Prolasso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il prolasso è la fuoriuscita di un organo o di una sua parte, dalla sua collocazione naturale; questo può avvenire attraverso aperture naturali (ad esempio da vagina o ano), solitamente a causa del rilasciamento dei normali mezzi di fissazione dell'organo,[1] o artificiali (ad esempio da una ferita).[2]

I più frequenti sono i prolassi dell'utero o del retto.[3]

La terapia è solitamente di tipo chirurgico.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Prolasso nel "Dizionario di Medicina", in Dizionario di medicina, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2010.
  2. ^ Prolasso, in Enciclopedia Italiana, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  3. ^ Prolasso, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina