Prossima fermata: l'inferno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Prossima fermata - L'inferno)
Prossima fermata: L'inferno
Prossimafermatalinferno-2008.png
Vinnie Jones in una scena del film
Titolo originaleThe Midnight Meat Train
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneUSA
Anno2008
Durata100 min
Rapporto2.35 : 1
Generethriller, orrore
RegiaRyūhei Kitamura
SoggettoClive Barker
SceneggiaturaJeff Buhler
ProduttoreQuentin Tarantino, Gary Lucchesi, Clive Barker, Jorge Saralegui, Eric Reid, Richard Wright
Produttore esecutivoJoe Daley, Anthony DiBlas, David Scott Rubin, Robert McMinn, Fisher Stevens, John Penotti, Peter Block, Jason Constantine
Casa di produzioneLionsgate, Lakeshore Entertainment
Distribuzione (Italia)Universal Pictures
FotografiaJonathan Sela
MontaggioToby Yates
MusicheRobb Williamson, Johannes Kobilke
ScenografiaClark Hunter
CostumiChristopher Lawrence
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

« Ci sono già stati dei rapimenti, è già successo in passato »

(citazione dal film)

Prossima fermata: L'inferno (The Midnight Meat Train) è un film del 2008, diretto da Ryūhei Kitamura, tratto dal racconto Macelleria mobile di mezzanotte di Clive Barker, contenuto nella raccolta Infernalia (Books of Blood - Volume One).

In Italia il film è stato distribuito dalla Universal Pictures direttamente in DVD.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere stato ingaggiato dalla proprietaria di una galleria d'arte per un'esposizione, il giovane fotografo Leon Kauffman decide di perlustrare la vita notturna, fotografando il lato oscuro dell'umanità. Nella metropolitana della città, Leon si imbatte nel pericoloso serial killer Mohagany, meglio conosciuto come il "Macellaio della Metro". Leon si fa prendere dalla smania, indagando negli oscuri meandri della metro. Una sera Leon sorprende Mohagany intento a macellare un malcapitato sul misterioso treno teatro dei delitti. Ne nasce una colluttazione durante la quale Leon perde i sensi. Si risveglierà la mattina dopo in una stazione abbandonata nei pressi del mattatoio. La trama si infittisce e alla fine si scopre la presenza di mostri che divorano i corpi procurati dal killer.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente il film doveva essere diretto da Patrick Tatopoulos nel 2005, con riprese già previste tra New York e Montreal. Nel 2006 Tatopoulos lascia la produzione del film e viene sostituito da Ryūhei Kitamura. A causa dei costi proibitivi delle riprese nella città di New York, la produzione ha optato per location più economiche, come Los Angeles e la sua metropolitana. Le riprese hanno avuto inizio ufficialmente il 17 marzo 2007, con un budget di circa 15 milioni di dollari.[1]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente doveva essere distribuito nelle sale statunitensi il 16 maggio 2008,[2] ma l'uscita fu posticipata. Il film debutta ufficialmente nelle sale il 1º agosto 2008 con un numero limitato di copie, con la programmazione di un'imminente distribuzione per il mercato home video. La prima mondiale del film è avvenuta il 19 luglio 2008 al Fant-Asia Film Festival.

Clive Barker si è arrabbiato ed ha protestato vivacemente con la Lionsgate per il trattamento riservato al film, troppo intenta nella promozione di The Strangers.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Recensione, latelanera.com. URL consultato l'11-04-2009.
  2. ^ (EN) Midnight Meat Train: Lionsgate Nearly Butchers Its Own Horror Film, nysun.com. URL consultato l'11-04-2009.
  3. ^ The Midnight Meat Train: la recensione in anteprima, splattlog.com. URL consultato l'11-04-2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema