Programma per la valutazione internazionale dell'allievo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Programma per la valutazione internazionale dell'allievo (Programme for International Student Assessment, meglio noto con l'acronimo PISA), è una indagine internazionale promossa dall'OCSE nata con lo scopo di valutare con periodicità triennale il livello di istruzione degli adolescenti dei principali paesi industrializzati.

Studenti alla lavagna

Obiettivo e metodologia[modifica | modifica sorgente]

PISA è un progetto iniziato nel 2000 che è stato sviluppato collegialmente dai paesi partecipanti e indirizzato alle scuole per ragazzi di età intorno ai 15 anni.

L'indagine valuta in che misura gli allievi prossimi alla conclusione dell'obbligo scolastico hanno acquisito alcune delle conoscenze e delle abilità essenziali del loro corso di studi.

In tutti i cicli, gli ambiti di alfabetizzazione letteraria, matematica e scientifica sono coperti non soltanto in termini di padronanza del programma di studi della scuola, ma in termini di conoscenze ed abilità applicate nella vita pratica. Nel ciclo PISA 2003 è stato introdotto un ambito supplementare relativo alla soluzione dei problemi, volto ad un esame interdisciplinare delle competenze.

L'indagine è stata effettuata in 43 paesi nella prima valutazione nel 2000, in 41 paesi nella seconda valutazione nel 2003, in 57 paesi nella terza valutazione nel 2006 e una sessantina nel 2009. Le prove hanno come destinatari, tipicamente, fra 4.500 e 10.000 allievi in ogni paese.

Ogni studente partecipa ad un test scritto della durata di due ore. Una parte del test è sviluppata con domande a risposta multipla, un'altra parte - con domande a risposta aperta - richiede lo sviluppo autonomo di risposte personali. Gli studenti devono anche riempire un questionario sulle loro abitudini di studio, le loro motivazioni e il loro retroterra famigliare. I dirigenti scolastici a loro volta compilano un questionario che descrive l'organizzazione, la demografia ed il finanziamento dei loro istituti.

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Indagine 2003[modifica | modifica sorgente]

Riassunto dei risultati 2003 (migliori 6 a livello internazionale e punteggio dell'Italia):

Matematica Lettura Scienze Problem solving
1. Hong Kong Hong Kong 550
2. Finlandia Finlandia 544
3. Corea del Sud Corea del Sud 542
4. Paesi Bassi Paesi Bassi 538
5. Liechtenstein Liechtenstein 536
6. Giappone Giappone 534
Media OCSE 500
Italia Italia 466
1. Finlandia Finlandia 543
2. Corea del Sud Corea del Sud 534
3. Canada Canada 528
4. Australia Australia 525
5. Liechtenstein Liechtenstein 525
6. Nuova Zelanda Nuova Zelanda 522
Media OCSE 494
Italia Italia 476
1. Finlandia Finlandia 563
2. Hong Kong Hong Kong 542
3. Canada Canada 534
4. Taiwan Taiwan 532
5. Estonia Estonia 531
6. Giappone Giappone 531
Media OCSE 500
Italia Italia 486
1. Corea del Sud Corea del Sud 550
2. Finlandia Finlandia 548
2. Hong Kong Hong Kong 548
4. Giappone Giappone 547
5. Nuova Zelanda Nuova Zelanda 533
6. Macao Macau 532
Media OCSE 500
Italia Italia 489

Fonte: PISA 2003 Country Profiles [1]

Una analisi dell'indagine del 2003 ha mostrato che non necessariamente i paesi che spendono di più nell'educazione hanno risultati migliori. Ad esempio Australia, Belgio, Canada, Repubblica Ceca, Finlandia, Giappone, Corea del Sud e Paesi Bassi hanno mostrato ottimi risultati nonostante spese per l'istruzione non superiori ad altri paesi. Al contrario gli USA hanno una spesa per l'istruzione relativamente elevata ma risultati non eccelsi. I punteggi medi sono solo uno dei criteri di valutazione: dietro allo stesso punteggio medio si possono nascondere situazioni molto diverse. Importante ad esempio è anche valutare l'omogeneità dei risultati, cioè le differenze di punteggio tra allievi più deboli e allievi più forti, un indice di equità. La Finlandia ad esempio mostra ottimi risultati anche in questo senso: non solo il punteggio medio è elevato in tutti gli ambiti testati, ma anche il divario di prestazione tra i più forti e i meno forti è tra i più contenuti.

