Projekt Riese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Complesso Książ TRicovero anti aereo a Głuszyca Complesso Jugowice Complesso Włodarz Complesso Soboń Complesso Rzeczka Complesso Osówka Complesso Sokolec
Progetto Riese. Cliccare sulle diverse localitá per visualizzare le piantine dei tunnel

Projekt Riese ˈʁiːzə (dal ted. "Progetto gigante") è il nome in codice per un progetto di costruzione della Germania nazista tra il 1943 e il 1945, composto da sette strutture sotterranee situate tra le Eulengebirge ("monti del gufo") e il castello di Książ in Bassa Slesia, allora territorio tedesco, ora invece territorio polacco.

Nessuno tunnel è stato completato; tutti sono in diversi stati di completamento con solo una piccola percentuale rinforzata con il cemento.

L'obiettivo del progetto rimane incerto a causa della mancanza di documentazione.[1][2][3] Alcune fonti suggeriscono che tutte le strutture erano parte del quartier generale del Führer; secondo altre, era una combinazione di quartier generali e industrie per armi,[4][5] ma rispetto a strutture simili può indicare che solo il castello è stato adattato come un quartier generale o altro residenza ufficiale e che le gallerie delle Eulengebirge sono state pianificati come una rete di fabbriche sotterranee.[6][7][8]

I lavori di costruzione furono eseguiti da lavoratori forzati, prigionieri di guerra, e prigionieri dei campi di concentramento e molti hanno perso la vita per lo più a causa di malattie e malnutrizione.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Complesso Rzeczka

In presenza di crescenti incursioni aeree alleate, la Germania nazista trasferì gran parte della sua produzione di armamenti strategici in regioni più sicure tra cui il distretto Sudetenland.[9][10][11] I piani per la protezione delle infrastrutture critiche coinvolse anche il trasferimento delle fabbriche di armi ai bunker sotterranei[10][12] e la costruzione dei rifugi antiaerei per i funzionari governativi.[13]

Nel settembre 1943, il ministro degli armamenti e della produzione bellica Albert Speer e il capo dell'Organizzazione Todt iniziarono a discutere del progetto Riese.[14] Di conseguenza, la Schlesische Industriegemeinschaft AG (Slesia Industrial Company) fu creata per svolgere i lavori di costruzione.[15][16][17] Nel mese di novembre sono stati stabiliti i campi collettivi (Gemeinschaftslager) per i lavoratori forzati, utilizzando prigionieri di guerra dall'Italia,[18][19] dall'Unione Sovietica,[8][20] e più tardi dalla Polonia, all'indomani della rivolta di Varsavia.[21][22]

Una rete di strade, ponti, ferrovie a scartamento ridotto e fu creato per collegare i siti di scavo con le vicine stazioni ferroviarie. I prigionieri riciclarondo materiali da costruzione, tagliando alberi e scavando serbatoi e canali di scolo. Alcune piccole dighe furono costruite per ottenere riserve idriche e sistemi fognari. In seguito, per lo scavo dei tunnel si usarono esplosivi e dopo rafforzati con cemento e acciaio.[23] A tale scopo, sono stati impiegati specialisti per l'estrazione, per lo più tedeschi, italiani, ucraini, e cechi ma il lavoro più pericoloso e faticoso fu eseguito dai prigionieri.[24]

Il progresso dello scavo delle gallerie procedeva lentamente poiché la struttura dei monti delle Eulengebirge è costituita da roccia gneiss,[25][26][27] una roccia alquanto dura. La maggior parte delle strutture simili veniva invece perforato data la presenza di una roccia più morbida, l'arenaria; queste rocce davano il vantaggio di una protezione totale dai bombardamenti alleati e la possibilità di costruire strutture sotterranee alte fino a 12 metri e con un volume pari a 6.000 m3.[28]

Nel mese di dicembre 1943, si verificò tra i prigionieri un'epidemia di tifo, data dal fatto che questi erano tenuti in pessime condizioni igieniche, esausti e affamati. Come risultato, la costruzione dei tunnel rallentò significativamente.[29][30][31] C'erano almeno cinque campi[32] e un numero sconosciuto di lavoratori e di prigionieri di guerra costretti a lavorare per il progetto, alcuni fino alla fine della guerra.[33] Anche il numero dei detenuti che hanno perso la vita non è noto.

Complesso Osówka

Nel mese di aprile 1944, insoddisfatto per l'avanzamento del progetto, Adolf Hitler ha deciso di consegnare la direzione dei lavori all'Organizzazione Todt e assegnare i lavori ai prigionieri dei campi di concentramento.[15][34][35] Furono impiegati tredici campi di lavoro (Arbeitslager, AL), alcuni posti in prossimità delle gallerie. La rete di questi campi fu chiamata Arbeitslager Riese e faceva parte del campo di concentramento di Gross-Rosen.[36] L'amministrazione del AL Riese e del comandante del campo, SS-Hauptsturmführer Albert Lütkemeyer,[37] si trovavano nel AL Wüstegiersdorf. Da dicembre 1944 a gennaio 1945 i detenuti furono sorvegliati da 853 soldati delle SS.[38]

Secondo i dati incompleti, almeno 13.000 prigionieri hanno lavorato per il progetto,[39] la maggior parte di loro sono stati trasferiti dal campo di concentramento di Auschwitz.[40] I documenti consentono l'identificazione di 8.995 prigionieri.[41] Tutti loro erano ebrei,[42] circa il settanta per cento dall'Ungheria, il resto da Polonia, Grecia, Romania, Cecoslovacchia, Paesi Bassi, Belgio e Germania.[43][44] La mortalità era molto alta a causa di: malattie, malnutrizione, stanchezza, lavori pericolosi e il trattamento dei detenuti da parte delle guardie tedesche.[45][46] Molti prigionieri esausti furono re-inviati al campo di concentramento di Auschwitz.[47][48] La deportazione di 857 prigionieri è documentata, così come 14 esecuzioni dopo tentativi di fuga falliti. Un totale stimato di 5.000 vittime hanno perso la vita.[49]

Alla fine del 1944, si verificò un'altra epidemia di tifo tra i prigionieri.[50][51] Poiché la linea del fronte si avvicinava sempre più, l'evacuazione dei campi fu avviata nel febbraio 1945, ma in alcuni posti di lavoro potrebbe essere stata effettuata anche alla fine di aprile.[52] Alcuni prigionieri furono lasciati alle spalle, per lo più quelli gravemente malati, fino a quando l'Armata Rossa arrivò nella zona nel maggio 1945.[53] Il progetto Riese fu quindi abbandonato nella fase iniziale di costruzione e solo 9 chilometri (25.000 m2, 100.000 m3) di gallerie furono scavate.[54]

Lista dei campi[modifica | modifica wikitesto]

