilizzata ma non risulta poi compatibile con la spettroscopia di massa.

La spettroscopia di massa è infatti un'altra importantissima tecnica utilizzata nell'analisi proteica. In questa tecnica le proteine, o i peptidi, vengono portati in fase gassosa e poi ionizzate. Si misura poi il loro rapporto massa/carica osservato la differenza di accelerazione degli ioni quando viene applicato un campo elettrico.

Rimane comunque da ricordare che gli studi riguardanti la proteomica sono più difficili da compiere rispetto agli studi di genomica. A quest'oggi siamo in grado di conoscere la sequenza di basi che costituisce un gene in tempi davvero brevi ed esistono tecniche altamente funzionali che sono in grado di riconoscere e classificare le varie sequenze che si trovano in un gene ( motivi, strutturali, siti di inizio e di terminazione della traduzione, ecc...). Per quello che riguarda la proteomica gli studi sono ancora molto arretrati. La grande difficoltà nell'avanzare di questa disciplina è nella difficoltà di riuscire a ottenere quantità abbondanti di proteine, di campione, per eseguire le analisi. Proteine insolubili, come quelle di membrana, sono infatti difficili da portare in soluzione e quindi il loro studio diviene altamente complesso. Durante i passaggi di purificazione e cristallizzazione delle proteine, per lo studio ai raggi X, molto campione viene anche perso o danneggiato ( le proteine possono infatti denaturare o aggregare tra loro e precipitare in modo irreversibile). Si necessitano quindi delle tecniche che riescano a fornire una maggiore quantità di materiale di partenza per lo studio di queste macromolecole.

Livelli di sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente la proteomica si sviluppa su tre diversi livelli:

  • proteomica sistematica, che mira all'identificazione ed alla caratterizzazione del proteoma;
  • proteomica differenziale, che punta sull'espressione differenziale delle proteine in cellule diverse di uno stesso organismo ed in momenti di vita diversi di una stessa cellula;
  • proteomica funzionale, che a sua volta comprende lo studio delle interazioni tra proteine (interattomica), lo studio delle interazioni tra una proteina ed i suoi substrati (metabolomica) e lo studio delle funzioni specifiche delle proteine (genomica enzimatica, genomica biochimica).

Alcune definizioni di proteomica[modifica | modifica wikitesto]

  • "The ensemble of various technologies necessary to identify and ascribe biology to proteins in vivo" (DM&D proteomics report).
L'insieme delle varie tecnologie necessarie a identificare e assegnare le funzioni biologiche alle proteine in vivo.
  • "Part of the functional analysis of gene products including large-scale identification and interaction studies of proteins" (Nature Biotech).
Parte dell'analisi funzionale dei prodotti dei geni inclusa l'identificazione su larga scala e lo studio delle interazioni delle proteine.
  • "The complete profile of proteins present in the cell, in the tissue, and the body as a whole" (Leroy Hood).
Il profilo completo delle proteine presenti nella cellula, nel tessuto e nel corpo intero.
  • "The large scale study of proteins, usually by biochemical methods" (Matthias Mann).
Lo studio su larga scala di proteine, di solito con metodi biochimici.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]