Un altro fattore rilevato è quello famigliare: dai risultati si evince che studenti provenienti da famiglie più agiate e con genitori più istruiti danno risultati migliori.

Indagine 2006[modifica | modifica sorgente]

Elenco delle migliori 20 posizioni 2006:

Matematica Scienze Lettura
1. Taiwan Taiwan Finlandia Finlandia Corea del Sud Corea del Sud
2. Finlandia Finlandia Hong Kong Hong Kong Finlandia Finlandia
3. Hong Kong Hong Kong Canada Canada Hong Kong Hong Kong
4. Corea del Sud Corea del Sud Taiwan Taiwan Canada Canada
5. Paesi Bassi Paesi Bassi Estonia Estonia Nuova Zelanda Nuova Zelanda
6. Svizzera Svizzera Giappone Giappone Irlanda Irlanda
7. Canada Canada Nuova Zelanda Nuova Zelanda Australia Australia
8. Macao Macao Australia Australia Liechtenstein Liechtenstein
9. Liechtenstein Liechtenstein Paesi Bassi Paesi Bassi Polonia Polonia
10. Giappone Giappone Liechtenstein Liechtenstein Svezia Svezia
11. Nuova Zelanda Nuova Zelanda Corea del Sud Corea del Sud Paesi Bassi Paesi Bassi
12. Belgio Belgio Slovenia Slovenia Belgio Belgio
13. Australia Australia Germania Germania Estonia Estonia
14. Estonia Estonia Regno Unito Regno Unito Svizzera Svizzera
15. Danimarca Danimarca Rep. Ceca Repubblica Ceca Giappone Giappone
16. Rep. Ceca Repubblica Ceca Svizzera Svizzera Taiwan Taiwan
17. Islanda Islanda Macao Macao Regno Unito Regno Unito
18. Austria Austria Austria Austria Germania Germania
19. Slovenia Slovenia Belgio Belgio Danimarca Danimarca
20. Germania Germania Irlanda Irlanda Slovenia Slovenia

Riassunto dei risultati 2006 in paragone con le indagini precedenti:

Matematica Lettura Scienze
2000 2003 2006 2000 2003 2006 2000 2003 2006
Germania Germania 490±3 (20) 503±3 (16) 504±4 (14) 484±3 (21) 491±3 (18) 495±4 (14) 487±2 (20) 502±4 (15) 516±4 (8)
Liechtenstein Liechtenstein 514±7 536±4 483±4 525±4 476±7 525±4
Lussemburgo Lussemburgo 446±2 (26) 493±1 (20) 490±1 (22) 441±2 (26) 479±2 (23) 479±1 (22) 443±2 (26) 483±1 (24) 486±1 (25)
Austria Austria 515±3 (11) 506±3 (15) 505±4 (13) 507±2 (10) 491±4 (19) 490±4 (14) 519±3 (8) 491±3 (20) 511±4 (12)
Svizzera Svizzera 529±4 (7) 527±3 (7) 530±3 (4) 494±4 (17) 499±3 (11) 499±3 (11) 496±4 (18) 513±4 (9) 512±3 (11)
Belgio Belgio 520±4 (9) 529±2 (6) 520±3 (8) 507±4 (11) 507±3 (9) 501±3 (10) 496±4 (17) 509±3 (11) 510±3 (13)
Finlandia Finlandia 536±2 (4) 544±2 (1) 548±2 (1) 546±3 (1) 543±2 (1) 547±2 (2) 538±3 (3) 548±2 (1) 563±2 (1)
Francia Francia 517±3 (10) 511±3 (13) 496±3 (17) 505±3 (14) 496±3 (14) 488±4 (17) 500±3 (12) 511±3 (10) 495±3 (19)
Italia Italia 457±3 (24) 466±3 (26) 462±2 (27) 487±3 (20) 476±3 (25) 469±2 (24) 478±3 (23) 483±3 (24) 475±2 (26)
Giappone Giappone 557±6 (1) 534±4 (4) 523±3 (6) 522±5 (8) 498±4 (12) 498±4 (12) 550±6 (2) 548±4 (2) 531±3 (3)
Canada Canada 533±1 (6) 532±2 (5) 527±2 (5) 534±2 (2) 528±2 (3) 527±2 (3) 529±2 (5) 519±2 (8) 534±2 (2)
Messico Messico 387±3 (27) 385±4 (29) 406±3 (30) 422±3 (27) 400±4 (29) 410±3 (29) 422±3 (27) 405±3 (29) 410±3 (30)
Paesi Bassi Paesi Bassi 538±3 (3) 531±3 (3) 513±3 (8) 507±3 (9) 524±3 (5) 525±3 (6)
Turchia Turchia 523±5 423±7 (28) 424±5 (29) 550±6 441±6 (28) 447±4 (28) 519±9 434±6 (28) 424±4 (29)
Stati Uniti USA 493±8 (19) 483±3 (24) 474±4 (25) 504±7 (15) 495±3 (15) 499±7 (14) 489±4 (21)