Campi per lavori forzati e prigionieri di guerra
Nome tedesco[55][56] Nome polacco della località Coordinate Data di utilizzo[57]
Gemeinschaftslager I Wüstewaltersdorf Walim 50°41′50″N 16°26′41″E / 50.697222°N 16.444722°E50.697222; 16.444722 (Gemeinschaftslager I Wüstewaltersdorf) Nov 1943 – Mag 1945
Gemeinschaftslager II Dörnhau Kolce 50°40′07″N 16°23′36″E / 50.668611°N 16.393333°E50.668611; 16.393333 (Gemeinschaftslager II Dörnhau) Nov 1943 – Mag 1945
Gemeinschaftslager III Wüstegiersdorf Głuszyca 50°41′05″N 16°22′21″E / 50.684722°N 16.3725°E50.684722; 16.3725 (Gemeinschaftslager III Wüstegiersdorf) Nov 1943 – Mag 1945
Gemeinschaftslager IV Oberwüstegiersdorf Głuszyca Górna 50°40′27″N 16°22′44″E / 50.674167°N 16.378889°E50.674167; 16.378889 (Gemeinschaftslager IV Oberwüstegiersdorf) Nov 1943 – Mag 1945
Gemeinschaftslager V Tannhausen Jedlinka 50°41′55″N 16°21′56″E / 50.698611°N 16.365556°E50.698611; 16.365556 (Gemeinschaftslager V Tannhausen) Mar 1944 – 1945
Sottocampi Arbeitslager Riese
Nome tedesco Nome polacco della località Coordinate Data di utilizzo
AL Dörnhau Kolce 50°40′07″N 16°23′36″E / 50.668611°N 16.393333°E50.668611; 16.393333 (AL Dörnhau) Giu 1944 – Mag 1945
AL Erlenbusch Olszyniec 50°43′32″N 16°22′57″E / 50.725556°N 16.3825°E50.725556; 16.3825 (AL Erlenbusch) Mag 1944 – Mag 1945
AL Falkenberg Sowin 50°38′39″N 16°28′16″E / 50.644167°N 16.471111°E50.644167; 16.471111 (AL Falkenberg) Apr 1944 – Feb 1945
AL Fürstenstein Książ 50°50′15″N 16°18′05″E / 50.8375°N 16.301389°E50.8375; 16.301389 (AL Fürstenstein) Mag 1944 – Feb 1945
AL Kaltwasser Zimna Woda 50°40′30″N 16°23′14″E / 50.675°N 16.387222°E50.675; 16.387222 (AL Kaltwasser) Aug 1944 – Dec 1944
AL Lärche Soboń 50°41′12″N 16°24′17″E / 50.686667°N 16.404722°E50.686667; 16.404722 (AL Lärche) Ott–Dic 1944 – Feb 1945
AL Märzbachtal Potok Marcowy Duży 50°41′16″N 16°23′16″E / 50.687778°N 16.387778°E50.687778; 16.387778 (AL Märzbachtal) Apr–Giu 1944 – Feb 1945
AL Säuferwasser Osówka 50°40′17″N 16°24′50″E / 50.671389°N 16.413889°E50.671389; 16.413889 (AL Säuferwasser) Aug 1944 – Feb 1945
AL Schotterwerk Głuszyca Górna 50°40′18″N 16°22′04″E / 50.671667°N 16.367778°E50.671667; 16.367778 (AL Schotterwerk) Apr–Mag 1944 – Mag 1945
AL Tannhausen Jedlinka 50°41′55″N 16°21′56″E / 50.698611°N 16.365556°E50.698611; 16.365556 (AL Tannhausen) Apr–Mag 1944 – Mag 1945
AL Wolfsberg Włodarz 50°42′14″N 16°25′26″E / 50.703889°N 16.423889°E50.703889; 16.423889 (AL Wolfsberg) Mag 1944 – Feb 1945
AL Wüstegiersdorf Głuszyca 50°41′05″N 16°22′21″E / 50.684722°N 16.3725°E50.684722; 16.3725 (AL Wüstegiersdorf) Apr 1944 – Feb 1945
AL Wüstewaltersdorf Walim 50°41′50″N 16°26′41″E / 50.697222°N 16.444722°E50.697222; 16.444722 (AL Wüstewaltersdorf) Apr 1944 – 1945
Zentralrevier Tannhausen Jedlinka 50°42′00″N 16°21′57″E / 50.7°N 16.365833°E50.7; 16.365833 (Zentralrevier Tannhausen) Nov 1944 – Mag 1945

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Albert Speer, p. 217
  2. ^ Nicolaus von Below, p. 352
  3. ^ Neil Short, p. 14, 23
  4. ^ Franz Seidler,  pp. 218–219
  5. ^ Kosmaty, p. 146
  6. ^ Mariusz Aniszewski, p. 143
  7. ^ Bella Gutterman, p. 143
  8. ^ a b Jacki Kalarus, p. 5
  9. ^ Mariusz Aniszewski, p. 5
  10. ^ a b Jacki Kalarus, p. 3
  11. ^ Piotr Kałuża, p. 4
  12. ^ Bella Gutterman, pp. 121–122
  13. ^ Mariusz Aniszewski, p. 3
  14. ^ Franz Seidler,  pp. 218
  15. ^ a b Bella Gutterman, pp. 120
  16. ^ Jacki Kalarus, p. 4
  17. ^ Abraham Kajzer, p. 14-15
  18. ^ Mariusz Aniszewski, p. 24
  19. ^ Abraham Kajzer, p. 16
  20. ^ Piotr Maszkowski, p. 10
  21. ^ Franz Seidler,  pp. 223
  22. ^ Neil Short, p. 14
  23. ^ Mariusz Aniszewski, p. 26-28
  24. ^ Kosmaty, p. 151
  25. ^ Sienicka, p. 420–422
  26. ^ Piotr Kałuża, p. 10, 12
  27. ^ Kosmaty, p. 145
  28. ^ Piotr Kałuża, p. 11, 12
  29. ^ Jacki Kalarus, p. 6
  30. ^ Piotr Maszkowski, p. 11
  31. ^ Mariusz Aniszewski, p. 154
  32. ^ Mariusz Aniszewski, p. 24, 35
  33. ^ Dariusz Korólczyk, p. 25
  34. ^ Franz Seidler,  pp. 219-220
  35. ^ Jerzy Cera, pp. 26
  36. ^ Abraham Kajzer, p. 16
  37. ^ Bella Gutterman, pp. 125
  38. ^ Mariusz Aniszewski, p. 6
  39. ^ Abraham Kajzer, p. 20
  40. ^ Jacki Kalarus, p. 13
  41. ^ Bella Gutterman, pp. 126-127
  42. ^ Abraham Kajzer, p. 16
  43. ^ Cybulski, p. 277
  44. ^ Bella Gutterman, pp. 127
  45. ^ Mariusz Aniszewski, p. 48–57
  46. ^ Jerzy Cera, pp. 21-22
  47. ^ Bella Gutterman, pp. 127-128
  48. ^ Abraham Kajzer, p. 17
  49. ^ Abraham Kajzer, p. 20
  50. ^ Jacki Kalarus, p. 12-13
  51. ^ Mariusz Aniszewski, p. 154
  52. ^ Franz Seidler,  pp. 226
  53. ^ Mariusz Aniszewski, p. 57-58
  54. ^ Biczak, p. 7
  55. ^ Mariusz Aniszewski, p. 24
  56. ^ Dariusz Korólczyk, p. 25
  57. ^ Dariusz Korólczyk, p. 25

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Albert Speer, Inside the Third Reich, The Macmillan Company, 1970, pp. 272, ISBN 978-0-684-82949-4.
  • (PL) Nicolaus von Below, Byłem Adiutantem Hitlera 1937–45, Wydawnictwo Ministerstwa Obrony Narodowej, 1990, ISBN 83-11-07767-3.
  • (EN) Neil Short, The Führer's Headquarters – Hitler’s Command Bunkers 1939–45, Oxford, Osprey Publishing, 2010, ISBN 978-1-84603-582-1.
  • (PL) Mariusz Aniszewski, Podziemny Świat Gór Sowich – Riese – Zamek Książ – Rüdiger, Cracovia, Wydawnictwo Technol, 2006, ISBN 978-83-916111-7-3.
  • (EN) Bella Gutterman, A Narrow Bridge to Life: Jewish Forced Labor and Survival in the Gross-Rosen Camp System, 1940–1945, New York, Berghahn Books, 1982, ISBN 978-1-84545-206-3.
  • (PL) Jacki Kalarus, Tajemniczy Świat Osówki, Nowa Ruda, Józef Poniatowski, 1997, ISBN 83-907263-3-5.
  • (EN) Franz Seidler, Hitler's Secret Headquarters – The Führer's Wartime Bases, from the Invasion of France to the Berlin Bunker, London, Greenhill Books, 2004, ISBN 1-85367-622-5.
  • (PL) Jerzy Kosmaty, Roboty Górnicze Prowadzone w Górach Sowich w Ramach Programu "Riese" w Okresie Drugiej Wojny Światowej, Politechnika Wrocławska, 2006, pp. 145–161.
  • (PL) Piotr Kałuża, "Kompleks Riese" – z Punktu Widzenia Geologi, Poszukiwania, 2009, pp. 10–16.
  • (PL) Abraham Kajzer, Za Drutami Śmierci, Wałbrzych, Muzeum Gross-Rosen, 2013, ISBN 978-83-89824-06-6.
  • (PL) Piotr Maszkowski, Widmowe Podziemia Głuszycy, Konin, Instytut Badań Historycznych i Krajoznawczych, 2010, pp. 8–10.
  • (PL) Katarzyna Sienicka, Szczegółowe Zdjęcie Geologiczne Obiektu "Osówka" (Kompleks "Riese"), Politechnika Wrocławska, Katarzyna, pp. 415–430.
  • (PL) Dariusz Korólczyk, Na Tropie Bunkra Hitlera, Konin, Instytut Badań Historycznych i Krajoznawczych, 2004, pp. 23–25.
  • (EN) Jerzy Cera, Tajemnice Gór Sowich, Cracovia, 1998, ISBN 83-910649-0-5.
  • (PL) Bogdan Cybulski, Badań Nad Śmiertelnością Wśród Więźniów KL Gross-Rosen w Górach Sowich w Latach 1944–1945, Wrocław, WUW – Uniwersytet Wrocławski, 2008, pp. 275–308.
  • (PL) Radosław Biczak, Szalony Pomysł Hitlera, Konin, nstytut Badań Historycznych i Krajoznawczych, 2001, pp. 6–11.


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Nazismo Portale Nazismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di nazismo