Fonte: PISA 2006 Science Competencies for Tomorrow's World [2]

A livello internazionale Australia, Belgio, Canada, Repubblica Ceca, Finlandia, Giappone, Corea del Sud e Paesi Bassi confermano il loro ottimo livello.

I risultati dell'indagine 2006 hanno mostrato un deterioramento del già non eccelso livello medio italiano. A livello nazionale i risultati dei licei e delle aree del Nord sembrano migliori, ma "i punteggi sono significativamente inferiori alla media italiana sia per gli studenti meridionali che per quelli figli di immigrati" [3]. "I dati sui test di matematica dell'indagine Pisa sono impietosi per gli studenti quindicenni italiani. Solo il Nord-Est è in media europea, con punte di eccellenza nei licei. Sud e Isole hanno punteggi da paese in via di sviluppo" [4].

Reazioni ai risultati[modifica | modifica sorgente]

In Lussemburgo vi sono state polemiche in quanto sembra che i risultati siano stati in parte compromessi dal fatto che il test non sia stato fatto in lussemburghese, lingua madre della maggior parte degli studenti.

Per molti paesi i primi Studi PISA sono stati una brutta sorpresa. In Germania i risultati relativamente mediocri hanno creato un acceso dibattito politico sul sistema scolastico tedesco.

Ecco alcuni titoli di giornale sull'argomento:

Italia[modifica | modifica sorgente]

Nonostante i preoccupanti risultati italiani (sia lo studio del 2003 che quello del 2006 hanno messo in luce gravi lacune nei giovani italiani al termine dell'obbligo scolastico, ben peggio della Germania), gli Studi PISA sono stati poco considerati sia dall'opinione pubblica che dalla politica. I risultati della prima indagine del 2000 sono stati resi noti alla pubblica opinione in Italia solo nel dicembre 2001.
Laddove si è discusso, ci si è spesso concentrati sulle critiche al metodo di analisi invece che sullo stato oggettivo dell'istruzione nel paese. In Italia, infatti, "gli insegnanti sembrano replicare un criterio di votazione relativa all'interno delle classi più che confrontarsi con un metro nazionale"[5]. In Italia, del resto, "di fatto non sono ancora stati definiti standard di apprendimento"[5], mentre appare invece "auspicabile che venga rafforzata la omogeneità degli esami di Stato (percorso già avviato tramite la re-introduzione di un commissario esterno), e sembra urgente anche progettare un sistema di valutazione nazionale robusto volto a misurare il valore aggiunto delle scuole, in grado di fornire alla collettività un valido strumento di supporto alle decisioni"[5].
Mentre in Germania il dibattito ha determinato una mobilitazione nazionale di scuola e famiglie, con il risultato di risalire dal 18º posto del 2003 al 13° del 2006, l'Italia ha perso nel frattempo 9 posizioni scendendo nel 2006 al 36º posto.

Ecco alcuni commenti dai titoli di giornale:

Critiche e considerazioni[modifica | modifica sorgente]

Le principali critiche si basano sulla difficoltà di comparare sistemi educativi e sociali differenti, e su apparenti incongruenze degli Studi PISA con altre indagini valutative internazionali analoghe.

Non mancano anche critiche basate su fondamenti ideologici, pregiudizi e interessi politici, come ad esempio considerazioni su presunti scopi economici di parte del PISA [6].

Un rischio oggettivo, sottolineato da alcuni osservatori, è che le concezioni dei test PISA e dell'OCSE possano interferire eccessivamente sulle politiche educative nei singoli paesi. L'APMEP (associazione francese dei professori di matematica per l'insegnamento pubblico) sottolinea che già in alcuni paesi si osserva una esortazione ai responsabili dei sistemi educativi a modificare gli insegnamenti, la formazione degli insegnanti e gli stessi programmi per adattarsi ai test delle indagini PISA [7].

Paragone del PISA con altri sistemi di valutazione[modifica | modifica sorgente]

Vi sono altri sistemi di valutazione internazionale come il Trends in international mathematics and science study[8], a cura dell'International Association for Evaluation of Educational Achievement (IEA). Sembra che i risultati dei test TIMSS a volte contraddicano i risultati degli Studi PISA. Le principali differenze probabilmente sono dovute al fatto che i test matematici PISA sono basati su problemi pratici connessi con la vita reale, mentre i test TIMSS sono basati su prove più tradizionali e teoriche come la comprensione delle frazioni e dei decimali [9].

Per quanto riguarda le abilità di lettura il test affine al PISA è il Progress in International Reading Literacy Study (PIRLS). Secondo l'OCSE: "Il PISA non misura in che modo i quindicenni sono abili nella lettura o fino a che punto comprendono le parole che leggono". Al contrario, il PISA misura come gli studenti siano capaci di "costruire, estendere e riflettere sul significato di quello che hanno letto" [10]. Il PIRLS invece si focalizza sulla semplice capacità di lettura [11] [12].

Ad ogni modo la correlazione fra i dati dei vari test internazionali è - secondo Heiner Rindermann - ottima a livello nazionale e comunque buona a livello internazionale [13].

È dunque ragionevole affermare che questi test di valutazione internazionale misurano con un buon grado di approssimazione le principali abilità cognitive quali l'intelligenza ed il grado di conoscenza su elementi di istruzione di base a livello macroscopico [13].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) oecd.org: "PISA 2003 Country Profiles"
  2. ^ (EN) oecd.org: "PISA 2006 Science Competencies for Tomorrow's World"
  3. ^ "PISA amara per meridionali e immigrati", Lavoce.info, 28 marzo 2008
  4. ^ "Paura della matematica", Lavoce.info, 21 luglio 2008
  5. ^ a b c Aline Pennisi , Salvatore Modica e Valentino Dardanoni, "Scuole, voti e competenze", Lavoce.info, 13 settembre 2007
  6. ^ L'analisi "è stata commissionata dagli ambienti vicini all'economia privata, nel concreto vicini all'Organizzazione mondiale del commercio (WTO). Quindi la loro idea non è quella di migliorare la scuola pubblica, al contrario con questi test vogliono dimostrarne la necessità di trasformarla ulteriormente in un'azienda redditizia" fisicamente.net, 2005
  7. ^ "Déjà, dans plusieurs pays, on observe une incitation des responsables des systèmes èducatifs à modifier l'enseignement, la formation des enseignants et même les programmes, pour s'adapter aux conceptions et aux tests de PISA", da "Informations et réflexions sur le volet mathématique de l'étude PISA", APMEP, ottobre 2005
  8. ^ TIMSS
  9. ^ (EN) "TIMSS Assessment Framework 2003"
  10. ^ (EN) "PISA 2003 Assessment Framework", Chapter 2
  11. ^ (EN) "PIRLS 2006 Assessment Framework", Chapter 1
  12. ^ (EN) "PIRLS 2006 Assessment Framework", Chapter 4
  13. ^ a b (EN) Heiner Rindermann, The g-factor of international cognitive ability comparisons: the homogeneity of results in PISA, TIMSS, PIRLS and IQ-tests across nations in European Journal of Personality, n. 21, 2007, pp. 667-706. DOI:10.1002/per.634, ISSN 08902070.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]